Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Lo sapevi che puoi aggiungere le informazioni di Google Map nel Forum? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Piante - Natura Mediterraneo
 ORCHIDEE
 Epipactis da determinare
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

cianix
Utente Senior


Città: tarcento
Prov.: Udine

Regione: Friuli-Venezia Giulia


2308 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 luglio 2017 : 13:41:11 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Pedicello rosato, giunzione ipochilo-epichilo larga, epichilo più lungo che largo... ci sono caratteri sia di muelleri che di helleborine (pedicello) che (forse) di neglecta, qualcuno riesce a mettermi sulla strada giusta? Grazie!




Immagine:
Epipactis da determinare
169,59 KB

le mie orchidee su Flickr
-----------------------
Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita, e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto...

Henry David Thoreau

cianix
Utente Senior


Città: tarcento
Prov.: Udine

Regione: Friuli-Venezia Giulia


2308 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 luglio 2017 : 13:42:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Immagine:
Epipactis da determinare
158,82 KB

le mie orchidee su Flickr
-----------------------
Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita, e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto...

Henry David Thoreau
Torna all'inizio della Pagina

cianix
Utente Senior


Città: tarcento
Prov.: Udine

Regione: Friuli-Venezia Giulia


2308 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 17 luglio 2017 : 13:43:37 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Immagine:
Epipactis da determinare
215,13 KB

le mie orchidee su Flickr
-----------------------
Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita, e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto...

Henry David Thoreau
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


1310 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 luglio 2017 : 12:10:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Luciano, effettivamente questi fiori presentano qualche carattere contraddittorio, ma con le Epipactis non è una novità. E. muelleri in purezza la escluderei perché il gruppo colonna-antera, nell'unico fiore dove si vede bene, non è di questa specie. Inoltre personalmente non ho mai incontrato una E. muelleri con pedicello florale arrossato, al più dovremmo pensare a una possibile ibridazione con E. helleborine.
E. helleborine in purezza sicuramente non la è, sono parecchi i caratteri che non appartengono a questa specie. E. neglecta ci sta tutta come epichilo, ci sta come gruppo colonna-antera, ci sta come tipo di peluria anche se qui è poco abbondante. Secondo i paradigmi non ci starebbe molto come giunzione ipo-epichilo, normalmente stretta e allungata, mentre qui è piuttosto corta e mediamente larga. Però io di popolazioni di E neglecta con giunzione simile ne ho già viste altre. Il pedicello florale arrossato, con buona pace di Pierre Delforge, non è rarissimo in E. neglecta, come non è raro di colore tutto verde-giallognolo in E. helleborine. Quindi a mio avviso in questa pianta E. neglecta entra sicuramente, anche se non possiamo escludere ibridazione, che in Epipactis è fenomeno frequente. Però nella documentazione mancano due aspetti importantissimi per queste piante: le prime brattee in basso e le foglie, che in Epipactis non sono affatto un carattere secondario. Se possiedi questi due aspetti nella tua documentazione, forse potremmo farci un'dea più precisa di questa interessante pianta. Riccardo

Torna all'inizio della Pagina

cianix
Utente Senior


Città: tarcento
Prov.: Udine

Regione: Friuli-Venezia Giulia


2308 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 luglio 2017 : 22:36:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Riccardo, grazie per il tuo parere sempre molto particolareggiato; questa è l'unica foto dove, anche se sfocate, si vedono abbastanza bene le brattee e alcune delle foglie, spero possa essere utile, in ogni caso erano molto diverse da quelle delle numerose helleborine presenti nei dintorni, semmai ricordavano quelle di atrorubens:


Immagine:
Epipactis da determinare
109,41 KB

le mie orchidee su Flickr
-----------------------
Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita, e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto...

Henry David Thoreau

Modificato da - cianix in data 19 luglio 2017 22:38:02
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


1310 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 luglio 2017 : 00:54:06 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Altro che contraddittoria, questa Epipactis è un bel casino e mi mette in difficoltà. Con prime brattee di questo tipo E. neglecta non ci sta per niente. Con quel poco di foglie che si vede e da quanto mi dici (ricordavano E. atrorubens) è possibile andare avanti con le indagini solo se mi confermi che la pianta fosse in ambiente abbastanza arido ed esposto al sole. Se invece crescesse in bosco umido e ombroso dovrei riconoscere di non essere in grado di capirci niente. Ti metto una foto per vedere se le foglie della tua pianta potessero avere questo aspetto. Aspetto la tua risposta prima di avanzare altre ipotesi. Riccardo
Immagine:
Epipactis da determinare
202,74 KB

Torna all'inizio della Pagina

cianix
Utente Senior


Città: tarcento
Prov.: Udine

Regione: Friuli-Venezia Giulia


2308 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 20 luglio 2017 : 09:35:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Confermo sia l'ambiente arido e assolato che la somiglianza delle foglie con la pianta postata da te.

le mie orchidee su Flickr
-----------------------
Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita, e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto...

Henry David Thoreau
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


1310 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 luglio 2017 : 18:29:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Bene, allora un ragionamento lo possiamo fare. L'immagine che ho postato è di una E. muelleri in ambiente xerico ed esposto ai raggi solari: avvengono quelle modifiche morfologiche di difesa della pianta, che ritroviamo anche in E. helleborine nelle stesse condizioni e, nel tempo, hanno dato luogo all'equivoco colossale di creare due specie nuove (E. tremolsii ed E. latina) laddove invece si trattava sempre di E. helleborine modificata dall'ambiente. Come ho visto la tua ultima foto pur parziale ho subito pensato a E. muelleri in ambiente esposto, perché le foglie prendono quei caratteri. A questo punto valutiamo: la giunzione ipo-epichilo corta e mediamente larga con E. muelleri ci sta perfettamente, le brattee pure, l'epichilo lungo non è frequente, ma esiste (le tante E. muelleri che sono state nel tempo confuse con E. leptochila). Due cose però non tornano assolutamente con E. muelleri in purezza: il peduncolo arrossato e la struttura del ginostemio che, per quello che riesco a vedere mi pare sessile o quasi nella giunzione colonna-antera e inoltre mi pare di intuire un clinandrio almeno parzialmente formato. A questo punto l'unica interpretazione possibile è che la tua pianta sia un ibrido E. helleborine x E. muelleri , per di più cresciuto in habitat xerico, con tutte le ulteriori variazioni morfologiche che ne conseguono. A ben guardare anche quella "pennellata" di rosso sulle protuberanze basali dell'epichilo rappresenta un frequente marchio di fabbrica di E. helleborine nelle ibridazioni. E' solo un'ipotesi, ma ragionevole, probabilmente con un esame dettagliato del ginostemio avremmo potuto avere qualche certezza in più. Comunque con la tua pianta ho ritrovato per un momento quel gusto di studio delle Epipactis, che un tempo mi appassionava, ma da anni mi ha abbandonato. Quindi grazie. Riccardo


Modificato da - ricki51 in data 20 luglio 2017 18:31:44
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2017 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,88 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

Cooperativa Darwin | Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net