testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Arion vulgaris o rufus?
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 15 gennaio 2009 : 23:04:02 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Ciao,
in Brianza spesso trovo esemplari di Arion con varie tonalità di rosso e non ho ancora capito come fare a distinguere a occhio gli esemplari di A.rufus da quelli di A.vulgaris. Per quanto ne so nella mia zona dovrebbero convivere tutte e due le specie. Questo esemplare l'ho fotografato vicino a casa mia e per me si tratta di Arion vulgaris.


Immagine:
Arion vulgaris o rufus?
253,78 KB

Immagine:
Arion vulgaris o rufus?
295,43 KB

Ringrazio in anticipo chi mi saprà dare dei chiarimenti.

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)

Modificato da - Cmb in Data 16 gennaio 2009 08:26:14

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12819 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 gennaio 2009 : 08:13:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non si puo distinguere le due specie ad occhi (Anatomia!) - La tua zona è gia preso da Arion vulgaris e penso che questa essemplare è A. vulgaris, perchè meno raro come A. rufus.

Da suezia si cognosce gia una miscela degli spezie anatomichamente (Ted von Proschwitz).

Ho trasferito il contributo alla sezione MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI





"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


10630 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 gennaio 2009 : 09:14:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Cmb:

Da suezia si cognosce gia una miscela degli spezie anatomichamente (Ted von Proschwitz).


nel senso che sono stati trovati esemplari con caratteristiche anatomiche intermedie tra rufus e vulgaris?

ciao

ang
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12819 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 gennaio 2009 : 12:42:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per ang: si!



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 gennaio 2009 : 13:04:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Garzie Clemens,
per il tuo chiarimento.
So che A.rufus è molto variabile in colore addirittura può essere nero, è così anche per A.vulgaris? Gli esemplari nella zona dove ho fatto le foto sono tutti di colore rosso vivo.

Ciao,

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12819 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 gennaio 2009 : 13:52:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Pensi che tante determinazione (anche nelle libri) sono false - tu trovi più A. vulgaris che A. rufus.



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12819 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 gennaio 2009 : 11:48:48 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Quando le Arion sono giovane, si puo dire bene, di quale specie si tratta:

1. Arion rufus: sempre bianco-giallo con testa scuro

2. Arion vulgaris: sempre multicolorato



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 gennaio 2009 : 12:05:11 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie Clemens,
questa informazione mi sarà molto utile nell'individuare le varie popolazioni
tutto sta a trovare esemplari giovani.

Ciao,

Vittorio



"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8884 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 gennaio 2009 : 01:00:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La sistemazione tassonomica di questo gruppo di Arion è molto lontana dall'essere chiarita.
Come giustamente riporta Clemens in Svezia Ted von Proschwitz ha messo in evidenza l'ibridizzazione tra A.lusitanicus ed A.niger.
Questi ibridi secondo lavoro pubblicato su Nobanis danno origine ad una super razza che unisce la prolificità di A.lusitanicus alla adattabilità di A.niger alle temperature fredde.
Il fatto di avere una prole fertile potrebbe far pensare ad una non completa differenziazione specifica tra A.niger ed A.lusitanicus.
A.vulgaris è ritenuto sinonimo di A.lusitanicus.
Questa sinonimia è negata negli studi della dott.sa M.S.Colomba et al. che hanno evidenziato una differenza cromosomica tra A.vulgaris ed A.lusitanicus.
Per le specie italiane non abbiamo notizie sicure,le notizie riportate in letteratura non ci danno la certezza della classificazione,dovremo attendere uno studio ad ampio respiro che chiarisca le differenze tra queste specie gemelle in tutto l'areale di distribuzione.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo
Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12819 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 marzo 2009 : 21:25:41 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ora sappiamo (Ted von Proschwitz) che ci sono degli ibridi tra A. vulgaris e A. rufus a Suezia - A. vulgaris è venuto un vero "alien"......



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Riassunto del Forum Natura Mediterraneo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 marzo 2009 : 21:50:23 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Cmb:

... La tua zona è gia preso da Arion vulgaris e penso che questa essemplare è A. vulgaris, perchè meno raro come A. rufus...


Conosci zone in Lombardia dove Arion vulgaris non ha ancora conquistato il territorio di Arion rufus? La sua diffusione credo che sia per ragioni antropiche, forse cercandola in località impervie e lontane dalla civiltà si potrebbero trovare popolazioni pure di Arion rufus. Mi piacerebbe mettere le due specie a confronto.

Ciao,

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8884 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2009 : 22:45:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Cmb:

Ora sappiamo (Ted von Proschwitz) che ci sono degli ibridi tra A. vulgaris e A. rufus a Suezia - A. vulgaris è venuto un vero "alien"......


Se Ted von Proschwitz,una delle maggiori autorità in materia ci conferma popolazioni ibride ma feconde di Arion rufus x Arion vulgaris, non si può parlare di specie distinte ma al massimo di sottospecie.
Evidentemente le differenze evidenziate nella forma dell'apparato genitale non costituiscono una barriera all'incrocio delle diverse popolazioni.
Se ciò è vero dovremmo avere:
Arion rufus rufus
Arion rufus lusitanicus
Arion rufus vulgaris
Ma i problemi di nomenclatura non finiscono qui,Arion ater è ritenuto sinonimo di Arion rufus, ma Linneo pubblicò prima "Limax ater" che ha la priorità su "Limax rufus".
Linnæus, C. 1758. Systema naturæ per regna tria naturæ
Arion vulgaris o rufus?


Anche Arion ater si ibridizza con Arion vulgaris citato come Arion lusitanicus in un lavoro su nobanis linkato in un altro post.

Stando così le cose dovremmo parlare unicamente di Arion ater var rufus.
Probabilmente non si riescono a distinguere queste specie perché sono un'unica specie.





La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


10630 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2009 : 22:55:01 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
ma gli ibridi riportati sono in una zona di contatto tra popolazioni oppure all'interno di una popolazione si trovano individui con caratteristiche intermedie? in quest'ultimo caso sono certamente un'unica specie, nel primo invece non è detto

ciao

ang
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 marzo 2009 : 23:12:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Forse il concetto di specie basato sulla fecondità della prole non è sempre applicabile, se non ricordo male avevo letto da qualche parte che vi possono essere delle eccezioni (mi sembra ad esempio in alcune tartarughe) dove due specie diverse danno origine a prole feconda per 3-4 generazioni poi nascono individui sterili e in botanica ad esempio è noto il fatto che due piante di specie diverse danno origine a ibridi fecondi. L'argomento non è nelle mie competenze ma ho cercato di dare il mio piccolo contributo.

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8884 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 marzo 2009 : 23:27:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sicuramente è un argomento da approfondire,ma quì si parla di popolazioni invasive,molto resistenti ed oltremodo prolifiche che hanno invaso la Svezia ed in parte anche il nord dell'Italia.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 marzo 2009 : 23:45:26 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho appena trovato in rete un documento.pdf dove viene trattato l'argomento del Concetto di specie dove a pag. 31-32 viene spiegata la speciazione da ibridazione fra specie affini e simpatriche. Se è così Arion vulgaris e Arion rufus darebbero origine a Arion vulgarufus.

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8884 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 12 marzo 2009 : 15:51:21 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Molto interessante quel lavoro,come prevedevo non c'è un concetto condiviso su cosa sia una specie.
Ho aperto un nuovo capitolo:"Didattica" e ci ho linkato questo lavoro.

Interessante il concetto di Arion vulgarufus Snailbrianza,2009 ma bisognerebbe accertare se questi nuovi individui si accoppiano o meno con esemplari delle altre due presunte specie.






La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1589 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 12 marzo 2009 : 17:19:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Se si accoppiassero con le altre due specie e dovessero dare un'altra specie feconda, ci sarebbe un continuo scambio di genetica senza limite e l'evoluzione di queste specie sarebbe a livelli esponenziali. Forse, come accade già con i Limax, dovremmo cominciare ad usare il termine gruppo che comprende più specie affini derivanti da uno stesso ceppo e in questo caso avremmo Arion del gruppo Ater che comprende Arion rufus, Arion vulgaris, la fantasiosa Arion vulgarufus e tutti i loro posteri. Forse stiamo fantasticando ma fino a quando non avremmo le idee chiare penso che raggrupparle in un unico nome sia la cosa migliore.

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,95 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net