testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Lo sapevi che puoi aggiungere le informazioni di Google Map nel Forum? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Rupestrella philippii (Cantraine, 1840) ?
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3125 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 30 gennaio 2008 : 19:19:55 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Carissimi amici,a settembre, su roccia calcarea, uscendo dal paese di Saturnia (GR) ho rinvenuta una popolazione di piccole Chondrinidae che riterrei ascrivibile a Rupestrella philippii, la misura è di 4 mm, la popolazione era abbastanza numerosa e gli esemplari, quasi sempre ricoperti da incrostazioni, erano aderentissimi alla parete in esposizione solare.
R. philippii è segnalata da Alzona per la Toscana, il Lazio, la Campania, l'Isola di Capri, la Calabria, Gargano Tremiti Sicilia Egadi Malta e Sardegna.
La specie è trattata ed illustrata nel volume "The non-marine mollusca of the Maltese islands" di Giusti, Manganelli e Schembri. Rispetto alla tavola che la illustra su tale volume, i miei esemplari mi paiono avere la spira un po' più dritta, se però non appartenessero a tale specie non saprei a quale Chondrinidae siano attribuibili in quanto le varie Chondrina dovrebbero tutte avere un numero maggiore di dentelli e pliche.
Sarei grato di avere il parere di chi con maggiore esperienza di me conosce tale gruppo.
Ciao a tutti

Ale
Immagine:
Rupestrella philippii (Cantraine, 1840) ?
90,23 KB di
Immagine:
Rupestrella philippii (Cantraine, 1840) ?
82,05 KB
Immagine:
Rupestrella philippii (Cantraine, 1840) ?
86,5 KB

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


10975 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 30 gennaio 2008 : 20:41:22 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
complimenti per il ritrovamento, nonostante l'Alzona riporti questa specie per l'Italia centrale tirrenica, non ho mai trovato questa piccola specie; c'è un altro post del nostro Lepurisposu su questa specie, qui; mi sembra che ci siano differenze con i tuoi esemplari
secondo Welter-Schultes Rupestrella è strettamente legata al substrato calcareo e non riesce a sopravvivere altrove

biblio: F W Welter-Schultes, M R Williams, History, island area and habitat availability determine land snail species richness of Aegean islands, Journal of Biogeography 26 (1999) 239-249

ciao

ang
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2182 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 30 gennaio 2008 : 21:11:40 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Garogolo

Sono proprio delle Rupestrella philippi



Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8916 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 30 gennaio 2008 : 23:54:42 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grande occhio di malacologo garagolo,in effetti la forma della conchiglia postata differisce non poco da quelle maltesi pubblicate da Giusti.
Dovevamo pur aspettarcelo che specie calciofile con mobilità quasi zero presentino caratteristiche diverse tra le varie località.
Così la descrive Cantraine:


Rupestrella philippii (Cantraine, 1840) ?


Considerando le aree geografiche prese in cosiderazione probabilmente si tratta di un complesso di specie simili difficilmente distinguibili,solo da una revisione del genere si potrebbe stabilire quale è la vera Rupestrella philippii.
La forma presentata da Garagolo comunque ne sarebbe esclusa non essendo inserita tra le località citate dall'autore l'Italia continentale.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo
Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Lepurisposu
Utente Senior


Città: Su Masu

Regione: Sardegna


1912 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 00:05:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Nonostante sia arrivato in ritardo, confermo anche io la determinazione complimenti dunque per il ritrovamento!
Effettivamente le popolazioni di Rupestrella philippii che troviamo nel Mediterraneo occidentale possono presentare differenze anche notevoli: per quanto mi riguarda ho potuto riscontrare queste differenze anche in popolazioni della Sardegna geograficamente molto vicine (ma non in contatto) e solo raramente, tralaltro, ho trovato all'interno di una popolazione una variabilità individuale, ma ciascuna era di norma rappresentata da un morfotipo costante.
un caro saluto a tutti
Lèpurisposu

àiri a pinta de caddaxu. pinnicadì linna crabaxu
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8916 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 01:15:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Frantzì,
quando hai un po' di tempo postaci i morfotipi che hai trovato.
La distribuzione di questa specie che è stata sempre presa come unica ci dice che difficilmente può essere la stessa in tutto l'areale,per ora cominciamo ad osservare le differenze di forma poi si deciderà se sara utile studiarla più a fondo.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo
Sandro
Torna all'inizio della Pagina

siciliaria
Utente Senior


Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2017 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 09:36:40 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
In primis posso confermarvi che R.philippi non è proprio strettamente legata a substrati calcarei, in Sicilia si trova anche su acalcareo.
Secondariamente la presenza dei dentelli non è molto significativa, visto che nell'ambito di una popolazione vi è una % di esemplari che presenta tutti caratteri tipici, mentre un'altra % rimane "incompleta"; questo complica le cose soprattutto per quanto riguarda le altre Rupestrella. Saluti
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8916 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 16:51:06 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La forma dei dentelli varia con l'età dell'individuo ed in ogni popolazione sono presenti esemplari più o meno maturi.
Quello in cui differisce la popolazione di Saturnia non è la dentellatura ma la forma del giro che è molto meno arrotondata e con suture meno marcate.
Potrebbe sicuramente essere un demi locale,ma considerando la diversità di forma e che la località in cui è stata trovata è diversa faunisticamente dalle altre aree in cui si trova questa specie, penso che meriterebbe un approfondimento.
Se non è stata trasportata antropicamente potrebbe far supporre un lunghissimo periodo di isolamento da altre popolazioni.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo
Sandro
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3125 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 19:02:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie a tutti

Ale
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2182 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 20:25:22 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Subpoto:

La forma dei dentelli varia con l'età dell'individuo ed in ogni popolazione sono presenti esemplari più o meno maturi.


Su questo non ci sono dubbi,
Penso che Siciliaria volesse dire questo: in Sicilia i giovani di R. philippi (con dentatura non completa) si possono confondere con gli adulti di altre specie di Rupestrella

Messaggio originario di Subpoto:

Quello in cui differisce la popolazione di Saturnia non è la dentellatura ma la forma del giro che è molto meno arrotondata e con suture meno marcate.


Avendo presenti le popolazioni di R. philippi della Sicilia, io non avevo notato nulla di strano negli esemplari di Garagolo
ad ongi modo, occhio alle incrostazioni sulla sutura

Messaggio originario di Subpoto:
Potrebbe sicuramente essere un demi locale,ma considerando la diversità di forma e che la località in cui è stata trovata è diversa faunisticamente dalle altre aree in cui si trova questa specie, penso che meriterebbe un approfondimento.
Se non è stata trasportata antropicamente potrebbe far supporre un lunghissimo periodo di isolamento da altre popolazioni.



Sono d'accordo che popolazioni così distanti e isolate possano nascondere delle sorprese !


Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3125 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 31 gennaio 2008 : 21:35:51 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Caro Fabiomax, In effetti a ben guardare l'effetto di minor incisione della sutura è in buona parte falsato dalla presenza delle incrostazioni,
ciao

Ale
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,34 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net