testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Leggi il nostro regolamento!! Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Piante - Natura Mediterraneo
 INFORMAZIONI BOTANICHE
 Orchidee: numero di stami
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

circus
Utente Senior


Città: Pisa
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


1615 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 30 ottobre 2020 : 11:39:53 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Leggendo per caso il volume 2 di Linneo sulla classificazione delle piante, ho notato che le orchidee sono inserite nella classe XX sotto l'indicazione di Diandra, ossia provviste di due stami.

Immagine:
Orchidee: numero di stami
164,71 KB

Qualcuno mi sa spiegare la ragione, dal momento che la maggior parte delle orchidee (a parte il Cypripedium) hanno invece una sola antera fertile.


Ciao,
Roberto

circus
Utente Senior


Città: Pisa
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


1615 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 01 novembre 2020 : 17:30:49 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Credo di aver trovato la spiegazione.
Basta leggere la descrizione dello stame che Darwin fa nel suo libro sulle orchidee:
"Gli stami sono formati dal filamento, il quale porta l'antera, che contiene nel suo interno il polline.
L'antera è divisa in due logge che si vedono assai distintamente nella massima parte delle orchidee,
di modo che in alcune specie sembrano esistere due antere diverse"
Ed è questa caratteristica delle antere delle orchidee che ha portato Linneo a confondersi.
Dalla lettura di Darwin si capisce anche il significato della classe XX Gynandria:
"in tutte le comuni orchidee esiste un solo stame ben sviluppato,
il quale si salda al pistillo e forma con esso la colonnetta"

Ciao,
Roberto

Modificato da - circus in data 01 novembre 2020 17:32:57
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


2693 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 03 novembre 2020 : 00:42:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao circus, mi hai quasi messo in angoscia ! Infatti ho provato a pensare a tutti i generi di Orchidaceae presenti dalle nostre parti e tutti, invariabilmente, li ricordo con due elementi fertili maschili, che in genere si definiscono pollinii. Sono io che non ho capito il senso del tuo discorso, oppure stai facendo confusione? Riccardo

Torna all'inizio della Pagina

circus
Utente Senior


Città: Pisa
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


1615 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 05 novembre 2020 : 14:45:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Esatto è proprio cosi.
Infatti le orchidee italiane hanno tutte un fiore con due pollinii, come dici correttamente.
Essi però fanno parte dello stesso stame, che è unico, quindi le orchidee sono da inserire nel gruppo delle monandrae (un solo stame o antera).
Probabilmente Linneo fu tratto in inganno dalla presenza dei due sacchi pollinii separati e le ha classificate (erroneamente) come ginandreae (due stami o antere).

Ciao,
Roberto
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,18 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net