testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Come inserire i video di Youtube nel Forum Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Deroceras invadens - Folia Malacologica Volume 19, Issue 4
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8979 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 dicembre 2011 : 16:07:17 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Un interessantissimo lavoro di HEIKE REISE, JOHN M. C. HUTCHINSON, SUSANN SCHUNACK, BETTINA SCHLITT sul gruppo Deroceras panormitanum è stato pubblicato su Folia Malacologica Volume 19, Issue 4 .

Il lavoro è disponibile on-line, basta iscriversi a Folia Malacologica.

Un po' discutibile l'approccio per la descrizione della nuova specie D. invadens basata sulla capacità di questa specie di diffondersi in tutto il mondo.
In questo D.invadens rientrerebbero i Deroceras sardi del gruppo panormitanum sebbene abbastanza distanti geneticamente.

In realtà il gruppo è piuttosto disomogeneo con nodi a cui è stato attribuito un valore 100, penso che non è buona norma descrivere una specie su queste caratterisriche prima di aver effettuato una revisione del gruppo in modo di poter attribuire ogni popolazione aliena alla specie di origine.







La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro

Modificato da - Fabiomax in Data 15 febbraio 2013 00:37:19

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


11135 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 aprile 2012 : 10:30:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
finalmente sono riuscito a leggere con la dovuta attenzione questo lavoro e riassumo qui i principali riflessi a livello sistematico
il lavoro è basato sulla morfologia dei genitali, sul rituale dell'accoppiamento e sull'analisi genetica; i campionamenti effettuati riguardano alcune popolazioni siciliane e maltesi e una sola sarda; a malta sono presenti D. panormitanum e D. golcheri; in sicilia sono presenti sicuramente due specie di cui una è D. panormitanum e l'altra geneticamente prossima alla maltese D. golcheri ma i dati sono al momento insufficienti per stabilire se si tratti o no della stessa specie; il materiale della penisola italiana non è stato direttamente trattato in questo lavoro; ci sono popolazioni della corsica e di montecristo morfologicamente riconducibili a D. glocheri e altre dell'isola d'elba e dell'italia continentale (trattate da giusti1976 come D. cecconii e D. cecconii var. ilvatica) che sarebbero riconducibili a panormitanum; anche D. giustianum Wiktor, 1998 è considerato sinonimo di D. panormitanum; viene invece confermata la validità di D. dallaii, Giusti 1970
la popolazione sarda (cala di luna, dorgali (NU)) appartiene ad una specie diffusa in molte parti del globo (inghilterra, francia, germania, canada, stati uniti, sudafrica) e che è stata descritta in questo lavoro come D. invadens; in sicilia è segnalata anche un esemplare proveniente da niscemi (CL) proveniente da un mercato ortofrutticolo, quindi da verificare; sebbene la località tipica di questa specie sia stata designata in inghilterra (north park, banstead, surrey), gli autori affermano che l'origine di questa specie sia presumibilmente mediterranea e in particolare italiana

ciao

ang
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2214 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 febbraio 2013 : 00:07:22 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Io penso che la scelta del locus typicus di D. invadens sia in contrasto con l'art. 76.1 del ICZN:

"If capture or collection occurred after transport by artificial means, the type locality is the place from which the name-bearing type, or its wild progenitor, began its unnatural journey."

Designare come locus typicus una località dove la specie è alloctona è una scelta molto criticabile perché produce confusione.

Da quale regione dell'area mediterranea proviene D. invadens?
Esistono nomi disponibili per questa regione più antichi di invadens?


Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

iperione
Utente Senior

Città: Cremona


2241 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 febbraio 2013 : 10:47:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Fabiomax:

Io penso che la scelta del locus typicus di D. invadens sia in contrasto con l'art. 76.1 del ICZN:

"If capture or collection occurred after transport by artificial means, the type locality is the place from which the name-bearing type, or its wild progenitor, began its unnatural journey."

Designare come locus typicus una località dove la specie è alloctona è una scelta molto criticabile perché produce confusione.

Da quale regione dell'area mediterranea proviene D. invadens?
Esistono nomi disponibili per questa regione più antichi di invadens?



A questo proposito, volevo chiederti se ad oggi ti risulta che in Sicilia, oltre ai D. panormitanus che lì hanno il locus typicus, esistono anche popolazioni "in natura" (non sull'insalata del fruttivendolo, come testimoniato da Reise & c.) attribuibili a D. invadens, (che dovrebbe essere la forma presente dalle mie parti - Cremona - , anche a giudicare dal comportamento riproduttivo che ho osservato)

ciao

Iperione
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8979 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 febbraio 2013 : 17:54:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
In Sardegna per questo gruppo è disponibile il nome Deroceras sardum (Simroth, 1886) ma non compare nei confronti effettuati nel lavoro.
Ma il problema sollevato non era questo, il complex Deroceras invadens comprede una serie di campionamenti piuttosto disomogenei con distanze genetiche abbastanza rilevanti all'interno del gruppo stesso, se non si effettua una revisione su materiali autoctoni è difficile stabilire se vi sia un cline che consenta di far rientrare tutti i campioni esaminati nella stessa specie.





La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro

Modificato da - Fabiomax in data 11 febbraio 2013 18:39:28
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2214 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 15 febbraio 2013 : 00:49:19 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Caro Subpoto

Il problema che tu poni ha importanza relativa,

perchè l'olotipo e i paratipi di D. invadens comprendono solo gli esemplari raccolti a Nork Park, Banstead (Surrey, Great Britain),
mentre gli esemplari della Sardegna e della Sicilia chiamati D. invadens non sono stati compresi nella serie tipica.
Questa scelta è piuttosto inusuale!



Iperione
La situazione tassonomica dei Deroceras della Sicilia è complessa e c'è molto da studiare e chiarire, anche sui taxa attualmente considerati sinonimi di D. panormitanum.


Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


11135 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 marzo 2013 : 09:20:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
interessante quesito, ma se non si riesce a risalire al reale punto di radiazione della specie, come ci si comporta per la designazione del locus typicus?
tra l'altro questo problema potrebbe riguardare anche molte casi meno eclatanti come le specie dei grossi elicidi presenti sul nostro territorio ma che presumibilmente sono stati importati dal nordafrica a partire dal neolitico per scopi alimentari (es. Cornu aspersum, Eobania vermiculata, ecc.) e specie ad essi collegati (es. Rumina decollata): esiste un "anno zero" dopo il quale si possono considerare alloctone le specie artificialmente trasportate?
lo stesso problema si porrebbe anche per specie come Murella muralis, specie autoctona della sicilia ma il cui locus typicus è firenze, oppure come Papillifera bidens/papillaris presente in ambienti naturali solo in sicilia e italia meridionale mentre altrove è presente solo in ambiente antropizzati

ciao

ang



Anche se nessuno di noi sa esattamente dove sta andando o dove andrà a finire.....comunque lascerà la sua indelebile striscia di bava (Beppe/papuina)
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2214 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 marzo 2013 : 12:44:53 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Caro Angelo

Il codice di nomenclatura zoologica ha una ben precisa data di pubblicazione, e
il codice cerca di garantire la stabilità della nomenclatura nel tempo, soprattutto per i taxa pubblicati precedentemente.

Gli autori moderni (a differenza di quelli del 1800) hanno a disposizione un buon codice e sono tenuti a seguirne le regole.
Si tratta quindi di due situazioni differenti.


Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


11135 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 05 marzo 2013 : 12:07:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
ok, quindi la data a partire dalla quale vale questa raccomandazione qual è? è possibile emendarla successivamente? in ogni caso rimane aperta la questione, se non si riesce con i mezzi attuali a stabilire con ragionevole certezza da dove realmente proviene una specie, come nei casi che ho citato precedentemente, come ci si dovrebbe comportare?

ciao

ang



Anche se nessuno di noi sa esattamente dove sta andando o dove andrà a finire.....comunque lascerà la sua indelebile striscia di bava (Beppe/papuina)
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


2214 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 05 marzo 2013 : 22:33:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Caro Ang

La norma di cui stiamo discutendo era una raccomandazione nella versione dell'ICZN del 1999.

Nell'attuale versione del Codice la norma è diventata un articolo: Art. 76.1.1


A partire dal primo gennaio 2000 gli autori devono rispettare questa regola.

Quindi al descrizione di Deroceras invadens è criticabile, perchè produce incertezza, tra l'altro in un genere di molluschi con tanti altri problemi tassonomici da risolvere.


Per le specie descritte precedentemente alla pubblicazione della prima versione del codice, esistono numerosi articoli che salvaguardano la stabilità tassonomica.

Voglio precisare che io non sono un esperto del codice
quindi ogni precisazione o correzione è ben venuta

Fabio



Sicilia: bellissima per natura
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8979 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 marzo 2013 : 11:31:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Il problema è che il codice continua a trattare una specie come un insieme omogeneo mentre in realtà è composta da popolazioni diverse soggette a deriva genetica.
Deroceras invadens comprende quelle definite nel lavoro "tramp species" che pur avendo caratteri anatomici simili presentano una notevole differenziazione genetica all'interno del gruppo che potrebbe far supporre la presenza di un complex di specie.
Quello che manca è proprio uno studio dettagliato dei rapporti tra queste diverse entità nel luogo di radiazione del gruppo che sembrerebbe essere l'area mediterranea.
Rispondendo ad ang sulle popolazioni alloctone, è difficile stabilire il tempo dopo cui considerarle autoctone invece che riinselvatichite.
Nelle popolazioni alloctone sono stati troncati tutti gli elementi che hanno portato l'evoluzione di quella specie: eventi geologico,eventi climatici,rapporti con specie simili ecc. per cui risulta praticamente impossibile uno studio biogeografico se non riferito allo studio della zona in cui si è verificata la radiazione del gruppo che comprende la specie in esame.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,34 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net