testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Come inserire i video di Youtube nel Forum Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


ATTENZIONE! Gli Amministratori ed i Moderatori di questa sezione del Forum di Natura Mediterraneo desiderano che l'argomento caccia sia evitato perchè ritengono che Associazioni come il WWF, Legambiente e Lipu, siano molto ben organizzate e coerentemente molto attive su questo argomento.
Inutile dire che siamo completamente in linea con gli ideali di queste associazioni.

Per contribuire alle finalità di salvaguardia che il forum si propone chiediamo inoltre a tutti gli utenti di collaborare con noi affinchè si possa contribuire a diffondere un'etica di approccio all'osservazione della fauna che rechi il minor disturbo possibile agli animali.


 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MAMMIFERI
 Sulla neve ma ......
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

vespa90ss
Utente Super


Città: Firenze

Regione: Toscana


6390 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 02 dicembre 2009 : 16:02:07 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Sulla neve ma senza infastidire gli animali....

qui

ciao Beppe


Bottled beetles - salviamo le spiagge, i litorali, le dune dai barbari
clicca per Facebook





Luciano54
Moderatore


Città: Forlì
Prov.: Forlì-Cesena

Regione: Emilia Romagna


4958 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 dicembre 2009 : 06:42:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di vespa90ss:

Sulla neve ma senza infastidire gli animali....

qui



Ineccepibile!
Alcuni di questi consigli potrebbero anche diventare regole "obbligate"
Ciaoo.







Link
Torna all'inizio della Pagina

vespa90ss
Utente Super


Città: Firenze

Regione: Toscana


6390 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 dicembre 2009 : 08:25:01 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
L'articolo cui faceva riferimento il link non è più recuperabile e la cosa un po' mi meraviglia in considerazione del fatto che l'argomento era piuttosto interessante ed avrebbe coinvolto un gran numero di lettori. Peccato.
Ho trovato un vecchio articolo dell'anno scorso in cui lo stesso argomento riguardante il dramma che sono costretti ad affrontare gli animali nel corso di annate particolarmente nevose e fredde, viene interpretato con chiavi di lettura addirittura contrapposte. Quindi anche le soluzioni prese sono esattamente agli antipodi.....
Riporto l'articolo nel caso anche questo dovesse scomparire:

BeatAurora - lunedì 29 dicembre 2008 13.06
Preoccupate Lombardia e Val d'Aosta


Le recenti nevicate sull'arco alpino stanno mettendo a rischio la sopravvivenza di un'elevata percentuale di animali sia nell'area protetta del Gran Paradiso, in Valle d'Aosta, sia in quello dello Stelvio, in Lombardia. Ad essere in pericolo sono soprattutto gli animali erbivori, come caprioli, camosci, stambecchi e cervi, che non trovando cibo sono costretti a scendere nei fondovalle, dove rischiano di essere travolti dalle auto.

All'Ente parco del Gran Paradiso la preoccupazione è grande: "Il probabile incremento della mortalità invernale della fauna dovuta alle eccezionali nevicate di quest'anno - si legge in una nota - non fa che aumentare la preoccupazione di ulteriori perdite numeriche, oltre a quelle già registrate negli ultimi censimenti". Attualmente nelle cinque valli del Parco (due in Piemonte e tre in Valle d'Aosta), vivono circa 10mila camosci e 2.600 stambecchi; la popolazione di questi ultimi, spiega però il veterinario del Parco, Bruno Bassano, è in costante calo da una quindicina d'anni dopo il picco del '93 (circa 5.000 esemplari), "soprattutto - spiega - per l'alta mortalità dei piccoli, un fenomeno che interessa anche altre zone del mondo, tra cui il Nord America, dalle cause ancora poco chiare".

In questo periodo gli stambecchi sono nella fase riproduttiva e solo fra qualche settimana saranno costretti a valle a cercare cibo per la sopravvivenza; i camosci pagheranno invece l'elevato accumulo di neve nei fondovalle e la copertura anche delle zone erbose che normalmente perdono in pochi giorni la neve, persistente invece quest'anno anche sui versanti meridionali (dai 2-3 metri in quota ai 150-200 centimetri nei fondovalle).

Il consiglio di Bassano a chi visiterà nelle prossime settimane la riserva è quello di "non disturbare gli animali e cercare di non interagire, ad esempio dando loro da mangiare, perché questo non li aiuterebbe; anche se può sembrare crudele bisogna accettare questa forma di selezione naturale. In ogni caso vigileremo sugli animali, recuperando i soggetti in difficoltà, adulti, vecchi o i capretti che hanno perso le madri, ma questo è un compito che spetta al Parco".

In Valtellina e Valchiavenna, invece, l'Enpa ha organizzato squadre di volontari per portare fieno a stambecchi, cervi, camosci e caprioli nei boschi in quota, sommersi dalle abbondanti nevicate. "I problemi maggiori - spiega un animalista che opera nella zona di Santa Caterina Valfurva - sono per gli esemplari più giovani, molti dei quali faticano a muoversi nella neve molto alta e spesso sono vittime di slavine e di investimenti di auto, quando scendono a valle a caccia di cibo. Il maltempo favorisce la selezione naturale e l'eliminazione dei soggetti più deboli, è vero, ma di questo passo si rischia una vera e propria strage. Senza dimenticare che i bracconieri hanno vita facile".

Su cosa fare, comunque, non tutti sono d'accordo: "Non si registrava una nevicata cosi' abbondante a inizio stagione dal lontano 1986 - ricorda Luca Pedrotti, coordinatore scientifico del Parco Nazionale dello Stelvio -. Se le precipitazioni nevose così intense si dovessero ripetere a breve, seguite da ondate di gelo, la mortalità degli animali sarà elevata. Ma gli interventi con alimentazione artificiale non sono una valida strategia, quindi il parco è contrario a iniziative simili. L'obiettivo è, infatti, di assicurare la conservazione delle popolazioni di ungulati, non dei singoli animali".

tgcom


un saluto, Beppe

Bottled beetles - salviamo le spiagge, i litorali, le dune dai barbari
clicca per Facebook





Torna all'inizio della Pagina

Carlmor
Moderatore Trasversale


Città: Varese
Prov.: Varese

Regione: Lombardia


8940 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 dicembre 2009 : 08:40:02 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho trovato il nuovo link dell'articolo: è disponibile qui
ringrazio Beppe per la segnalazione

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Neto
Moderatore


Città: Dozza
Prov.: Bologna

Regione: Emilia Romagna


2826 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 04 dicembre 2009 : 20:00:08 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Luciano54:
Ineccepibile!
Alcuni di questi consigli potrebbero anche diventare regole "obbligate"
Ciaoo.

Link

Non sarebbe una brutta cosa

Link
Torna all'inizio della Pagina

Albisn
Utente Senior


Città: Seregno
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


3975 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 06 dicembre 2009 : 20:44:37 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
L'attenzione verso la fauna selvatica deve crescere ancora parecchio. Gli animali non interessano un gran chè.

Ho appena guardato un inserto turistico di un giornale dedicato alla provincia di Lecco. Sono indicate tutte le attrattive possibili meno che la fauna, che in montagna c'è ed è sicuramente molto interessante.

Lo stesso noto persino sui siti di vari parchi. Non voglio fare nomi, ma è così. Anche qui si parla di tutto. Notizie sulla fauna limitate e incerte.

Ma per fortuna c'è FNM a incrementare la cultura e la sensibilità sull'argomento. Avanti così!

Saluti
Alberto

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 1,09 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net