testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Lumachine leccarospi
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

D21
Moderatore Tutor


Città: Cuneo

Regione: Piemonte


6682 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 00:37:39 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Beh, non me l'aspettavo! Mai visto nulla di simile...
Stasera, a caccia della Luna eclissata (nascosta dalle nuvole), arrivo su un laghetto artificiale fatto appositamente per essere naturalizzato. Dentro c'è di tutto, dalle larve di libellula ai collemboli, e ci sono 2 rospi smeraldini maschi che cantano... Fotografo entrambi, e quando arrivo a casa e guardo le foto...

Tutto buio, al momento non ho notato nulla, ma qualcosa è attaccato al rospo...

Lumachine leccarospi


Non qualcosa di unico, ma tante cose... tante, tutte al pelo dell'acqua, sulla pelle del rospo, sulle zampe, perfino sul sacco golare!

Lumachine leccarospi

Dario.


"Siamo noi, che sotto la notte ci muoviamo in silenzio, tra gli anfratti dei sogni che il giorno ci ispira,
nei meandri di un tempo che cambia ogni volta, cercando qualcosa che non abbiamo mai perso." (1795 J.d.L.)

D21
Moderatore Tutor


Città: Cuneo

Regione: Piemonte


6682 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 00:43:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ce ne sono parecchie, e mi paiono tutte uguali. Il rospo non se ne cura...

Lumachine leccarospi


Continua a cantare come prima, come sempre. Mi chiedo che effetto deve fare stare attaccato alla membrana golare di un rospo, mentre quello la distende e la ritira, e la fa vibrare velocissima trillando il suo forte e tipico verso!

Lumachine leccarospi

Mi chiedo: avete mai osservato qualcosa del genere? Avete qualche ipotesi sul perchè quelle lumachine (specie ignota, per me) si fossero attaccate in massa al rospo smeraldino? Cosa cercavano? Cibo? Il muco della pelle del rospo? Esso non era minimamente infastidito, neppure dalla mia presenza, quindi escludo che abbia rilasciato la bufonina. Oltretutto era impegnato a cantare, quindi non si considerava per nulla in pericolo.
Qualche idea? Ci sono precedenti?

Grazie a tutti!


Dario.


"Siamo noi, che sotto la notte ci muoviamo in silenzio, tra gli anfratti dei sogni che il giorno ci ispira,
nei meandri di un tempo che cambia ogni volta, cercando qualcosa che non abbiamo mai perso." (1795 J.d.L.)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8927 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 01:21:33 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Reportage molto interessante, le lumachine sono sinistrorse e sembrano Physella acuta,ma dalle immagini è tutt'altro che sicuro.
La specie è erbivora perciò non minacciano il rospo,forse lo ripuliscono delle alghe ed altri microorganismi,la stessa funzione dei pesci pulitori,dunque potrebbero essere ospiti graditi.
In fondo sono più le lumache che hanno da temere dal rospo che potrebbe farne un solo boccone.
Sarebbe interessante studiare se tra queste specie si è stabilito un rapporto simbiontico.
E' la prima volta che vedo documentata questa associazione.
Ma a giudicare il numero di lumache presenti potrebbe essere anche un rapporto occasionale ed il rospo scambiato per un qualsiasi supporto.
Physella acuta è una specie aliena americana americana anche se diffusissima e presente in europa da secoli,probabilmente dalla scoperta dell'America, ma il tempo mi sembra molto breve per stabilire un rapporto di simbiosi tra rospo e lumachina.
Guardando l'immagine mi sembra che quando il rospo canta rimangono solo le lumachine al bordo del sacco,forse la altre cadono,ma non è molto importante sono talmente numerose che le rimpiazzano immediatamente.
Complimento Dario per il bellissimo servizio.





La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Juventino
Utente Super

Città: Nizza

Regione: France


10135 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 07:27:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Molto bello e interessante!!
Chissa c'è resto di muta sul rospo.;
Grazie mille!!

Link
L’école buissonnière
Torna all'inizio della Pagina

D21
Moderatore Tutor


Città: Cuneo

Regione: Piemonte


6682 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 22:47:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non avevo proprio pensato alla muta del rospo... non so: se sono erbivore suppongo non apprezzino la muta.

C'è da dire che i rospi erano due, entrambi in canto, ma solo quello a valle era pieno di lumachine (che potrebbero benissimo essere Physella acuta: lo stagno fu costruito solo nel marzo 2010, cioè un anno e tre mesi fa. La P. acuta colonizza in fretta, anche per le piante che vi sono state piantate, che suppongo ne ospitassero le uova).
La zona a valle spesso è la più ricca dello stagno (sarà 15 m di diametro): forse si accumulano sostanze nutritive vicino al piccolo emissario, che era in secca. I girini si accumulavano lì. Immagino che anche le lumache vi trovino cibo in abbondanza. C'era un po' di vegetazione sommersa, che doveva attirarne parecchie. Ma sono comunissime in tutto lo stagno.
Però l'altro rospo, quello nella zona a monte, vicino all'immissario, era del tutto libero da molluschi:

Lumachine leccarospi

Questo fatto mi porta a pensare che i molluschi non abbiano cercato di proposito il rospo, ma che piuttosto lo abbiano trovato in mezzo a loro, e si siano arrampicate quando si è avvicinato. Gli smeraldini hanno l'abitudine di stare mezzi immersi e mezzi fuori dall'acqua: il sacco golare è sempre così, durante il canto: mezzo dentro e mezzo fuori dall'acqua. Le lumachine stavano tutte a pelo d'acqua: nessuna sul dorso del rospo, pochissime in immersione sulle zampe. Cercavano proprio la superficie di contatto con l'aria e vi si sistemavano appena sotto.

Il rospo cantava restando immobile a lungo, dando così il tempo alle lumachine di salire. Forse semplicemente queste si sono attaccate alla prima cosa che è capitata in mezzo a loro, ma di supporti stabili e meno pericolosi ce n'erano parecchi! (Il rospo, come detto da Subpoto, poteva anche mangiarsele).

Boh, per me rimane un mistero... E' la prima volta che vedo una cosa simile e non mi spiego perchè le lumache debbano cercare guai vicino al rospo. Speriamo che un giorno si sveli anche questa affascinante interazione



Dario.


"Siamo noi, che sotto la notte ci muoviamo in silenzio, tra gli anfratti dei sogni che il giorno ci ispira,
nei meandri di un tempo che cambia ogni volta, cercando qualcosa che non abbiamo mai perso." (1795 J.d.L.)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8927 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 giugno 2011 : 23:09:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Probabilmente sono disgustose e sanno che il rospo lo sa, altrimenti l'istinto di sopravvivenza gli farebbe tentare di evitare questi incontri potenzialmente pericolosi.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1612 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 giugno 2011 : 21:47:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Probabilmente non sanno del rischio ma si sono aggrappate semplicemente scambiando il rospo per un sasso, in questo caso credo che sia il numero elevato degli individui a salvaguardare la popolazione e non il loro istinto di sopravvivenza.

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,23 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net