testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


Nota! La determinazione degli insetti necessita quasi sempre di un'indicazione geografica e temporale precisa.
Invitiamo quindi gli utenti ad inserire questi dati ogni volta che viene richiesta una determinazione o viene postata una foto di un insetto. I dati forniti dagli utenti ci consentiranno anche di attribuire un valore scientifico alle segnalazioni, contribuendo a migliorare e integrare le attuali conoscenze sulla distribuzione delle specie postate.


 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
   INSETTI
 Lepidoptera
 I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 12:26:11 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Il complesso montuoso delle Madonie, in provincia di Palermo, costituisce uno degli ambienti di maggiore valore paesaggistico e naturalistico della Sicilia.
Dal novembre 1989 è stato perciò posto sotto tutela con l’istituzione dell’omonimo Parco naturale regionale.
Alcune immagini dell’area del Parco sono già presenti qui nel forum.
Ne aggiungo qualche altra:



SICILIA - Madonie: Piano Battaglia (1600 m) e Monte Mufara (1865 m)
25 aprile 2003



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
© Marcello Romano 




Su una superficie che rappresenta appena il 2% della Sicilia, le Madonie ospitano il 60% delle specie botaniche dell’intera regione, con endemismi unici, come il celeberrimo Abete dei Nebrodi (Abies nebrodensis).



SICILIA - Madonie: Piano Zucchi (1100 m) e Pizzo Carbonara (1979 m)
25 aprile 2003



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
© Marcello Romano 




La fauna entomologica di questo massiccio costituisce addirittura l’80% circa degli insetti noti per l’intera Sicilia e numerose sono le specie endemiche.

Nel caso dei lepidotteri diurni (Ropaloceri), 90 delle circa 100 specie note per l’isola vivono sulle Madonie.

Fra queste, le specie che si sono maggiormente differenziate rispetto agli individui delle altre popolazioni italiane, costituendo delle vere e proprie forme o razze locali, hanno due elementi in comune.
Il primo è quello di avere una dimensione leggermente inferiore, il secondo di avere una colorazione più chiara (non per nulla alcune di queste forme hanno ricevuto nomi quali hemipallida o pallidecolor)



SICILIA - Madonie: Vallone Zottafonda (1700 m), doline
14 giugno 2003



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
© Marcello Romano 



continua....







Modificato da - vladim in Data 06 luglio 2018 06:34:42

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 12:27:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Classe: Hexapoda Ordine: Lepidoptera Famiglia: Lycaenidae Genere: Aricia Specie:Aricia eumedon
L' Aricia (ex Eumedonia) eumedon è un primo esempio di cui vi posto qui alcune immagini.
Questo splendido e delicato Licenide è legato in tutta Italia agli ambienti montani ed è proprio di climi freddi.
L'ipotesi che si avanza sulla sua presenza nelle Madonie (che costituiscono la stazione più meridionale d'Europa) e che, durante le glaciazioni (periodi in cui le terre ghiacciate coprivano anche la Sicilia) la specie si spinse sempre più a sud: al ritiro dei ghiacci si rifugiò su queste montagne, compensando con l’altitudine il cambiamento climatico.
Restò così “intrappolata” su questo massiccio al centro del Mediterraneo e iniziò un lento (per noi) processo di differenziazione dalla specie “madre”.


Sulle Madonie, l'Eumedonia eumedon si vede volare negli ambienti maggiormente esposti al sole al di sopra dei 1200 e fino a 1900 m e si mantiene in aree ristrette, vicino al luogo di schiusura, dove fiorisce il Geranium pyrenaicum che qui rappresenta la pianta nutrice dei bruchi.



SICILIA - Madonie (1600 m): fioritura di Geranium pyrenaicum,ambiente di volo di Aricia (ex Eumedonia) eumedon
29 maggio 2005



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
© Marcello Romano 



Per chi è stato così paziente da seguirmi fin qui, ecco qualche immagine dell' Aricia (ex Eumedonia) eumedon delle Madonie



SICILIA - Madonie (1600 m)
29 maggio 2005


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
 




SICILIA - Madonie (1600 m)
29 maggio 2005


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
 


Se confrontate le foto di questi esemplari con quelli figurati da Paolo in leps.it o con qualunque altra immagine presente sul Web, vi accorgerete subito che si presentano più chiari, visti sia da sopra che da sotto, oltre ad essere leggermente più piccoli.
Questa forma siciliana è stata nominata come nebrodensis nel 1919 da un grande entomologo sicilano, Enrico Ragusa, e oggi qualche specialista la considera una sottospecie buona (vedi qui).



SICILIA - Madonie (1600 m)
29 maggio 2005


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
 



Le si voglia o meno dare un nome, su un fatto penso siamo tutti d’accordo.
Popolazioni come questa sono testimonianza vivente dei cambiamenti continui che in natura avvengono e che portano alla formazione di nuove specie.

Marcello

Modificato da - vladim in data 06 luglio 2018 06:33:54
Torna all'inizio della Pagina

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 12:27:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Permettetemi un’ultima considerazione.
In fondo, se ci riflettete, i nomi che si assegnano a ciascuna specie sono un po’ come le nostre foto.
Cambia solo la scala temporale.
Infatti le nostre immagini fissano un istante che una frazione di secondo più tardi è già mutato.
Così il nome di una specie “fotografa” la sua attuale posizione nell’ ”albero della vita”.
Posizione che nell’arco di alcune decine o centinaia di migliaia di anni è destinata a modificarsi più o meno radicalmente.
Tempi enormemente più lunghi per noi, ma frazioni infinitesimali nella scala dei tempi geologici.


Voi che ne pensate?


Marcello
Torna all'inizio della Pagina

lynkos
Con altri occhi


Città: Sant'Eufemia a Maiella
Prov.: Pescara

Regione: Abruzzo


17647 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 12:44:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Meraviglie! Nel mio unico viaggio in Sicilia, ho camminato nelle Madonie, esperienza indimenticabile che torna in tutto il suo splendore guardando le tue foto.



Sarah


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae) Lynkos - attraverso altri occhi
Torna all'inizio della Pagina

mazzeip
Moderatore


Città: Rocca di Papa
Prov.: Roma

Regione: Lazio


13563 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 13:07:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Se mi avessi mandato queste foto chiedendomi di determinarle, avrei avuto qualche difficoltà: rimetto qui il collegamento ad una foto di questa specie che ho fatto sul Gran sasso e già inserita altrove, per confronto:

I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)

la tua ha una tonalità di fondo meno aranciata, molto belle!

Direi che, di quelle prese dall'alto, la prima è un maschio e la seconda una femmina (quella con un po' di arancio sull'ala)



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae) Paolo Mazzei
Torna all'inizio della Pagina

mazzeip
Moderatore


Città: Rocca di Papa
Prov.: Roma

Regione: Lazio


13563 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 15:18:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non mi ero accorto che sulle tue foto c'era una chiara indicazione del sesso (fortuna che siamo d'accordo ...)!

Mi dispiace di aver un po' falsato il contenuto del tuo messaggio, dato che adesso, sulla pagina della eumedon di leps.it, ci sono per prime... le tue foto !



I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae) Paolo Mazzei
Torna all'inizio della Pagina

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 15:23:27 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Che dire,
grazie Paolo per questa gradita e rapidissima sorpresa

Marcello
Torna all'inizio della Pagina

lynkos
Con altri occhi


Città: Sant'Eufemia a Maiella
Prov.: Pescara

Regione: Abruzzo


17647 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 15:24:47 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di mazzeip:

dato che adesso, sulla pagina della eumedon di leps.it, ci sono per prime... le tue foto !

Ladro di fotooooo... !
Torna all'inizio della Pagina

Carlmor
Moderatore Trasversale


Città: Varese
Prov.: Varese

Regione: Lombardia


8940 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 20:49:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
bella descrizione
molto interessante
si nota chiaramente la colorazione più chiara
ci sono spiegazioni per quasto fenomeno cha come hai detto caratterizza più specie ?
Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 febbraio 2006 : 23:19:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Classe: Hexapoda Ordine: Lepidoptera Famiglia: Nymphalidae Genere: Hyponephele Specie:Hyponephele lycaon
Messaggio originario di carlmor:

si nota chiaramente la colorazione più chiara
ci sono spiegazioni per quasto fenomeno cha come hai detto caratterizza più specie ?
Carlo


Maggiore gracilità, minori dimensioni e colori più tenui rispetto al tipo sono, che io sappia, elementi comuni che caratterizzano le popolazioni di specie di provenienza settentrionale, adattatesi ad ambienti più secchi di quelli di origine.

Guarda per esempio questi due esemplari di Hyponephele lycaon, un Satyridae che in Italia si trova lungo l'arco alpino e attraverso la catena appenninica giunge in Sicilia, dove si trova solo sulle Madonie, negli stessi ambienti della E. eumedon.
Questa forma, presente anche in Italia centrale ed in Algeria viene definita nela grande opera del Verity (1953),(Le Farfalle diurne d'Italia), come "estrema del tipo di aspetto secco" per gracilità, piccolezza e colori smunti.
Puoi confrontarla con gli esemplari dell'Italia settentrionale presenti in leps.it


SICILIA - Madonie, 1600 m, 8 luglio 2004


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
maschio 



SICILIA - Madonie, 1600 m, 21 luglio 2004


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae)
femmina  


Marcello

Modificato da - Velvet ant in data 12 ottobre 2006 21:42:38
Torna all'inizio della Pagina

lynkos
Con altri occhi


Città: Sant'Eufemia a Maiella
Prov.: Pescara

Regione: Abruzzo


17647 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 22 febbraio 2006 : 06:38:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Che voglia di sole e farfalle! Molto belle come sempre Marcello, un di ringraziamento.

Sarah


I tesori delle Madonie: Aricia eumedon (Lycaenidae) Lynkos - attraverso altri occhi
Torna all'inizio della Pagina

LORENZO
Utente Senior


Città: MONCALIERI
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


2873 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 22 febbraio 2006 : 14:35:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
velvet adoro i tuoi messaggi
sono ricchi di informazioni dettagliate e curate!
grande grande anzi grandissimo!
grazie lorenzo
Torna all'inizio della Pagina

Carlmor
Moderatore Trasversale


Città: Varese
Prov.: Varese

Regione: Lombardia


8940 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 febbraio 2006 : 17:53:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Velvet ant:

Messaggio originario di carlmor:

si nota chiaramente la colorazione più chiara
ci sono spiegazioni per quasto fenomeno cha come hai detto caratterizza più specie ?
Carlo


Maggiore gracilità, minori dimensioni e colori più tenui rispetto al tipo sono, che io sappia, elementi comuni che caratterizzano le popolazioni di specie di provenienza settentrionale, adattatesi ad ambienti più secchi di quelli di origine.

Guarda per esempio questi due esemplari di Hyponephele lycaon, un Satyridae che in Italia si trova lungo l'arco alpino e attraverso la catena appenninica giunge in Sicilia, dove si trova solo sulle Madonie, negli stessi ambienti della E. eumedon.
Questa forma, presente anche in Italia centrale ed in Algeria viene definita nela grande opera del Verity (1953),(Le Farfalle diurne d'Italia), come "estrema del tipo di aspetto secco" per gracilità, piccolezza e colori smunti.
Puoi confrontarla con gli esemplari dell'Italia settentrionale presenti in leps.it




Marcello



Grazie mille Marcello
sempre gentile
Carlo
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,43 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net