testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
   ACARI, SCORPIONI E RAGNI
 Araneae
 Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 25

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 14 ottobre 2006 : 22:17:32 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Arachnida Ordine: Araneae Famiglia: Sicariidae Genere: Loxosceles Specie:Loxosceles rufescens
Questi "simpatici" animaletti (Loxosceles rufescens) continuano ancora a scorrazzare liberamente in casa mia.
Tre anni fa ho avuto la sfortuna di essere morso da uno di loro alla gamba e sono restato quasi un anno senza lavorare.
Ciao
Marco



Immagine:
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
182,63 KB

Modificato da - yurimariannini in Data 03 agosto 2018 15:43:46

lardo
Utente Junior


Città: bologna

Regione: Emilia Romagna


51 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 ottobre 2006 : 23:36:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sono molto sinantropi. Piuttosto distinguere la specie L.rufescens dalla L.laeta non è facile. Ad occhio nudo solo le dimensioni maggiori del laeta li distingue. Il laeta ha una tossicità molto maggiore, anche se l'effetto del veleno, in tutto il genere, è determinato dall'iperergia del sistema immunitario del soggetto morso. Ciao.

chiare, fresche, dolci acque........
Torna all'inizio della Pagina

Istrice
Amministratore


Città: Ostia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


10849 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 ottobre 2006 : 23:39:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
ma che problemi ti ha dato alla gamba? raccontaci, se ti va
Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 15 ottobre 2006 : 10:24:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La puntura è di solito indolore, com’è stato nel mio caso e gli effetti si manifestano diverse ore dopo.
Come dice Ilic probabimente gli stessi sono variabili da persona a persona.
Nel mio caso, riassumendo:
1) febbre iniziale a 41°
2) reazione cutanea morbilliforme
3) impossibilità a camminare per due settimane
4) creazione di una escara necrotica di notevole spessore e dimensioni sul polpaccio della gamba.
Rimosso il quale comicia il calvario delle medicazioni della ferita, in casa e ospedale, più volte al giorno, per 10 mesi, con un processo di cicatrizzazione lunghissimo.
Vi assicuro che non è piacevole !

Riguardo alle specie non ho ancora ben capito se L.laeta esiste o meno in Italia.
L’ esemplare della foto non è grande (7 mm), il maggiore che ho incontrato però è stata una femmina di 11 mm.

Ciao
Marco
Torna all'inizio della Pagina

lardo
Utente Junior


Città: bologna

Regione: Emilia Romagna


51 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 ottobre 2006 : 11:18:49 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Hai avuto la reazione tipica del primo stadio di loxoscelismo.
responsabile potrebbe essere anche il L.rufescens. Il L.laeta è segnalato, ma è più grande delle dimensioni da te misurate.

chiare, fresche, dolci acque........
Torna all'inizio della Pagina

hyles
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


555 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 15 ottobre 2006 : 22:38:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Purtroppo la determinazione di questi ragni non è molto semplice, quindi anche se L.laeta è segnalata in Italia, ci sono alcuni dubbi.
Però secondo i libri L.rufescens non dovrebbe arrivare a 1 cm di lunghezza, con le dimensioni che si aggirano al massimo agli 8mm. L.laeta invece è più grande.
In questo momento ho in casa 2 Loxosceles, che mi ha portato Migdan, ambedue italiani.
Il più piccolo è ancora immaturo ma dovrebbe essere un L.rufescens. L'altro invece è veramente grande, tanto da spingere Daniele a pensare che sia un L.laeta. Anche io sono rimasto piuttosto impressionato dalle dimensioni di questo ragno e la foto che hai postato tu mi sembra somigli molto a questo esemplare. Appena riesco lo fotografo e posto le immagini per un confronto. Certo comunque sono animali da trattare con le dovute cautele, indipendentemente da quale specie sia, nonostante la poca aggressività.
Spero solo di non perdermi qualche sling in giro per casa.
ciao Diego




Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata
(A me mi piace vivere alla grande - Franco Fanigliulo)
Torna all'inizio della Pagina

hyles
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


555 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 18 ottobre 2006 : 23:50:06 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ecco qui, posto le foto dei due loxosceles che ho a casa.
Il primo è veramente grande,il secondo invece più piccolo, ma è un giovane.

Immagine: Adulto
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
45,57 KB



Immagine: Primo piano
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
59,47 KB



Immagine:Immaturo
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
80,27 KB

Notare i 6 occhi nella disposizione tipica di questa famiglia, e la postura che ricorda quella di alcuni Philodromidae e di quelle famiglie che gli inglesi reggruppano sotto il nome di Crab Spider.
Ciao Diego



Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata
(A me mi piace vivere alla grande - Franco Fanigliulo)
Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 ottobre 2006 : 19:21:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Diego,
Davvero un notevole esemplare.
Ma, a parte le dimensioni, non si può tentare di accertarsi della specie attraverso altri particolari anatomici ?
Se davvero dovesse trattarsi del L.laeta, ho letto che la sua pericolosità è maggiore del L.rufescens, ma anche del malfamato cugino Nord Americano (Loxosceles reclusa).
Ti prego di tenerci aggiornati su eventuali sviluppi.
Ciao

p.s. volevo postare una foto del mio polpaccio, per far vedere cos'è in grado di fare, ma non è un bello spettacolo (e non so se è permesso).
Torna all'inizio della Pagina

Regaleco
Utente Senior


Città: Gela
Prov.: Caltanisetta

Regione: Sicilia


1860 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 ottobre 2006 : 19:39:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di majella:

Ciao Diego,
Davvero un notevole esemplare.
Ma, a parte le dimensioni, non si può tentare di accertarsi della specie attraverso altri particolari anatomici ?
Se davvero dovesse trattarsi del L.laeta, ho letto che la sua pericolosità è maggiore del L.rufescens, ma anche del malfamato cugino Nord Americano (Loxosceles reclusa).
Ti prego di tenerci aggiornati su eventuali sviluppi.
Ciao

p.s. volevo postare una foto del mio polpaccio, per far vedere cos'è in grado di fare, ma non è un bello spettacolo (e non so se è permesso).


Io non mi impressiono anzi mi piacerebbe molto vedere una foto del genere, in giro per il web ci sono tanti fake mentre questa sarebbe sicuramente vera e tutti gli aracnofili-aracnologi potremmo farci un'idea di cosa può causare un Loxosceles locale






Modificato da - Regaleco in data 19 ottobre 2006 19:58:38
Torna all'inizio della Pagina

Regaleco
Utente Senior


Città: Gela
Prov.: Caltanisetta

Regione: Sicilia


1860 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 ottobre 2006 : 19:43:07 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per Hyles: tieni dei Loxosceles in casa ?
Forse pensi di usarli contro qualcuno per vendetta





Torna all'inizio della Pagina

PiErGy
Moderatore

Città: Pescara
Prov.: Pescara

Regione: Abruzzo


2188 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 ottobre 2006 : 22:14:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Li trovo spesso in casa e li ho anche tenuti e riprodotti varie volte. In realtà non sono del tutto convinto della reale pericolosità di Loxosceles rufescens. Va detto che la pericolosità del veleno di questo ragno non è causata dal veleno stesso ma principalmente dal fatto che nei cheliceri sono presenti vari tipi di batteri tra cui Clostridium perfrigens e altri congeneri, noti per le pericolose necrosi e infezioni che sono in grado di provocare (tetano, tossina botulinica vi dicono niente?); la simbiosi con tali batteri permette al ragno di nutrirsi anche di piccoli animali morti. Se l'azione della tossina del veleno può avere un effetto limitato, l'infezione causata dal Clostridium è molto più difficile da combattere. L'argomento è poi più complesso, in quanto:

1) Non è detto che nei cheliceri di questo ragno sia sempre presente C. perfrigens o altre specie ugualmente micidiali.
2) Se in America le segnalazioni abbondano e in Europa no, può darsi che sia dovuto al fatto che in base alla distribuzione geografica il ragno abbia un diverso batterio simbionte nei cheliceri.

Clostridium perfrigens è comunque in grado di causare gravi infezioni cutanee anche senza morso di ragno, basta che una piccola ferita vada a contatto con del suolo infetto.

Consiglio agli interessati di procurarsi questo articolo, molto interessante:

"Isolation and identification of Clostridium perfringens in the venom and fangs of Loxosceles intermedia (brown spider): enhancement of the dermonecrotic lesion in loxoscelism".

Dettagli su Google...


Dove sono i generali che si fregiarono nelle battaglie con cimiteri di croci sul petto? Dove i figli della guerra, partiti per un ideale, per una truffa, per un amore finito male? Hanno rimandato a casa le loro spoglie nelle bandiere, legate strette perché sembrassero intere...
Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 20 ottobre 2006 : 23:15:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Piergy

Molto interessante il tuo post e l’articolo che ci hai consigliato, grazie.

Tu sei dell’opinione che forse i nostri loxosceles non hanno poi una grande pericolosità, li hai studiati bene e probabilmente hai ragione.
Io però ho molte perplessità.
Dipenderà dal fatto che ho passato una brutta esperienza, ma rimango dell’idea, fino a prova contraria, che questi ragni siano molto insidiosi. Del resto la possibilità che possano “usare”, al pari dei loro cugini americani, dei micidiali batteri come alleati non ne sminuisce la pericolosità, anzi.
Purtroppo nel mio caso non ho fatto subito esami particolari sulla ferita, solo a tre mesi, con un tampone, dove si è rilevato solo la presenza dell’ onnipresente Staphylococcus aureus. . Qualche mese dopo si è riscontrato un’ altro batterio , più insidioso: Pseudomonas aeruginosa, ma credo che non sia da mettere in relazione con il Loxosceles.
Riguardo alla scarsa aggressività del nostro ragno l’ho notato anch’io, se stuzzicati cercano sempre di scappare, senza mai attaccare. Il problema ci può essere quando sono messi alle strette o feriti e questo intuitivamente può capitare quando ci si infilano i vestiti, o quando salgono sui nostri letti. Poco tempo fà è capitato che , mentre mi coricavo nel letto, stavo quasi per schiacciare con il viso un loxosceles, me ne sono accorto all’ultimo momento, notando con la coda dell’occhio una macchiolina marrone. L’esemplare era capovolto sul dorso e sembrava morto, ma nel prenderlo mi sono accorto che era vivo e quindi, potenzialmente, ancora in grado di mordere. Ancora in precedenza ne trovai un’ altro su un asciugamano che stavo per utilizzare per asciugare il viso. Questo per dire che gli “incontri ravvicinati” sono possibili. Tali incontri ovviamente aumentano col numero di ragni presenti. Solo nella mia stanza da letto ne ho contati, nel tempo, una ventina; nell’ intera casa ero arrivato a superare i 150 ragni, poi ho smesso di contarli.
Un’ultima cosa riguarda la scarsa (o nulla) conoscenza da parte dei medici della zona in materia di aracnismo necrotico. Come si fa a diagnosticare se neppure la si conosce ?
Il fatto che non vengano segnalati casi non mi meraviglia affatto.
In America in questo campo sono moooolto più avanti.

Dopo questa lunga arringa accusatoria al ragno, il verdetto è……colpevole !
La parola alla difesa

Ciao, Marco

Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 20 ottobre 2006 : 23:18:07 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ecco la mia ferita, in alto a destra il punto della puntura.


Immagine:
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
223,84 KB
Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 20 ottobre 2006 : 23:20:33 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia


Immagine:
Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
263,24 KB

Le due foto si riferiscono a 1 anno dopo il morso, quando è completamente cicatrizzata.
Torna all'inizio della Pagina

lardo
Utente Junior


Città: bologna

Regione: Emilia Romagna


51 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 ottobre 2006 : 00:21:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La cicatrice è tipica di un morso necrotizzante. Si capisce bene come un morso in una sede esposta, sia tutt'altro che uno scherzo...........
Riguardo al tampone da te fatto, Staphilococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa sono contaminanti cutanei. In particolare la Pseudomonas è un saprofita contaminante dopo antibioticoterapia. Esistono ceppi multiresistenti di questi batteri gram negativi e quindi "compaiono" dopo un trattamento antibiotico non eradicante.
Niente quindi di portato dal Loxosceles.
Negli USA buoni risultati sulle ulcere necrotiche sono stati usati col Dapsone, un antiprotozoario usato soprattutto nella terapia della lebbra e delle reazioni cutanee autoimmuni come il penfigo e le dermatiti bollose severe. In Italia il dapsone non è registrato e non è quindi usato.
Sarebbe stata utile anche la cura in camera iperbarica. L'ulcera è ipoossigenata (lo Pseudomonas ci sguazza nei terreni poveri di ossigeno...) e la sua guarigione sarebbe stata facilitata dalla camera iperbarica.
Concordo sul fatto che in Italia non ci sia cultura per i morsi di ragno. Il motivo? Un pò di ignoranza, un pò di scarso interesse visto l'esiguo numero di casi segnalati, un pò di cattiva informazione (quanti morsi sfuggono ad una catalogazione medica?).
Insomma, è vero. Qua manca l'esperienza.
Ciao.


chiare, fresche, dolci acque........
Torna all'inizio della Pagina

majella
Utente Senior

Città: atessa
Prov.: Chieti

Regione: Abruzzo


1048 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 ottobre 2006 : 12:16:43 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Notizie utilissime, grazie.
Se ci sarà una prossima volta, saprò come comportarmi.
Ciao
Torna all'inizio della Pagina

Regaleco
Utente Senior


Città: Gela
Prov.: Caltanisetta

Regione: Sicilia


1860 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 ottobre 2006 : 18:57:42 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Porco cane !!! Ma vi immaginate essere morsi in faccia ?
Per Lardo: tu dici: " Staphilococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa sono contaminanti cutanei. In particolare la Pseudomonas è un saprofita contaminante dopo antibioticoterapia".
Significa che si insediano nelle ferite dopo antibioticoterapia o sulla pelle in generale?






Modificato da - Regaleco in data 21 ottobre 2006 19:04:23
Torna all'inizio della Pagina

lardo
Utente Junior


Città: bologna

Regione: Emilia Romagna


51 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 ottobre 2006 : 20:39:50 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Regaleco:

Porco cane !!! Ma vi immaginate essere morsi in faccia ?
Per Lardo: tu dici: " Staphilococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa sono contaminanti cutanei. In particolare la Pseudomonas è un saprofita contaminante dopo antibioticoterapia".
Significa che si insediano nelle ferite dopo antibioticoterapia o sulla pelle in generale?
Lo Staphiloccoccus aureus vive normalmente sulla cute umana. Doventa patogeno solo quando si replica oltre misura. Ognuno di noi ha avuto infezioni da Stafiloccocco aureo...i brufoli sono sovrainfezioni stafilococciche.
Lo Pseudomonas aeruginosa è un gram negativo, anche lui normale commensale, che si sviluppa negli ambienti poco ossigenati. E siccome ha una infinità di ceppi divenuti resistenti agli antibiotici ad ampio spettro, colonizza le zone del corpo "liberate" dall'antibioticoterapia. Fra i batteri la competizione è una forma di difesa. con noi convivono acidobatteri innocui che respingono i ceppi patogeni. Una terapia antibiotica può rompere questo equilibrio e dare origine a superinfezioni resistenti, dure da eradicare.







chiare, fresche, dolci acque........
Torna all'inizio della Pagina

Regaleco
Utente Senior


Città: Gela
Prov.: Caltanisetta

Regione: Sicilia


1860 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 ottobre 2006 : 18:06:46 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ne ho trovato uno pure io

Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni

indovinate dove




Modificato da - Regaleco in data 23 ottobre 2006 18:07:51
Torna all'inizio della Pagina

EffeCi
Utente Senior


Città: Milano
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


2668 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 ottobre 2006 : 18:18:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
E vabbeh, visto che insistete...
Questi (una coppia) li ho trovati nella cucina di un appartamento infestato da Supella longipalpa dove stavo lavorando...

Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni

Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni



--------------------------------------
Dubito, ergo sum.
Torna all'inizio della Pagina

hyles
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


555 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 ottobre 2006 : 20:01:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Regaleco:

Porco cane !!! Ma vi immaginate essere morsi in faccia ?


Dopo aver letto qualche caso di persone morse nel sonno, ed aver visto gli effetti sulla parte colpita, non ci crederete, non ho pensato al viso, ho cominciato a dormire...con le mutande.
ciao Diego



Ragno violino Loxosceles rufescens - non usare il post per richieste di identificazioni
A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata
(A me mi piace vivere alla grande - Franco Fanigliulo)
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 25 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 1 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net