testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


ATTENZIONE! Questo forum è un luogo di discussione su tradizioni, nomi, leggende, filastrocche, feste, raffigurazioni, musiche, rituali, calendari, miti, fonti letterarie e simili riguardanti la natura e NON un luogo di scambio di ricette o istruzioni su come "utilizzare" piante, funghi o animali a scopo medico, culinario o altro. Informazioni dettagliate in tal senso potranno essere rimosse dai moderatori. Il prelievo in natura di piante, funghi ed animali può causare gravi danni all'ambiente ed essere legalmente sanzionabile. Il loro utilizzo inappropriato, a maggior ragione se non correttamente identificati, può avere conseguenze anche estremamente gravi, talvolta letali.


 Tutti i Forum
 Forum Natura Mediterraneo - Varie
 LA NATURA NELLE TRADIZIONI
 SONDAGGIO ETNOLOGICO: CONOSCI IL "CANTO DELLE LUMACHE"?
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
<< Pagina Precedente | Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 44

theco
Utente Super




6094 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 settembre 2009 : 15:29:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Allora faccio qualche ricerca on line nelle lingue che hai sollecitato: il russo per esempio.

#1059;#1083;#1080;#1090;#1082;#1072;, #1091;#1083;#1080;#1090;#1082;#1072;!
#1055;#1086;#1082;#1072;#1078;#1080; #1089;#1074;#1086;#1080; #1088;#1086;#1075;#1072;,
#1044;#1072;#1084; #1082;#1091;#1089;#1086;#1082; #1087;#1080;#1088;#1086;#1075;#1072;,
#1055;#1099;#1096;#1082;#1080;, #1074;#1072;#1090;#1088;#1091;#1096;#1082;#1080;,
#1057;#1076;#1086;#1073;#1085;#1086;#1081; #1083;#1077;#1087;#1077;#1096;#1082;#1080;,-
#1042;#1099;#1089;#1091;#1085;#1080; #1088;#1086;#1078;#1082;#1080;!


Che tradotto (un po' approssimativamente) significa:

Lumaca, lumaca!
mostra le tue corna,
ti darò un pezzo di torta,
ciambelline col formaggio,
dolcettini con il burro,
metti fuori le tue corna!


Appartiene al filone 'animalista' , la trovi qua: Link

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6094 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 settembre 2009 : 15:33:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sorbole, che succede Ben, non mi dirai che ci mancano i caratteri cirillici

Non so come fare a traslitterarli in occidentale, metto l'immagine:


SONDAGGIO ETNOLOGICO: CONOSCI IL

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 settembre 2009 : 15:43:41 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie, Theco! È un problema di codifica dei caratteri; e io metto qui il testo traslitterato in caratteri occidentali, con questo traslitteratore russo gratuito online:

Ulitka, ulitka!
Pokazhi svoi roga,
Dam kusok piroga,
Pyshki, vatrushki,
Sdobnoy lepeshki,-
Vysuni rozhki!

Ovviamente, la metto subito nel database.

Modificato da - Forest in data 17 settembre 2009 16:00:32
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6094 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 settembre 2009 : 12:58:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho provato con l'olandese, ma qua è stata più faticosa...

a pagina 456 del testo "Woordenboek van de Drentse dialecten" (Dizionario del dialetto del Drenthe), alla voce "Hoorn" (corno) ho trovato la nostra storiella:

Slak, slak, stick oe hoorns uut de zak/
Aanders zal ik oe vermoorden/
Op het tippien van de toren.


Però è un problema tradurla, visto che appunto è nel dialetto della zona di Assen, però almeno sai che esiste in quella zona. La traduzione migliore che ho ottenuto è questa, ma non ci farei troppo affidamento:

"Lumaca, lumaca, metti le tue corna fuori dal guscio/
altrimenti io ti ucciderò
sul(col) 'tippen' della torre(?)"

Qui trovi il libro:
Link

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 settembre 2009 : 17:02:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Prima di tutto devo ringraziare come sempre theco per i suoi links, che sono uno più utile ed interessante dell'altro.

Ho aggiornato il database!
L'aggiornamento è piuttosto importante. Scaricatelo da QUI.
- Sono state corrette ed aggiunte molte traduzioni e molte note, talvolta con cambiamenti molto significativi ed interessanti.
- Le versioni sono ora 251, ora anche da Portogallo, Slovenia, Croazia, Olanda, Russia, Belgio, Svezia, Norvegia, Finlandia, Ungheria, Polonia, Ucraina.
- È stata corretta qualche svista (se ne trovano sempre!).

Situazione per l'Italia: sarebbe importante sapere se la nostra filastrocca è conosciuta anche nel sud-est del nostro Paese. Si cercano soprattutto versioni da Puglia, Molise ed Abruzzo.
(In subordine, anche da Marche, Basilicata, Calabria).

Situazione per l'Europa: per capire meglio la distribuzione delle varianti della nostra filastrocca in Europa, si cercano soprattutto esempi da: Bulgaria, Grecia, Albania.
(In subordine: Repubblica Ceca, Slovacchia, Irlanda, Galles).

Situazione al di fuori dell'Europa: si cerca un'ulteriore conferma della presenza reale della filastrocca in Cina, come segnalato per la versione 142.

Alcune traduzioni sono incomplete o molto incerte: ciò è segnalato ogni volta nelle note. Se qualcuno riuscisse a tradurre meglio le corrispondenti versioni potrebbe essere importante e molto utile. Qualcuno vuole provare?

Ed ora… leggiamo, e parliamone!

_____

LINKS:

DATABASE vers. 0003, 21 settembre 2009, 251 documenti
Torna all'inizio della Pagina

ospitone
Utente Senior

Città: Cagliari
Prov.: Cagliari

Regione: Sardegna


1518 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 22 settembre 2009 : 12:25:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho letto il database (versione 3) con estremo interesse (purtroppo non tutte le filastrocche per questioni di tempo). Il database di presta a tantissime considerazioni e collegamenti ad amplissimo raggio. Per ora mi sono venuti in mente questi: spesso – nelle oltre 200 filastrocche – compare la figura della ‘vecchia’, estremamente interessante dal punto di vista folklorico. Di tale figura tratta:

Alinei, Mario (1988b), "Slavic baba and other 'old women' in European dialects. A semantic comparison", in Wokol jezyka. Rozprawy i studia poswiecone pamieci profesora M. Szymczaka, Wroclaw, pp. 41-51.

Sarebbe un filone da indagare!

Si nota che spesso la lumaca è legata al sole; spesso infatti ai piccoli invertebrati si chiedeva il futuro, e per la precisione il tempo meteorologico. Infatti, ad es. nelle filastrocche infantili legate alla coccinella “the rhymes are considered as the remains of prehistoric magical practices and propitiation rites, specially of weather prediction and manipulation practices” (vedi ad es. Jabi Zabala, Josune Iturralde & Marta Saloña, Entoentomologia de la vaquita de san anton o Mariquita (Coccinella septem-punctata) en el pais vasco in:Bol. S.E.A., nº 33 (2003) : 253 – 269. Ce ne sono tantissime testimonianze: per l’italiano cito solo (Monferrato):

1) Galinel-a del Signor, prega Dio ch’al vena al sol

Circa la presenza del pane ( vedi 9, 37, 107, 108, 109, 138, 139, 140, 166, 181, 232, 239) e quella di pepe e sale (240 e 251), propenderei per offerta rituale (che forse in seguito e in alcune versioni è stata reinterpretata in senso culinario) Per la coccinella ad es. abbiamo filastrocche tipo questa:

1) Catherine, fly away. Bread and cheese I will give you.

2) Granma, tus, tus,Count up my fingers, And go with God (If it does not fly, the song goes on), Catherine, fly away, Bread and cheese I will give you.

Sono convinto che analizzare le filastrocche della lumaca all’interno del quadro generale delle filastrocche infantili legate ai piccoli animali offra molte risposte e permetta di apprezzare meglio i motivi ricorrenti. Ma immagino sarà un lavoro da fare in seguito….

Nella versione 126, bobò probabilmente ha il senso di ‘spauracchio’. La diffusione della radice bab-, bub- et sim. per designare lo spauracchio ha enorme diffusione. Appena li trovo dò anche i riferimenti bibliografici.

In molte versioni si nota che alla lumaca si chiede di prevedere il futuro (ad es. dove sono in genitori, ecc). Anche questa prerogativa è attribuita anche ad altri invertebrati terrestri, in primis la coccinella.

Nella versione 206 tradurrei proprio con ‘sposare’ e ‘accoppiare’, mettendo entrambe le traduzioni sullo stesso piano. Ricordo infatti che dal punto di vista folklorico, è estremamente diffusa la credenza secondo cui quando piove e c’è sole, il diavolo si sposa o fa l’amore. Tale credenza è diffusa in:

Italia
Spagna
Catalogna
Germania
Paesi Bassi
Serbia
Macedonia
Turchia
Bulgaria
Romania
Finlandia

E’ quindi interessante notare che anche la chiocciola si sposa o si accoppia nella medesima situazione in cui lo fa il diavolo e altri esseri magici!! Infatti quando piove e fa il sole è ugualmente molto diffusa la credenza che il diavolo, le streghe, gli angeli, i morti facciano il bucato, si lavino, ecc. ecc.!!

I riferimenti sono in Beccaria, G. L., I nomi del mondo. Santi, demoni, folletti e le parole perdute, Einaudi, pag. 160

Su tale fenomeno c’è una eccellente monografia di Kuusi M. (1957) Regen bei Sonnenschein. Zur Weltgeschischte einer Redensart, in: Folklore Fellows Communications, n. 181, Helsinky [trad. it. in Quaderni di Semantica, parte I, XIII (1992); parti II e III, XIV (1993)].

Intanto continuo a leggere per bene il database.

A presto!!!!
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 13:40:11 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho appena parlato (tramite chat) con un francese, il quale mi ha fornito la seguente versione:

(252) Una versione francese

1) TESTO ORIGINALE
Escargot d’Bourgogne
Montre-moi tes cornes
Si tu n’les montres pas
Je n’te lâcherai pas.

2) LINGUA E LUOGO
Francia.

3) TRADUZIONE ITALIANA
Non so il francese, e i traduttori automatici danno una pessima versione. Potete tradurla?

4) MUSICA
La persona che mi ha fornito la versione riferisce che la musica è alquanto diversa da quella della (4). Purtroppo non ha saputo fornirmi le note e non ho potuto ascoltare la melodia.

5) FONTE
Una persona francese di cui ignoro il nome.

NOTE:
Possiamo considerare "d’Bourgogne" come un'evoluzione di "bigorne"? Se così fosse questa sarebbe una versione più recente della (4).

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12844 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 settembre 2009 : 13:53:47 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Con Link si puo transformare tante lingue in altre lingue....



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 14:20:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie, Acipenser.

La traduzione dovrebbe essere:

Lumaca di Borgogna,
mostrami le tue corna;
se tu non me le mostri,
io non ti lascerò andare.

La persona che mi ha fornito la versione riferisce che la musica è alquanto diversa da quella della (4). Purtroppo non ha saputo fornirmi le note e non ho potuto ascoltare la melodia.


Peccato… sarebbe bello recuperarla.

Possiamo considerare "d’Bourgogne" come un'evoluzione di "bigorne"? Se così fosse questa sarebbe una versione più recente della (4).


Secondo me, sì. Questo perché il riferimento alle "corna" ed al loro numero compare in molte versioni in tutta Europa, mentre quello alla Borgogna compare solo in questa versione.
Credo quindi che si possa pensare ad una reinterpretazione locale di un termine di cui non si comprendeva più la funzione originaria, o comunque di una variante locale.

Intanto, io ho recuperato delle interessanti ed originali versioni celtiche da Irlanda e Galles (mi sono tradotto il Gallese, acc… ) e un'altra versione basca. Ho poi dei seri contatti con etnologi all'estero per avere altre versioni basche e lituane.

Non ho ancora ringraziato ospitone per le sue graditissime considerazioni, lo faccio ora:

- la questione della figura della "vecchia"; è vero, in alcune versioni compare. Le mie esperienze passate mi insegnano che è spesso legata alla figura dell'anno vecchio che è passato, e quindi all'idea di morte e di successiva speranza di rigenerazione (ad esempio, nei riti di carnevale e di primavera). Giusto approfondirla. Osservo però che non è una costante presente nella maggior parte delle versioni, ma solo in alcune; credo che il lavoro da fare sia proprio rilevare la frequenza e la funzione dei vari motivi presenti nelle diverse versioni (si chiama "motivo" una tematica trattata, un'azione, un oggetto o un personaggio: ad esempio: genitori, mangiare, vecchia, campane, acqua, sole, ecc…).

- il legame con il sole: osservo che è molto forte nelle versioni spagnole (e portoghesi), ma è più indiretto o assente nelle altre. Un altro lavoro da fare è rilevare su una mappa la distribuzione dei motivi, in modo da distinguere se sono motivi molto localizzati, oppure caratteristici di un'area mediamente ampia ma circoscritta, oppure ampiamente distribuiti, oppure frammentati (cioè presenti localmente in posti molto distanti tra loro). Questo perché può accadere che i motivi locali si sviluppino dopo quelli più "universali", con un processo di diversificazione delle varianti. In altre parole, i motivi più ampiamente distribuiti (e quelli frammentati) potrebbero essere meno recenti di quelli locali (come… nella speciazione, più o meno ).

- chiedere il futuro o di prevedere il tempo viene fatto anche rivolgendosi ad altri piccoli animali… interessante! Allora un altro lavoro da fare sarà confrontare con le filastrocche riferite ad altri piccoli animali, per trovare eventualmente qualcosa che sia caratteristico solo di quelle rivolte alla lumaca (o chiocciola), se c'è. Allora, si potranno "incrociare" i dati di questo lavoro con i dati dei lavori da fare che indicavo nei due punti precedenti, e a quel punto forse il risultato sarà interessante.

- grazie di aver fornito i dati bibliografici di quegli studi sulle tradizioni riguardanti ciò che accade quando piove e simultaneamente splende il sole (v. versione 206); ne conoscevo il contenuto, raccontatomi quest'estate da un amico etnomusicologo, ma non avevo i riferimenti.

- la questione del personaggio "spauracchio" è da approfondire: talvolta ho l'impressione che non sia innanzitutto soltanto uno spauracchio immaginario. Secondo molte versioni, è barbiere, macellaio, sacerdote, maestro: un'autorità riconosciuta. Rifletteremo…

Ah, dimenticavo: persiste ed insiste… la strana assenza di versioni da Basilicata, Puglia, Molise, Abruzzo e - subito ad est di queste nostre regioni - da Albania, Grecia, Bulgaria, Turchia. Le ho cercate esattamente come ho fatto con le altre, ma proprio non ne trovo. Non so se ne troverò nemmeno da Calabria e Marche. Che succede a Sud-Est? Non ci sono…?


Link

Modificato da - Forest in data 23 settembre 2009 14:24:03
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 14:51:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Con Link si puo transformare tante lingue in altre lingue....


Grazie Clemens, ma avevo già provato con pessimi risultati .

Peccato… sarebbe bello recuperarla.


Purtroppo non è più possibile .

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 15:14:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La versione fornitami in chat mi ha consentito di trovare, tramite una breve ricerca su Google, altre interessanti versioni:

(253) Una versione francese

1) TESTO ORIGINALE
Escargot de Bourgogne montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je te mets la tête en bas!
Colimaçon borgne, montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je te fais cuire à la casserole!

Escargot de Bourgogne montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je le dirai au Maître qui te coupera la tête
Je le dirai au loup qui te coupera le cou!

2) LINGUA E LUOGO
Francia.

3) TRADUZIONE ITALIANA
In attesa di traduzioni migliori, fornisco ciò che ho dedotto sistemando una brutta versione generata da un traduttore automatico:

Chiocciola di Borgogna mostrami le tue corna
Se tu non me le mostri ti metto a testa in giù!
Occhi spiraliformi mostrami le tue corna
Se non mi guardi io ti cuocio in pentola!

Chiocciola di Borgogna mostrami le tue corna
Se non mi guardi io dico al Maestro che ti tagli la testa
Dico al lupo che ti tagli il collo!

4) MUSICA
Non la conosco.

5) FONTE
Link

NOTE:
In questa versione, complessa e quindi recente (forse un'unione di due diverse versioni?) appare la sopraccitata figura del maestro.
Nel link si trovano altre filastrocche che devo ancora esaminare.

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6094 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 16:18:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Forest:
si cercano soprattutto esempi da: Bulgaria, Grecia, Albania.
(In subordine: Repubblica Ceca, Slovacchia, Irlanda, Galles).


In Slovacco la trovi qui:
Link


SONDAGGIO ETNOLOGICO: CONOSCI IL
20,63 KB

Traduzione:
Lumaca, lumaca, metti fuori i cornetti,
ti darò farina … salsiccette
Se non li caccerai fuori,
ti darò fuoco
e tu brucerai dentro la tua casa.


Non so come siano collegate tra loro la farina e i salsicciotti... misteri gastronomici.

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 settembre 2009 : 18:35:22 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Acipenser, belle queste versioni francesi. Secondo me, però, non è affatto detto che però una versione complessa sia più tarda.
In questo istante ho un impegno, ma stasera tardi le metto nel database e dico qualcosa su queste versioni francesi e su quella slovacca di theco, con cui abbiamo riempito un buco sulla mappa .
Ora dico solo brevemente che "colimaçon borgne" andrebbe tradotto "chiocciola orba", e che i problemi con le salsicce slovacche secondo me non sono gastronomici, ma linguistici… nel senso che secondo me gli slovacchi usano un termine linguisticamente vicino a quello di altre versioni slave, indipendentemente dal senso. Stasera controllo meglio e scrivo ancora!

Link
Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 settembre 2009 : 00:50:43 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Eccomi.

Per theco: io non so lo slovacco, ma ho notato che mucnik, un termine molto simile a mú#269;ky significa anche "dolcetto", e che parôžky è molto simile al vatrushki della versione russa 209 e al pierogi della versione polacca 213. Siamo sicuri che mú#269;ky na parôžky, magari in un dialetto slovacco, non voglia dire "dolcetti al formaggio", come nella versione russa e polacca? Avrebbe molto più senso… tra l'altro, sul mio dizionario "salsiccia" in slovacco si dovrebbe dire klobasa.
Il resto della traduzione torna uguale anche a me.

Se fosse così, la versione slovacca sarebbe:

(258)
SONDAGGIO ETNOLOGICO: CONOSCI IL

Lumaca, lumaca, metti fuori i cornetti,
ti darò dolcetti al formaggio.
Se non li caccerai fuori,
ti darò fuoco
e tu brucerai dentro la tua casa.


Sono contento di vedere che anche qui c'è l'offerta di cibo, come mi aspettavo, dato che le versioni trovate nei Paesi circostanti la Slovacchia (Ungheria, Russia, Polonia) ce l'avevano.

____________
Per Acipenser: Il fatto che appaia complessa può semplicemente essere dovuto alla concatenazione di tre diverse varianti, recitate l'una di seguito all'altra. Secondo me è molto, molto probabile che sia così.
Sarei pertanto favorevole alla catalogazione separata di tre diverse varianti, che elenco, con la nuova numerazione che metto nel database (perché nel frattempo i posti 252 e 253 erano stati occupati da altre versioni pervenutemi), e con la traduzione come la farei io:

(259)
1) TESTO ORIGINALE
Escargot de Bourgogne montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je te mets la tête en bas!

2) LINGUA E LUOGO
Francese. Francia.

3) TRADUZIONE ITALIANA
Chiocciola di Borgogna, mostrami le tue corna;
se tu non me le mostri, io ti metto a testa in giù!


4) MUSICA
Ignota

5) FONTE
Link


(260)
1) TESTO ORIGINALE
Colimaçon borgne, montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je te fais cuire à la casserole!

2) LINGUA E LUOGO
Francese. Francia.

3) TRADUZIONE ITALIANA
Chiocciola orba, mostrami le tue corna;
se tu non me le mostri, io ti faccio cuocere in pentola!


4) MUSICA
Ignota

5) FONTE
Link


(261)
1) TESTO ORIGINALE
Escargot de Bourgogne montre-moi tes cornes
Si tu ne me les montres pas je le dirai au Maître qui te coupera la tête
Je le dirai au loup qui te coupera le cou!

2) LINGUA E LUOGO
Francese. Francia.

3) TRADUZIONE ITALIANA
Chiocciola di Borgogna, mostrami le tue corna;
Se tu non me le mostri io lo dirò al Maestro, che ti taglierà la testa;
io lo dirò al lupo che ti taglierà il collo!


4) MUSICA
Ignota

5) FONTE
Link

Che ne dite? A me verrebbe da fare così.

Sì, il personaggio del Barbiere-macellaio-maestro chiamato a tagliuzzare la chiocciola torna anche qui. Notare che non viene ad ucciderla in molti modi diversi: di solito la tagliuzza. E anche qui la chiocciola viene cucinata, come molte altre volte.

Modificato da - Forest in data 24 settembre 2009 01:00:27
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 settembre 2009 : 01:48:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per Acipenser: Il fatto che appaia complessa può semplicemente essere dovuto alla concatenazione di tre diverse varianti, recitate l'una di seguito all'altra. Secondo me è molto, molto probabile che sia così.


Sì, intendevo dire proprio questo: l'unione delle parti genera un insieme che, essendo per forza di cose originato dalle parti stesse, è posteriore. Insomma un discorso contorto .

Io ci avevo identificato due varianti, tu ne indichi, molto più sensatamente, tre.

Che ne dite? A me verrebbe da fare così.


Secondo me hai fatto benissimo a scorporare; io però aggiungerei un'ulteriore versione, quella complessa. In qualche modo essa possiede un'identità propria, il fatto che queste e non altre varianti siano state unite reca informazioni.

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 settembre 2009 : 02:02:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Le altre versioni nel link delle (259), (260), (261) non sembrano essere varianti della nostra filastrocca; può comunque sussistere, a parer vostro, un legame anche indiretto?

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

ospitone
Utente Senior

Città: Cagliari
Prov.: Cagliari

Regione: Sardegna


1518 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 settembre 2009 : 14:48:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per poter meglio apprezzare affinità e differenze tra la canzone della lumaca e quella della coccinella, inserisco un 'piccolo' () corpus di filastrocche infantili legate al piccolo coleottero; le ho tratte da: ETNOENTOMOLOGÍA DE LA VAQUITA DE SAN ANTÓN O MARIQUITA (COCCINELLA SEPTEM-PUNCTATA) EN EL PAÍS VASCO (COLEOPTERA: COCCINELLIDAE)
di Jabi Zabala, Josune Iturralde e Marta Saloña. Il primo gruppo appartiene al basco, il secondo allo spagnolo.

BASCO

A1, Ataun. (Barandiarán 1972-1981)
Marigorri, gona gorri,
Biar euzki ala ebi?

Red Mary, red skirt,
Tomorrow sun or rain?

A2, Zeanuri. (Azkue 1989)
Marigorri, gona gorri,
Biar euzki ala euri?

Red Mary, red skirt,
Tomorrow (will make), sun or rain?

A3, Ibarruri. (Barandiarán 1972-1981)
Maria gorringo, gorringo
Eurije ala euskije egingo.

Reddish, Reddish Mary,
Sun or rain will make.

A4, Aezkoa. (Azkue 1989)
Kattalin gorri,
Biar auri ala iduzki xuri?

Reddish little Catherine,
Tomorrow rain or bright sun?

A5, Ursuaran. (Azkue 1989)
Txipilota gona-gorri,
Biar euzki ala euri?

Butterfly in red skirt,
Tomorrow sun or rain?

A6, Mondragón. (Barandiarán 1972-1981)
Amandre gona gorri,
Biar eguski.

Grandmother in red skirt,
Tomorrow sun

A7, Oñati. (Larrañaga pers. com.)
Marigorringo, ringo, ringo,
bihar euzkixa ala eurixa eingo?

Marigorringo, ringo, ringo
Tomorrow sun or rain?

A8, Ibarruri. (Barandiarán 1972-1981)
Maria gorringo, gorringo
Eurije ala euskije eingo?

Reddish Mary, reddish,
Sun or rain will it make?

A9, Oma (Kortezubi). (Barandiarán 1972-1981)
Marigorringo,
Gaur ala bihar
Euri egingo?

Reddish Mary,
Today or tomorrow
Will it rain?

A10, Garazi. (Azkue 1989)
Kattalin gorri:
Egun iguzki,
Biar euri.

Little red Catherine:
Today sunny,
Tomorrow rainy.

A11, Zeanuri. (Azkue 1989)
Mari gorri,
Biar eguzki
Ta etzi euri.

Red Mary,
Tomorrow sun
And the day after tomorrow rain.

A12, Zeanuri. (Gorostiaga 1930)
Marigorri,
Gona gorri;
Biar eguzki
Etsi euri

Red Mary,
Red skirt;
Tomorrow sun
The day after tomorrow rain.

A13, Dima. (Azkue 1989)
Mari gorringo,
Biar ta etzi
Eguzkia egingo.

Reddish Mary,
Tomorrow and the day after tomorrow
Will make (let´s make) sun.

A14, Zeanuri. (Barandiarán 1972-1981)
Marigorringo!
Bier eguski egingo.

Reddish Mary!
Tomorrow will be sunny.

A15, Ganzaga. (López de Guereñu 1957)
Matxingorringo, Matxingorringo,
Gaur euzki ta
Biar euri egingo.

Matxingorringo, Matxingorringo,
Today sunny and
Tomorrow will it rain.

A16, Gatzaga. (Barandiarán 1972-1981)
Matxingorri,
Matxingorri!
Gaur euzki,
Biar euri.

Matxingorri,
Matxingorri!
Today sun,
Tomorrow rain.

A17, Andoain. (Azkue 1989)
Maria gona-gorri,
Biar eguzki ala euri?
Euria baldin bada,
Kutxatilan gorde;
Eguzkia baldin bada,
Infernuan erre.

Mary in red skirt,
Tomorrow sun or rain?
If it rains,
(I will) keep you in the box;
if it's sunny
(you) will burn in hell.

A18, Ligi. (Azkue 1989)
Anddere kota-gorri,
Biar eki ala ebri?
Eki balin bada,
Hegalta adi;
Ebri balin bada,
Zaparta adi.

Lady in red skirt,
Tomorrow sun or rain?
If it's sunny,
Fly;
If it rains,
Burst.

A19, Liginaga. (Barandiarán 1972-1981)
Anderekotagorri
bihar eki ala ebi?
Ebi baldin bada, eor adi;
eki baldin bada, hegalt adi.

Lady in red skirt,
Tomorrow sun or rain?
If it rains, fall down;
If it's sunny, fly.

A20, Bizkaia. (Azkue 1989)
Mari gorringo, gorringo,
Gaur ala biar euria egingo?
Gaur edo biar euria ezpada,
Mariak eperdian emongo.

Mary the reddish, reddish,
Will it be rainy today or tomorrow?
If it doesn´t rain today or tomorrow,
Mary will splash you in your hind

A21, Oikina. (Bähr 1936)
Andre Mari gorringo,
Biar eguzki ala ebi egingo?
Biar eguzki egiten bada:
Kutxatilan gorde,
Ta ebi egiten bada:
Sutan erre!

Lady reddish Mary,
Tomorrow sun will make or rainy will be?
If tomorrow makes sun:
I will keep you in a little box,
And if it rains:
(You) will burn in fire!


A23, Oñate. (Barandiarán 1972-1981)
Malo gorringo,
Bixar euzkixa edo eurixa egingo?
Euzkixa egiten badozu,
Sopatxu goxo-goxoak emango;
Eurixa egiten badozu,
Kanpandorretik bera botako.

Malo gorringo, (?)
Tomorrow sunny or rainy will it be?
If you make sun,
I will give delicious soups;
If you make rain,
I will throw you down from the bell tower.

A24, Bidania. (Barandiarán 1972-1981)
Mariñela gorri,
Eguzki ala ebi.
Euzkiya eiten badu,
Kutxatillan gorde;
Ebiya eiten badu,
Sutan erre.

Red sailor (?)
Sun or rain.
If it is sunny,
(I will) keep (you) in the little box
If it rains
(You will) burn in fire.

A25, Berriz. (Barandiarán 1972-1981)
Mari gorri, gorringo,
Eurije ala eguzkije egingo?
Eguzkie egiten ezpadao Marijek,
Eperedijan emongo.

Red Mary, reddish,
Sunny or rainy will it be?
If Mary does not make sun
(I will) hit (you) in the hind.

A26, Arrona. (Azkue 1989)
Mari gorringo,
Zuri gorringo:
Eguraldi txarra egiten badezu,
Labe gorian sartuko;
Eguraldi ederra egiten
Badezu, kutxa ederrean gordeko.

Reddish Mary,
Yolk for you,
If you make bad weather,
(I will) introduce (you) in the glowing oven;
If you make good weather,
(I will) keep (you) in the beautiful box.

A27, Baraibar (Larraun). (Azkue 1989)
Mamanton gona gorri,
Biar gure atarian
Iguzkia txuri txuri,
Biar edo etzi
Ekarriko diguzu
Zerbait berri berri:
Ona baldin bada,
Ekarri goizean goizik goiz;
Txarra baldin bada,
Zuretzako beti beti.

Mamanton in red skirt,
Tomorrow in our doorway
A bright sun,
Tomorrow or the day after tomorrow
You will bring us
Something very new:
If it's good,
Bring it early in the morning
If it's bad,
For you forever.

A28, Lekarotz.(Azkue 1989)
Kattalin gorri,
In zazu bihar
Gure atean iduzki xuri.

Red little Catherine,
(You) make tomorrow
In our gate bright sun.

A29, Ezcurra. (Azkue 1989)
Katalin gorri:
Biar gure atarian
Iduzki iduzki.

Red Catherine,
Tomorrow in our doorway,
Sun sun.

A30, Uizi. (Azkue 1989)
Kattalin gorri,
Bi bearri ezkin xuri,
Erran zazu yaungoikoari
Biar egiteko egualdi.

Red little Catherine,
two ear's with white little tips,
Tell God
To make (nice) weather tomorrow.

A31, Zeberio. (Abrisketa, M. T. pers. com.)
Maña, Maña gorri,
Esaiozu Jaungoikoari
Eguzki bero bero bat
Egin deila.

Maña, Maña gorri,
Tell to God
Very hot sun
To make.

A32, Urrestilla (Azpeitia). (Bähr 1936)
Amandre gona gorriyyä,
Jainkuan olluä.

Grandmother in red skirt,
God´s hen.

A33, Donazaharre, Aiñarbe. (Azkue 1989)
Katalin gorri, gorri, gorri

Red Catherine, red, red.....

A34, Oihartzun. (Barandiarán 1972-1981)
Mariana gorri,
Mariana gorri,
Atta akuluakin,
Ama arbaztakin
Korri, korri.

Red Marian,
Red Marian,
Father with goad
Mother with whip
Run, run.

A35, Oihartzun. (Lecuona 1930)
Mariana gorri,
Ata akuluakin,
Ama zarbaztakin
Korri, korri.

Red Marian,
Father with goad
Mother with whip
Run, run.
263

A36, Andoain. (Barandiarán 1972-1981)
-Amona manta gorri,
Zeruan ze berri?
-Zeruan berri onak.
Orañ eta beti.


-Grandmother in red apron,
What´s new in heaven?
-In heaven good news.
Now and always.

A37, Araoz (Oñate). (Barandiarán 1972-1981)
-Iratargi, mandre ona,
Zeruan ze barri?
-Zeruan barri ona
Oñan ta beti.

-Moon, good grandmother
What´s new in heaven?
-In heaven good news.
Now and always.

A38, Errigoitia. (Barandiarán 1972-1981)
Maritxu talletuko,
Gona gorri dune,
Atizu agin zarra,
T’ekatzu barrije.

Roof´s little Mary,
In red skirt,
Take the old tooth,
And bring a new one.

A39, Kortezubi. (Barandiarán 1972-1981)
Marije talletuganeko
Gona gorri dune,
Artizu agin zarra
Ta ekatzu barrije

Marije from the roof
In red skirt,
Take the old tooth,
And bring a new one.


SPAGNOLO

B1, Abecia. (López de Guereñu 1957)
Palomita, Palomita,
Cuentame los cinco deditos
Y echa a volar.

Little pigeon, little pigeon,
Count up my five little fingers
And start flying.

B2, Aguillo. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, mariquita,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Mariquita, mariquita
Count up my fingers
And start flying.

B3, Alcedo. (López de Guereñu 1957)
Pastorcita, pastorcita,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Little (she) sheeper, little (she) sheeper,
Count up my five fingers
And start flying.

B4, Angostina. (López de Guereñu 1957)
Angelito,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Little angel,
Count up my fingers
And start flying.

B5, Antoñana. (López de Guereñu 1957)
Angelito,
Cuéntame los dedos
Y vete al cielito.

Little angel,
Count up my fingers
And go to small heaven.

B6, Anucita. (López de Guereñu 1957)
Pastorita, Pastorita,
Cuéntame los dedos,
Y échate a volar.

Little (she) sheeper, little (she) sheeper,
Count up my fingers,
And start flying.

B7, Anastro. (López de Guereñu 1957)
Pastorcita, Pastorcita,
Cuéntame los dedos,
Si no me los cuentas
Te doy un voleo.

Little (she) sheeper, little (she) sheeper,
Count up my fingers
If you do not count them up
I give you a volley

B8, Aperregui. (López de Guereñu 1957)
Mariposita de Dios,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

God´s little butterfly,
Count up my fingers
And go with God.

B9, Apricano. (López de Guereñu 1957)
Pastorcita de Dios,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

God´s little (she) sheeper,
Count up my fingers
And go with God.

B10, Aperregui. (López de Guereñu 1957)
Pastorcita, pastorcita real,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Sheeper (she), royal sheeper,
Count up my fingers
And start flying.

B11, Aperregui. (López de Guereñu 1957)
Pasieguilla, guilla, guilla,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Pasieguilla, guilla, guilla,
Count up my fingers
And start flying.

B12, Arroyabe. (López de Guereñu 1957)
Gatita de Dios,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

God´s kitten,
Count up my fingers
And go with God.

B13, Ascarza (treviño). (López de Guereñu 1957)
Mariquita, mariquita,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Mariquita, mariquita,
Count up my five fingers
And start flying.

B14, Atauri. (López de Guereñu 1957)
Angelito de Dios,
“Cóntame” los dedos
Y échate a volar .

God´s little angel,
Count up my fingers
and start flying.

B15, Azaceta. (López de Guereñu 1957)
Catalina, lina, lina
Cuenta los dedos
Y vete a la silla.

Catherine, line, line,
Count up the fingers
And go to the chair.

B16, Bachicabo. (López de Guereñu 1957)
Mariposita, mariposita,
Cuéntame los dedos,
Si no me los cuentas,
Te echo a volar.

Little butterfly, little butterfly,
Count up my fingers
If you don´t count them
I throw you to fly.

B17, Baños de Ebro. (López de Guereñu 1957)
Sapito de Dios,
Cuéntame los dedos
Y vuela para Dios.

God´s little toad,
Count up my fingers
And fly to God.

B18, Basquiñuelas. (López de Guereñu 1957)
Pastorilla, silla, silla,
Súbete a la punta de mis cinco dedos,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Little (she) sheeper, silla, silla,
Rise to my five fingers tips,
Count up my five fingers
And start flying.

B19, Betolaza. (López de Guereñu 1957)
Angelito,
Cuéntame los cinco de dedos
Y vete al cielo.

Little angel,
Count up my five fingers
And go to heaven.

B20, Boveda. (López de Guereñu 1957)
Mariquita de Dios,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

God´s Ladybird,
Count up my fingers
and go with God.

B21, Castillo. (López de Guereñu 1957)
Margarita,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Margarita,
Count up my fingers
And start flying.

B22, Castillo (Sopeña). (López de Guereñu 1957)
Margarita, margarita,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Margarita, margarita,
Count up my five fingers
And start flying.

B23, Cerio. (López de Guereñu 1957)
Gallinita, Galinita,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Little hen, little hen,
Count up my fingers
And start flying.

B24, Dordoniz. (López de Guereñu 1957)
Mariposilla, mariposilla,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Little butterfly, little butterfly,
Count up my five fingers
And start flying.

B25, Erbi. (López de Guereñu 1957)
Mariquita de San Antón,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

Saint Anton´s ladybird,
Count up my fingers
And go with God.

B26, Escota. (López de Guereñu 1957)
Pastorica, rica, rica,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Little (she) shepherd, rica, rica,
Count up my five fingers
And start flying.

B27, Ezquerecocha. (López de Guereñu 1957)
Pastorita,
Cuéntame los cinco dedos
Y vuélate.

Little (she) shepherd,
Count up my five fingers
and fly away.

B28, Gauna. (López de Guereñu 1957)
Vaquica,
Cuéntame los dedos
Y cuando los cuentes
Échate a volar.

Little cow,
Count up my fingers
And ones you have counted them up
start flying.

B29, Gobeo. (López de Guereñu 1957)
Sapito de Dios,
Cuéntame los dedos
Y márchate con Dios.

God´s little toad,
Count up my fingers
And go with God.
265

B30, Gordoa. (López de Guereñu 1957)
Polilla,
Cuéntame los dedos,
Sube al cielo y dile a Dios
Que mañana que haga bueno.

Moth,
Count up my fingers
Go up to heaven and tell God
To make tomorrow good weather.

B31, Gujuli. (López de Guereñu 1957)
Mariposita, ita, ita,
Cuéntame los cinco deditos
Y échate a volar.

Little butterfly, ita, ita,
Count up my five small fingers
And start flying.

B32, Lapuebla de Arganzón. (López de Guereñu 1957)
Curica, curica,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar.

Little priest, little priest,
Count up my fingers
And start flying.

B33, Lasarte. (López de Guereñu 1957)
Cura,
Cuéntame los cinco dedos
Y echa a volar.

Priest,
Count up my five fingers
And start flying.

B34, Loza. (López de Guereñu 1957)
María,
Cuéntame los dedos
Y echa a volar.

Mary,
Count up my fingers
And start flying.

B35, Manurga. (López de Guereñu 1957)
Marigorricho,
Cuenta los dedos
Y echa a volar.

Marigorricho,
Count up the fingers
And start flying.

B36, Marquinez. (López de Guereñu 1957)
Magdalena, Magdalena,
Cuéntame los deditos
Y échate a volar.

Magdalena, Magdalena,
Count up my little fingers
And start flying.

B37, Mendiola. (López de Guereñu 1957)
Arriero,
Cuéntame los cinco dedos
Y vete con Dios.

Muleteer,
Count up my five fingers
and go with God.

B38, Menoyo. (López de Guereñu 1957)
Pispirinito,
Cuéntame los cinco deditos,
Y échate a volar.

Pispirinito,
Count up my five little fingers
And start flying.

B39, Miñano mayor. (López de Guereñu 1957)
Cuenta, cuentadedos,
Cuéntame los dedos.

Count up, fingercounter,
Count up my fingers.

B40, Moraza. (López de Guereñu 1957)
Curita,
Cuéntame los cinco dedos de la mano
Y échate a volar.

Little priest,
Count up my hand´s five fingers
And start flying.

B41, Ocariz. (López de Guereñu 1957)
Catalina, “medecina”,
Cuéntame los dedos
Y vuélate.

Catherine, medicine,
Count up my fingers
and fly away.

B42, Opacua. (López de Guereñu 1957)
Abuelita, tus, tus,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios
(si ni vuela siguen)
Catalina, “vólate”,
Pan y queso te daré.

Granma, tus, tus,
Count up my fingers
And go with God
(If it does not fly, the song goes on)
Catherine, fly away
Bread and cheese I will give you.

B43, Orbiso. (López de Guereñu 1957)
Catalina, mi vecina,
Cuenta los dedos
Que hay en la cocina.

Catherine, my neighbour,
Count up the fingers
that in the kitchen are.

B44, Paganos. (López de Guereñu 1957).
Ampollita de Dios,
Cuéntame los dedos
Que cinco son.

God´s little blister,
Count up my fingers
that five are.

B45, Pangua. (López de Guereñu 1957)
Pastorcilla,
Cuéntame los cinco dedos
Y vete a buscar tus ovejillas.

Little (she) sheeper,
Count up my five fingers
And go to search for your little sheeps.

B46, Paul. (López de Guereñu 1957)
Pastorcito volador,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Flyer little (he) sheeper,
Count up my five fingers
and start flying.

B47, Respaldiza. (López de Guereñu 1957)
Mariquita de Dios,
Que vas a buscar pan

God´s ladybird,,
That you go for bread

Y pescadito para merendar.
Si lo quieres buscar,
Cuéntame los dedos
Y márchate a volar
Y los buscarás.

And little fish to have for tea
If you want to search for it (find it)
Count up my fingers
And start flying
And (then) you will find it.

B48, Samaniego. (López de Guereñu 1957)
Mariquita de Dios,
Cuéntame los dedos
Y “vente” con Dios
Que tu padre y tu madre
También me los “contó”.

God´s Ladybird,
Count up my fingers
And come with God
That your father and mother
Counted me them too.

B49, San Martín de Zar. (López de Guereñu 1957)
Pastorica, pastorica,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.
Uno, dos, tres, cuatro y cinco.

Little (she) shepherd, little (she) shepherd,
Count up my fingers
And go with God.
One, two, three, four and five.

B50, Taravero. (López de Guereñu 1957)

Pastorica,
Cuéntame los dedos
Y echa a volar a los cielos.

Little (she) shepherd,
Count up my fingers
And start flying across the skies.

B51, Urbina. (López de Guereñu 1957)
Cuentadedos,
Cuéntame los cinco dedos
Y échate a volar.

Fingercounter,
Count up my five fingers
And start flying

B52, Villabezana. (López de Guereñu 1957)
Pastorcita, Pastorcita,
Cuéntame los dedos,
Si ni me los cuentas
“T’echo” a volar.

Little (she) shepherd, little (she) shepherd,
Count up my five fingers
If you count me them up
I will throw you to fly.

B53, Villanueva de la Oca. (López de Guereñu 1957)
Abuelita, abuelita,
Cuéntame los dedos
Y vete con Dios.

Grandma, grandma,
Count up my fingers
and go with God.

B54, Villanueva de Tobera. (López de Guereñu 1957)
Pastorica, pastorica,
Cuéntame los dedos,
Si no me los cuentas
Te llevo al infierno.

Little (she) shepherd, little (she) shepherd,
Count up my fingers,
If you do not count them
I will take you to hell.

B55, Yecora. (López de Guereñu 1957)
Gallinita ciega,
Cuéntame los dedos
Y échate a volar con Dios.

Blind little hen,
Count up my fingers
And go flying with God.

B56, Zambrana. (López de Guereñu 1957)
Angelito, angelito,
Cuéntame los deditos
Y sube al cielito.

Little angel, little angel,
Count up my fingers
And go up to heaven.

B57, Corres. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, ita, ita,
Cuéntame los cinco dedos
Y vete a misa.

Ladybird, ita, ita,
Count up my five fingers
And go to church.


C1, Dallo. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, Chiguitita,
Ponte el manto
Y vete a misa.

Ladybird, little one,
Put the shawl on
And go to church.

C2, Erbi. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, quita, quita,
Ponte la mantilla
Y vete a misa.

Ladybird, quita, quita,
Put the shawl on
And go to church.

C3, Arbulo. (López de Guereñu 1957)
Palomita, mita, mita,
Ponte el manto
Y vete a misa.

Little pigeon, mita, mita,
Put the shawl on
And go to church.
267

C4, Labraza. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, vuela,
Ponte el mantón
Y vete a misa.

Ladybird, fly,
Put a the shawl on
And go to church.

C5, Llodio. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, quita, quita,
Ponte el velo
Y vete a misa.

Ladybird, quita, quita,
Put the veil on
And go to church.

D1, Quejana. (López de Guereñu 1957)
Solitaña,
Vete a la montaña
Y dile al pastor
Que no llueva hoy,
Ni mañana,
Ni en toda la semana.

Solitaña,
Go up to the mountain,
And tell the shepherd
Not to be rainy today,
Nor tomorrow,
Not even during the whole week.

D2, Barambio. (López de Guereñu 1957)
Soli, solitaña,
Vete a la montaña
Y dile al pastor
Que haga buen sol,
Para hoy, para mañana
Y para toda la semana.

Soli, solitaña,
Go up to the mountain,
And tell the shepherd
To make a good sun,
Today, Tomorrow
And the whole week.

D3, Santa Cruz de Campezo. (López de Guereñu 1957)
Vaca de Dios,
Vete a la montaña
Y dile al pastor
Que salga el sol.

God´s cow,
Go to the mountain,
And tell the shepherd
To make the sun raise.

D4, Aloria. (López de Guereñu 1957)
Sol y solitaña,
Vete a la montaña
Y dile al pastor
Que salga el sol,
“pa” hoy y “pa” mañana
y “pa” todas las semanas.

Sun and solitaña,
Go to the mountain,
And tell the shepherd
To make the sun raise,
For today, for tomorrow
And for the whole week.

D5, Buruaga. (López de Guereñu 1957)
Pipirripingo, marrigurringo,
Dile al pastor,
Que salga el sol
Para hoy y para mañana
Y para toda la semana.

Pipirripingo, marrigurringo,
Tell the shepherd,
To make the sun raise,
For today, for tomorrow
And for the whole week.

D6, Izoria. (López de Guereñu 1957)
Soli, solitaña,
Voy a la montaña,
A decir al pastor
Que viene buen sol,
Para hoy, “pa” mañana,
Y para toda la semana.

Soli, solitaña,
I go up to the mountain,
To tell the shepherd
That good sun comes,
For today, for tomorrow
And for the whole week.

D7, Luquiano. (López de Guereñu 1957)
Mariposita, mariposita,
Súbete al dedo
Y vuela al cielo
Y dile a Dios
Que haga bueno hoy
Y toda la semana.

Little butterfly, little butterfly,
Get on the finger
And fly to heaven
And tell God
To make good weather today
And for the whole week.

D8, Arrigorriaga. (Susaeta, M.A. pers. com.)
Soli-solitaña,
Sube a la montaña
Y dile al pastor
Que haga sol,
Para hoy, para mañana
Y para toda la semana.

Soli-solitaña,
Go up to the mountain
And tell the shepherd
To make sun,
For today, for tomorrow,
And for the whole week.

D9, Zurbitu. (López de Guereñu 1957)
Pastora, pastorcita,
Sube al cielo,
Y dile a Dios que haga bueno.

Little (she) shepherd, little (she) shepherd,
Go up to heaven,
And tell God to make good weather.
268

D10, Unza. (López de Guereñu 1957)
Gallinita ciega,
Vuela al cielo.
Dile a Dios
Que haga bueno.

Blind little hen,
Fly to heaven,
And tell God
To make good weather.

D11, Opacua, Galarreta. (López de Guereñu 1957)
Catalina,
Sube al cielo
Y dile a Dios
Que haga bueno.

Catherine,
Go up to heaven
And tell God
To make good weather.

D12, Antezana, Fonronda. (López de Guereñu 1957)
Palomita,
Sube al cielo
Y dile a Dios
Que haga bueno.

Little pigeon,
Go up to heaven
And tell God
To make good weather.

E1, Tuyo. (López de Guereñu 1957)
Pajarito de Dios,
Saca las alas
Y vete “pa” Dios.

God´s little bird,
Spread your wings out
And go towards God.

E2, Leza. (López de Guereñu 1957)
Sapito de Dios,
Abre la alas
Y vete con Dios.

God´s little toad,
Open the wings
And go with God.

E3, Gaceo. (López de Guereñu 1957)
Sapito de Dios,
Vete con Dios.

God´s little toad,
Go with God.

E4, Valluerca. (López de Guereñu 1957)
Pastorcilla, pastorcilla,
Ponte en la punta “el” dedo
Y échate a volar.

Little (she) shepherd, little shepherd,
Get to the finger´s tip
And start flying.

E5, Aberásturi. (López de Guereñu 1957)
Mariposita, mariposita,
Súbete a la punta “el” dedo
Y échate a volar.

Little butterfly, little butterfly,
Get to the finger´s tip
And start flying.

E6, Ondona. (López de Guereñu 1957)
Palomita blanca,
Ponte en la punta “el” dedo
Y “vola”.

Little white pigeon,
Get to the finger´s tip
And fly away.

E7, Llanteno. (López de Guereñu 1957)
María, María,
Ponte en la punta “el” dedo
Y vuélate.

Mary, Mary,
Get to the finger´s tip.
And fly away.

E8, San Martín de Galbaraín. (López de Guereñu 1957)
Palomita, vuélate,
Palomita, vuélate.

Little pigeon, fly away,
Little pigeon, fly away,

E9, Narvaja. (López de Guereñu 1957)
“Vólate, vólate”, palomita. Fly away , fly away, little pigeon.

E10, Andoin. (López de Guereñu 1957)
Catalina, “vólate”,
Pan y queso te daré.

Catherine, fly away.
Bread and cheese I will give you.

E11, Otaza. (López de Guereñu 1957)
Vuélate, mariposa,
Si no te vuelas,
Te mataré.

Fly away, butterfly,
If you don´t fly away,
I will kill you.

E12, Argandona. (López de Guereñu 1957)
Catalina, “vola”, “vola”,
Si no te volas te mato.

Catherine, fly, fly,
If you do not fly away I will kill you.

E13, Eguileor. (López de Guereñu 1957)
Catalina, lina, lina,
Vuela por la cocina

Catherine, lina, lina,
Fly over the kitchen.

E14, Langarica. (López de Guereñu 1957)
Catalina, vuélate,
Catalina, Vuélate,
Que si no te mataré.

Catherine, fly away,
Catherine, fly away,
Cause if not I will kill you.
269

E15, Inoso. (López de Guereñu 1957)
“Vola”, volarín,
Salta Pachín.

Fly, little flyer,
Jump Pachín.

E16, Ullibarri Gamboa. (López de Guereñu 1957)
Salta, saltarín,
“vola”, volarín.

Jump, little jumper,
Fly, little flyer.

F1, Matauco. (López de Guereñu 1957)
Palomita blanca, reblanca,
-¿Qué llevas en el pico?
-Aceite y vinagre para Jesucristo.
Jesucristo lo dirá
Si es mentira o es verdad.

Little white pigeon, very very white
-What do you bring in your beak?
-Oil and vinegar for Jesus Christ.
Jesus Christ will say
If it is true or false.

F2, Letona. (López de Guereñu 1957)
Paloma blanca, reblanca,
-¿Qué llevas en el pico?
-Aceite y vinagre para Jesucristo.
Jesucristo te dirá
Si es mentira o es verdad.
En ésta o en ésta, estará.

White pigeon, very very white
-What do you carry in your beak?
- Oil and vinegar for Jesus Christ.
Jesus Christ will tell you
If it is true or false.
In this or this, will it be

F3, Bernedo. (López de Guereñu 1957)
Palomita blanca,
Palomita azul,
Llévale esta carta
Al niño Jesus.

Little white pigeon,
Little blue pigeon,
Take this letter
To Jesus Christ child.

F4, Arlucea. (López de Guereñu 1957)
Pastorita, Pastorita,
¿Dónde está tu nido florido?
-En un palo verde, reverde,
Todo florecido, florido.

Little (she) shepherd, little (she) shepherd,
Where is your flowery nest?
In a green, and again green stick.
All of it flowered, flowery.

F5, Labastida. (López de Guereñu 1957)
Mariquita, barre, barre,
Que viene tu madre,
Con un par de escobas
Para pegarte.
-¿Viene mi madre?
-¡No!
(Se repite otra vez y a la tercera se dice:)
-¿Viene mi madre?
-¡Sí!

Ladybird, sweep, sweep,
that your mother is coming,
with a pair of booms
to hit you.
-Is my mother coming?
-No!
(It goes so two times and the third one:)
Is my mother coming?
-Yes!

F6, Urrunaga. (López de Guereñu 1957)
Maña Domingo, pipirritingo,
Juanito se casa con una mujer,
Cierra la puerta con un cascabel,
Barre la cocina con un alfiler.
Maña Sunday, pipirritingo,

Little John is marrying a woman
Close the door with a little bell
Sweep the kitchen win a pin.

F7, Opacua. (López de Guereñu 1957)
Catalina, Catalina,
Vuela, vuela, hacia la encina,
Que un pájaro de mal agüero
Con su pico hechicero
Te está robando tus crías.

Catherine, Catherine,
Fly, fly, to the evergreen oak
That a bird of ill omen
With his bewitching beak
Is stealing your babies.
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
ALINEI, M. & M. BARROS-FERREIRA 1986. Les noms européens
de la coccinelle: pour une analyse basée sur la théorie de
Propp. Quaderni di Semantica, 7: 195-204.

ALONSO ZARAZAGA, M. A. [26/11/2002]. Ord. Coleoptera en El
Reino Animal en la Península Ibérica y las Islas Baleares.
[documento en línea] Link csic.
es/ htmlfauna/faunibe/zoolist/insecta/coleoptera/coleoptera.
html ] [consultado 14-01-03]

AZKUE, R. M. DE 1989. Euskalerriaren Yakintza / Literatura
popular del País Vasco (4 tomos). Euskaltzandia-Espasa-
Calpe. Madrid.

BÄHR, G. 1931. Alrededor de la mitología vasca. Revista Internacional
de los Estudios Vascos, 22: 119-122.
260

BÄHR, G. 1936. Nombres de los animales en vascuence (etimologías
y folklore). Revista Internacional de los Estudios
Vascos, 27: 73-118.

BARANDIARAN, J. M. 1972-1981. Obras completas. 23 vol. La
gran enciclopedia vasca. Bilbao.

BAROJA, J. C. 1993. Las brujas y su mundo. Un estudio antropológico
de la sociedad en una época oscura. 378 pp. Alianza.
Madrid.

BARROS, C. 2001. The humanisation of nature in the middle ages.
Medieval History Journal, 4: 149-178.

BARROS-FERREIRA, M. & M. ALINEI 1990. Coccinelle. Atlas
Linguarum Europae, 1: 99-199.

BERNÁRDEZ, E. 2002. Los mitos germánicos. 328 pp. Alianza.
Madrid.

CAMPBELL, J. 1999. Las máscaras de Dios: mitología occidental.
579 pp. Alianza Editorial. Madrid.

CAMPBELL, J. 2000. Las máscaras de Dios: mitología primitiva.
561 pp. Alianza Editorial. Madrid.

ERKOREKA, A. 1985. Análisis de la medicina popular vasca. 337
pp. Instituto Labayru-Caja de Ahoros Vizcaína. Bilbao.

GOROSTIAGA, E. 1930. Canciones populares recogidas en Zeanuri.
Anuario de Eusko Folklore, 10: 1-36.

GRAVES, R. 1984. La diosa blanca (I y II). 710 pp. Alianza.
Madrid.

LECUONA, M. DE 1930. Cantares populares. Anuario de Eusko
folklore, 10: 37-93.

LÓPEZ DE GUEREÑU, G. 1957. Nombres que se aplican a la
“Coccinella septem-punctata” por tierras Alavesas. Munibe,
9: 113-138.

MAJERUS, M. E. N. 2003 [in press]. A Natural History of Ladybirds
(Chapter 1). Cornell Univerrsity Press. Cornell.


Roberto





Torna all'inizio della Pagina

Forest
Moderatore Tutor


Città: Sesto San Giovanni
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


9550 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 settembre 2009 : 22:27:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
io però aggiungerei un'ulteriore versione, quella complessa. In qualche modo essa possiede un'identità propria, il fatto che queste e non altre varianti siano state unite reca informazioni.

La mia opinione è che ciò sarebbe davvero importante se il sito-fonte fosse dedicato ad una ricerca etnologica scientifica e indicasse esplicitamente che quelle versioni venivano eseguite una di seguito all'altra, oppure se ci fosse il ricordo personale di un singolo che dichiarasse che lui le recitava tutte di fila.

Si tratta invece del sito di un corso di pedagogia per formare futuri insegnanti a bambini piccoli: a me viene da immaginare che non abbia finalità di ricerca etnologica scientifica e che il compilatore della pagina abbia scelto lui alcune versioni che ha visto da qualche parte, scrivendole in fila semplicemente per praticità.

Naturalmente potrebbe non essere così, ma non credo che sarebbe "formalmente" coerente fare una versione in più nel database contenente le stesse versioni, però scritte di seguito. Io preferirei limitarmi a scrivere nelle note "Su questa fonte (un sito relativo a corsi di formazione in pedagogia per insegnanti) le versioni 259, 260 e 261 erano concatenate, una di seguito all'altra". Così tale informazione c'è comunque, e la struttura formale ricorrente in ogni versione è salva.

In altre parole: tutte le versioni raccolte, senza eccezioni, iniziano con l'invocazione alla lumaca, e poi non la ripetono più; documentare in una ricerca l'esistenza di un'unico caso al mondo (finora) in cui tale invocazione è ripetuta più volte nel mezzo del testo sarebbe un'eccezione formale strutturale enorme, che non credo sia giustificata in questo caso, perché la fonte non sembra accurata. Data l'importanza della struttura formale in questo tipo di studi, e la dimostrata tendenza a farla rimanere inalterata per secoli in questi casi, la mia opinione personale è che io mi limiterei a scrivere quella cosa nelle note.

Non so se mi sono spiegato bene, mi spiace di essermi dilungato così su un piccolo dettaglio, ma c'era dietro un discorso di antropologia culturale strutturalista che mi sembrava importante: le manifestazioni di culto, gli atti rituali, le preghiere, ecc… che nei secoli possono diventare filastrocche (attraverso la cosiddetta infantilizzazione), tendono ad avere una certa struttura formale nel testo, e poi a mantenerla inalterata, pur cambiando i dettagli e i significati apparenti. Ma l'analisi della struttura è importante, e rischiare di documentarla in modo "alterato" (ad esempio dicendo che l'invocazione iniziale riappare nel mezzo) sarebbe da evitare.
Riprenderò più avanti (fine ottobre) la mia idea di un modello formale strutturale del nostro tipo di filastrocca e ve ne proporrò uno.

Le altre versioni nel link delle (259), (260), (261) non sembrano essere varianti della nostra filastrocca; può comunque sussistere, a parer vostro, un legame anche indiretto?

Secondo me no, le ho lette, e io credo che siano state poste su quella pagina solo come possibile materiale per una lezione di pedagogia avente per spunto "come parlare delle lumache ai bambini" e che in effetti non abbiano a che vedere con la "nostra".

Grazie!!!

E grazie ad ospitone per il materiale utilissimo per il raffronto, a cui mi dedicherò seriamente (però sempre da fine ottobre… prima ho un impegno che mi porta via tanto tempo!)
Torna all'inizio della Pagina

Acipenser
Utente Senior


Città: Francoforte sul Meno
Prov.: Estero

Regione: Germany


1668 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 25 settembre 2009 : 01:26:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Capisco benissimo la tua posizione, Giovanni: con note appropriate non si avrà perdita d'informazione e si focalizzerà l'attenzione sui fattori ritenuti non eccessivamente devianti delle versioni.

Tautò tèni zon kài
tethnekós kai egregoròs
kai kathèudon kai nèon kai
gheraiòn tade gàr
metapésonta ekéina ésti
kakèina pàlin táuta.

Eraclito, Frammenti, 88; Di passaggio, Franco Battiato.
Torna all'inizio della Pagina

ninocasola43
Utente Super

Città: s.agnello
Prov.: Napoli

Regione: Campania


6360 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 25 settembre 2009 : 08:46:51 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Giovanni, sono d'accordo con te
sostanzialmente la quartina è un cliche ripetitivo cantilenato (musicato) dietro la quale potrebbe celarsi addirittura qualche magica invocazione.
ricordo quando eravamo piccoli che raccoglievamo le lumachine e cantavamo la filastrocca per invocare la pioggia dopo la siccità estiva
nin
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 44 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

<< Pagina Precedente

|
Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,89 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net