testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 LE TRACCE DEGLI ANIMALI
 Pulire ossa e crani: Metodologie a confronto
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
<< Pagina Precedente | Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 6

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 maggio 2016 : 07:49:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Menkhaperra:

Scusate il ritardo nel rispondere. Grazie mille per gli utili consigli e suggerimenti. Se mi capita di passare da zone montuose o collinari presterò senz'altro attenzione alle aree più probabili che mi avete indicato, tanto ormai viaggio spesso con sacchi, guanti e mascherine...

Approfitto della vostra esperienza con un'altra domanda: sapete forse dove si possa acquistare acqua ossigenata a concentrazione leggermente più alta e in flaconi più grandi (es. da 1 o 5 litri?). Finora riesco solo a trovare quella al 3% (stabilizzata a 10 volumi) nei soliti flaconcini da 250 ml ed ogni volta mi ritrovo con dozzine di essi fuori dagli empori . Ho provato a vedere anche nei centri commerciali di bricolage ma non la vendono. Son riuscito a trovare solo i formati più grandi (da 1 l) online (es. su ebay).
Grazie come sempre per la vostra disponibilità.


Io solitamente la acquisto in farmacia, ordinandola, in confezioni da 1L. Tuttavia non costa proprio poco.. Però si può anche acquistare a bassissimo costo presso alcuni fornitori di prodotti chimici!
Torna all'inizio della Pagina

Mauro Grano
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3836 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 maggio 2016 : 08:05:01 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Buongiorno a tutti,
mi inserisco in questa discussione per dare un paio di consigli al nuovo utente che vuole farsi una collezione osteologica.
Se hai amici e/o conoscenti che hanno una clinica veterinaria, questi possono diventare dei fornitori incredibili di materiale, anche molto poco comune (vedi esotici allevati).
Il secondo consiglio riguarda l'acqua ossigenata. Leggo che alcuni utenti relativamente nuovi utilizzano l'acqua ossigenata a bassa concentrazione. Io non ho la pretesa di insegnare nulla a nessuno ma da molti anni utilizzo quella a 130 volumi. Comporta sicuramente dei rischi e va utilizzata con attenzione, ma i risultati non sono neanche paragonabili. Fino a 5/6 anni fa si trovava quasi sempre nelle farmacie ma ormai nessuno lo tratta più e quindi, cercandola altrove, ho cominciato a comprarla nelle forniture per falegnami. In quel campo viene utilizzata per il restauro dei mobili antichi e costa relativamente poco (1 lt. intorno ai 5 euro).
Buone preparazioni !!

Mauro
Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 maggio 2016 : 10:18:25 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Mauro Grano:

Buongiorno a tutti,
mi inserisco in questa discussione per dare un paio di consigli al nuovo utente che vuole farsi una collezione osteologica.
Se hai amici e/o conoscenti che hanno una clinica veterinaria, questi possono diventare dei fornitori incredibili di materiale, anche molto poco comune (vedi esotici allevati).
Il secondo consiglio riguarda l'acqua ossigenata. Leggo che alcuni utenti relativamente nuovi utilizzano l'acqua ossigenata a bassa concentrazione. Io non ho la pretesa di insegnare nulla a nessuno ma da molti anni utilizzo quella a 130 volumi. Comporta sicuramente dei rischi e va utilizzata con attenzione, ma i risultati non sono neanche paragonabili. Fino a 5/6 anni fa si trovava quasi sempre nelle farmacie ma ormai nessuno lo tratta più e quindi, cercandola altrove, ho cominciato a comprarla nelle forniture per falegnami. In quel campo viene utilizzata per il restauro dei mobili antichi e costa relativamente poco (1 lt. intorno ai 5 euro).
Buone preparazioni !!


Ciao!! Io utilizzo concentrazioni di H2O2 meno elevate per due motivi: il costo e la resa finale. Nel senso che trovando mediamente 3 o 4 crani a weekend durante le escursioni, a fine anno spenderei cifre improponibili mentre per quanto concerne la resa.. Diciamo che non amo affatto i reperti eccessivamente bianchi e innaturali, preferisco mantengano un alone di "ritrovamento". Questo perchè non amando i trofei di caccia preferisco si distinguano più chiaramente quelli trovati ;)
Torna all'inizio della Pagina

cri87
Utente V.I.P.

Città: Sondrio


482 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 maggio 2016 : 14:26:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Io ho sempre utilizzato H2O2 a 130 volumi. L'ho sempre comprata in farmacia anche se ultimamente alcune farmacie non la vendono a chiunque o comunque chiedono cosa te ne fai. Da me non è difficile reperirla visto che viene usata da tutti i cacciatori per pulire trofei e mandibole da consegnare a fine stagione venatoria. 1 L viene sugli 8 euro. Per risparmiare quando devo sbiancare un cranio o una mandibola la avvolgo in carta assorbente lasciando un cm di fondo di H2o2 nella bacinella.

Torna all'inizio della Pagina

Mauro Grano
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3836 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 maggio 2016 : 14:31:02 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di cri87:

Io ho sempre utilizzato H2O2 a 130 volumi. L'ho sempre comprata in farmacia anche se ultimamente alcune farmacie non la vendono a chiunque o comunque chiedono cosa te ne fai. Da me non è difficile reperirla visto che viene usata da tutti i cacciatori per pulire trofei e mandibole da consegnare a fine stagione venatoria. 1 L viene sugli 8 euro. Per risparmiare quando devo sbiancare un cranio o una mandibola la avvolgo in carta assorbente lasciando un cm di fondo di H2o2 nella bacinella.

Infatti rimane comunque il metodo migliore. Come dicevo prima, prova a cercarla nelle forniture per falegnami e/o restauratori.

Mauro
Torna all'inizio della Pagina

tapirino
Utente nuovo

Città: Monza


2 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 giugno 2016 : 13:35:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao a tutti. Vorrei sapere quanti mesi ci mette un corpo di cane (piccolo cane, ma non microscopico) a ridursi a scheletro, ben pulito, stando sotto terra. So che si tratta di mesi, magari qualcuno per esperienza può indicarmi tempi più precisi (non vorrei dissotterrare troppo presto, ne son passati 3-4)
Grazie mille a chi risponderà!
Giulia
Torna all'inizio della Pagina

tapirino
Utente nuovo

Città: Monza


2 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 giugno 2016 : 14:08:08 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao a tutti! Vorrei sapere quanto tempo impiega il corpo di un piccolo cane (non microscopico tipo chiuaua, più come un gatto grosso ecco) sotterrato, a diventare uno scheletro senza carne, più pulito possibile. So che ci vogliono mesi, ma + molto vago... Magari qualcuno per esperienza diretta sa consigliarmi? Non vorrei dissotterrare troppo presto inutilmente, per ora ne son passati 3-4
Grazie mille a chi risponderà!
Giulia
Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 giugno 2016 : 14:56:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di tapirino:

Ciao a tutti! Vorrei sapere quanto tempo impiega il corpo di un piccolo cane (non microscopico tipo chiuaua, più come un gatto grosso ecco) sotterrato, a diventare uno scheletro senza carne, più pulito possibile. So che ci vogliono mesi, ma + molto vago... Magari qualcuno per esperienza diretta sa consigliarmi? Non vorrei dissotterrare troppo presto inutilmente, per ora ne son passati 3-4
Grazie mille a chi risponderà!
Giulia


Dipende dalla tipologia di terreno (argilloso, ricco di humus e via dicendo).. Inoltre dalla temperatura (d'estate è meglio). Io comunque prima di settembre non lo toglierei ;) però come metodologia di pulizia non mi piace.. Nel senso che macchia troppo le ossa. Mai provato con le larve da pesca? In pochi giorni trovi il reperto sbiancato!
Torna all'inizio della Pagina

Sator
Utente nuovo

Città: Bologna


3 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 giugno 2016 : 09:42:17 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Buongiorno a tutti,



Premetto che sono nuova in questo ambiente che tuttavia mi affascina parecchio, e vorrei partire da scheletri di piccoli animali.

L'altro ieri ho trovato in cortile un merlo (o una cornacchia, credo) morto e completamente integro. Vorrei sapere come iniziare a preparare lo scheletro, dato che il corpo è completo di piume e tutto il resto, e a quanto ho capito le ossa dei volatili sono estremamente fragili ed ho paura di rovinarle togliendo manualmente la carne.

Posso seppellirlo direttamente (dentro ad una rete protettiva) in modo che gli insetti comincino a pulirlo? E per quanto riguarda il seppellimento "in vaso": non ho capito se si intende un vaso seppellito a sua volta in un terreno oppure se va bene anche un vaso sul balcone, per intenderci, interrando il corpo come fosse un seme?

Ultima domanda: in alternativa al seppellimento, per rimuovere le piume e la carne andrebbero bene anche le larve o sono troppo invasive per le ossa fragili?

Grazie a tutti di aver condiviso la vostra esperienza e le vostre conoscenze! Abbiate pazienza con i novellini come me

Torna all'inizio della Pagina

cri87
Utente V.I.P.

Città: Sondrio


482 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 28 giugno 2016 : 11:29:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao e benvenuta nel forum
Io inizierei con spiumare l'animale manualmente, come si fa con i polli. Poi inciderei con un bisturi o coltellino l'addome a partir da appena sotto lo sterno fino all'ano per poter togliere le viscere. In effetti le ossa essendo cave sono molto fragili. Io proverei con la macerazione in acqua.

Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 giugno 2016 : 11:36:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Sator:

Buongiorno a tutti,



Premetto che sono nuova in questo ambiente che tuttavia mi affascina parecchio, e vorrei partire da scheletri di piccoli animali.

L'altro ieri ho trovato in cortile un merlo (o una cornacchia, credo) morto e completamente integro. Vorrei sapere come iniziare a preparare lo scheletro, dato che il corpo è completo di piume e tutto il resto, e a quanto ho capito le ossa dei volatili sono estremamente fragili ed ho paura di rovinarle togliendo manualmente la carne.

Posso seppellirlo direttamente (dentro ad una rete protettiva) in modo che gli insetti comincino a pulirlo? E per quanto riguarda il seppellimento "in vaso": non ho capito se si intende un vaso seppellito a sua volta in un terreno oppure se va bene anche un vaso sul balcone, per intenderci, interrando il corpo come fosse un seme?

Ultima domanda: in alternativa al seppellimento, per rimuovere le piume e la carne andrebbero bene anche le larve o sono troppo invasive per le ossa fragili?

Grazie a tutti di aver condiviso la vostra esperienza e le vostre conoscenze! Abbiate pazienza con i novellini come me


Ti do anche io l benvenuta

...certo che iniziare da uno scheletro intero, perlopiù di uccello, è una grossa sfida.. Hai già preparato dei crani?
Torna all'inizio della Pagina

Sator
Utente nuovo

Città: Bologna


3 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 giugno 2016 : 13:16:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di nero441:

Ti do anche io l benvenuta

...certo che iniziare da uno scheletro intero, perlopiù di uccello, è una grossa sfida.. Hai già preparato dei crani?


Un anno fa trovai uno scheletro di riccio e decisi di conservarne il cranio, ma è stato facile dato che era già completamente spolpato ed ho dovuto solamente ripulirlo un po' ed attaccare i dentini.

Messaggio originario di cri87:

Ciao e benvenuta nel forum
Io inizierei con spiumare l'animale manualmente, come si fa con i polli. Poi inciderei con un bisturi o coltellino l'addome a partir da appena sotto lo sterno fino all'ano per poter togliere le viscere. In effetti le ossa essendo cave sono molto fragili. Io proverei con la macerazione in acqua.


Grazie de consigli Quindi dopo aver rimosso piume e viscere posso lasciarlo macerare così com'è, con pelle e tutto?

Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 giugno 2016 : 14:15:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Sator:

Messaggio originario di nero441:

Ti do anche io l benvenuta

...certo che iniziare da uno scheletro intero, perlopiù di uccello, è una grossa sfida.. Hai già preparato dei crani?


Un anno fa trovai uno scheletro di riccio e decisi di conservarne il cranio, ma è stato facile dato che era già completamente spolpato ed ho dovuto solamente ripulirlo un po' ed attaccare i dentini.

Messaggio originario di cri87:

Ciao e benvenuta nel forum
Io inizierei con spiumare l'animale manualmente, come si fa con i polli. Poi inciderei con un bisturi o coltellino l'addome a partir da appena sotto lo sterno fino all'ano per poter togliere le viscere. In effetti le ossa essendo cave sono molto fragili. Io proverei con la macerazione in acqua.


Grazie de consigli Quindi dopo aver rimosso piume e viscere posso lasciarlo macerare così com'è, con pelle e tutto?


La regola è semplice: più togli meno tempo ci mette! Però devi fare molta attenzione a non fratturare le ossa la macerazione funziona meglio se aggiungi acqua ossigenata o bicarbonato per ammorbidire i tessuti. E l'acqua va sostituita ogni 2 giorni massimo! Così facendo in circa 3 settimane il reperto dovrebbe essere pronto! Inoltre per facilitarti la vita dovresti cercare di mantenere intatti i tendini di giunzione tra le ossa, per non impazzire a ricomporre lo scheletro!
Torna all'inizio della Pagina

Sator
Utente nuovo

Città: Bologna


3 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 giugno 2016 : 22:04:08 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di nero441:

La regola è semplice: più togli meno tempo ci mette! Però devi fare molta attenzione a non fratturare le ossa la macerazione funziona meglio se aggiungi acqua ossigenata o bicarbonato per ammorbidire i tessuti. E l'acqua va sostituita ogni 2 giorni massimo! Così facendo in circa 3 settimane il reperto dovrebbe essere pronto! Inoltre per facilitarti la vita dovresti cercare di mantenere intatti i tendini di giunzione tra le ossa, per non impazzire a ricomporre lo scheletro!


Wow, grazie mille, sei un mito fatto tutto oggi stesso. Ora aspettiamo con pazienza i risultati finali

Torna all'inizio della Pagina

Goat
Utente nuovo

Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 luglio 2016 : 01:42:39 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao a tutti, volevo chiedere a voi esperti una cosa, mi trovo a dover pulire un cranio di mucca con muscoli e nervo ottico attaccato (perché i macellai tolgono solo la carne necessaria) in seguito a esperienze non proprio nelle ho deciso di non pulirlo a mano e di affidare alla decomposizione il compito. L'ho messo in un grosso vado e l'ho ricoperto di terra, il tutto posizionato in un angolo del giardino, così facendo non fa cattivo odore e la decomposizione agisce regolarmente. Il punto è che non so quanto ci vuole in questa maniera e mi chiedevo se fosse meglio lasciarlo scoperto e ricoprirlo di bigattini ( che accelera il processo ma ho paura faccia odore a metri di distanza) oppure metterlo in acqua ( che come dicono diversi siti accelera il processo di decomposizione ma puzza ugualmente perché l'acqua stagna). Sapreste darmi un consiglio tenendo conto di tutto ciò che vi ho premesso? Sapete quanto tempo ci vuole se lo lasciassi in quel vaso senza toccarlo? Se ci mettessi dei bigattini arriverebbero al cranio comunque contento che avrà 20 cm massimo di terra sopra? Grazie in anticipo per il vostro tempo :)
Torna all'inizio della Pagina

Mauro Grano
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3836 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 luglio 2016 : 10:08:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Mi spiace non esserti d'aiuto poichè vuoi utilizzare tecniche che non ho mai usato. Posso solo dirti che i tempi sono estremamente variabili e che le condizioni climatiche posso influenzare, anche di parecchio. Farlo adesso d'estate sicuramente accorcia i tempi. L'acqua aiuta ma l'odore diventa veramente difficile da sopportare e non scordare che i bigattini sono solo le larve di un tipo di mosca. Quindi nel giro di pochi giorni, oltre all'odore saresti invaso anche dai mosconi.

Mauro
Torna all'inizio della Pagina

Goat
Utente nuovo

Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 luglio 2016 : 11:56:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
A me preoccupa più che altro il tempo di attesa, non vorrei che ci volessero anni invece che qualche mese, ognu mese comunque controllo a che punto è e nel caso trovo in altra soluzione per far prima, lo metto in ammollo e lo chiudo ermeticamente con il nilon in modo che l'acqua fa il suo effetto ma non puzza perché è chiuso
Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 25 luglio 2016 : 08:44:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Goat:

A me preoccupa più che altro il tempo di attesa, non vorrei che ci volessero anni invece che qualche mese, ognu mese comunque controllo a che punto è e nel caso trovo in altra soluzione per far prima, lo metto in ammollo e lo chiudo ermeticamente con il nilon in modo che l'acqua fa il suo effetto ma non puzza perché è chiuso


Ciao!

Io, come già detto più volte nelle varie discussioni, detesto il metodo di pulizia per sotterramento. Tempi biblici (mesi e mesi per un cranio medio-piccolo come quello di capriolo), le ossa rimangono talmente impregnate di terra (se è argillosa poi addio), da macchiare irrimediabilmente le ossa, tanto da rendere arduo persino il lavaggio con acqua ossigenata ad elevate concentrazioni. Quando ho un cranio di piccole dimensioni da preparare utilizzo la macerazione in acqua e bicarbonato in contenitore chiuso (cosicchè l'odore si possa limitare solo al momento della sostituzione dell'acqua. Quando il cranio è di grosse dimensioni il metodo assolutamente migliore è a bollitura, che provoca certamente odore, ma per non più di 3 ore. Oppure puoi usare le larve di mosca/bigattini, magari lasciando il reperto in un sacco dell'immondizia sigillato con del nastro adesivo. In questo modo le mosche adulte non potranno fuoriuscire se non ne luogo e nel momento in cui lo deciderai tu!
Torna all'inizio della Pagina

nero441
Utente Senior


Città: Torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


1179 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 25 luglio 2016 : 08:59:42 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Fatico davvero a comprendere il motivo per il quale il sotterramento sia un metodo così tanto utilizzato. Ho provato tutti i metodi (bollitura, sotterramento, dermestidi, larve da pesca, macerazione), ed è di gran lunga il peggiore: avere un reperto pronto a mesi di distanza, per lo più macchiato, non è mai l'ideale. Al limite puoi provare a lasciare il reperto su un formicao, tanto il cranio di mucca non ha parti piccole, e non rischi che vengano disperse (volendo per sicurezza puoi inserire il cranio in una gabbia sul formicaio oppure appeso su un albero.. tutti metodi che comportano una rapida pulitura)

Modificato da - nero441 in data 25 luglio 2016 09:00:42
Torna all'inizio della Pagina

Goat
Utente nuovo

Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


3 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 25 luglio 2016 : 09:10:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Purtroppo abitando in una casa bifamiliare con vicini non posso permettermi metodi che creino odore quindi è da escludere bollitura e acqua ossigenata, non posso nemmeno farlo a mano perché bisognerebbe essere come minimo un seri al killer visto che il cranio in questione ha ancora gli occhi e i muscoli, il metodo migliore rimane seppellirlo... Ma visto che il tempo di bollitura è così beve e vedrò di procurarmi una pentola un fornelletto a gas e andrò a farlo al fiume, grazie per i consigli :)
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 6 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

<< Pagina Precedente

|
Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,48 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net