testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Città, Montagne, Laghi, Itinerari, Immagini del Mediterraneo
 MONTAGNE D' ITALIA
 Imparare dall' errore
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 luglio 2009 : 22:30:49 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Una messaggio inserito nella sezione "Comunicazioni e varie" relativo ad un problema di escursioni con fulmini, mi ha dato lo spunto per aprire questa discussione.

Io vorrei che, chi ha voglia, descrivesse una situazione "difficile" in cui è venuto a trovarsi andando in montagna o comunque durante un escursione. E che poi questa situazione fosse discussa insieme in modo da poterne analizzare le cause.

Lo scopo finale, nelle mie intenzioni, sarebbe quello, dopo aver analizzato le diverse situazioni, di ricavarne una serie di consigli utili agli escursionisti, non su base teorica, ma sulla base di esperienze realmente vissute.

Forse per qualcuno può non essere facile psicologicamente descrivere degli errori commessi. Tenga presente però che la descrizione di quanto gli è successo potrebbe essere utile ad altri per impedire di commettere lo stesso errore.

Non so se l' idea funzionerà. Io ci provo.

marz

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 luglio 2009 : 23:18:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ovviamente si possono descrivere anche situazioni "difficili" in cui non si sia stati coinvolti direttamente, a condizione che si abbia comunque assistito di persona.

marz
Torna all'inizio della Pagina

mauretto
Moderatore


Città: pergine valsugana
Prov.: Trento

Regione: Trentino - Alto Adige


4540 Messaggi
Micologia

Inserito il - 10 luglio 2009 : 12:53:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Incollo qui quello che ho scritto nell'altro topic.

Salve a tutti.

Io ogni anno mi faccio qualche giorno di tenda in montagna, ho fatto escursioni anche di 10 giorni e di temporali, grandine ed affini ne ho presi sulla testa talmente tanti da non ricordarli nemmeno.
Quando si va in montagna MAI E POI MAI aprire un ombrello (nemmeno portarlo, così si evita la tentazione).
E' semplicemente follia, per quanto mi riguardo io mi proteggo così: poncho integrale(ce ne sono di appositi che arrivano alla caviglia e coprono anche lo zaino da montagna e le braccia), ed incastrato sopra il cappuccio un berretto "tipo boscaiolo", per intenderci quei cappellini con la visiera abbastanza ampia e la reticella dietro.
Con questo semplice accorgimento, camminando con la testa un po' bassa, si è praticamente immuni dall'acqua, la visiera non fa colare l'acqua sul viso e si può camminare per ore senza bagnarsi neanche un po'.

Io ho avuto pessime esperienze, pur essendo un montanaro estremamente prudente e che rinuncia SEMPRE quando non è il caso, nonostante questo per ben 2 volte mi sono trovato in cresta in mezzo ai lampi, una volta dopo 6 ore di cammino e con 16 kg di zaino in spalla ho CORSO per più di mezz'ora fino allo scollinamento, roba da olimpiadi.
E vi assicuro che ho proprio corso.
In quell'occasione mi è caduto un fulmine si e no a 15 metri, di fronte, vi posso garantire che ho visto (nel vero senso della parola) la morte in faccia... da quel giorno il mio rapporto coi fulmini è divenuto alquanto problematico...

Un altra volta sempre in cresta in un sentiero "a pallini", quelli per intenderci senza manutenzione e segnalati come pericolosi, ci siamo trovati attenagliati da due fronti del temporale avanti e dietro, con nebbia "metri zero" e impossibilità di procedere e raggiungere un riparo(tutto questo a quasi le 7 di sera...).
Il risultato sono stati 900 metri di dislivello vero valle di cui buona parte su rocce bagnate, con grossi e pesanti zaini sulla schiena, a camminare con il culo per terra e le mani appoggiate, tra un dirupo e l'altro, l'ultima ora nel bosco di notte aggrappati l'un l'altro cammianndo a tentoni e la tentazione ogni tre passi di abbandonarci a Morfeo e scegliere una broncopolmonite come soluzione accettabile...
Alla fine ci è andata bene, nel senso che abbiamo incrociato una malga che ci ha offerto ristoro, ma col senno di poi, avessimo anche dormito fradici in una tenda montata al buio, col rischio di cadere dalle rocce, sarebbe stato comunque più sensato di rischiare la frittura a 2300 metri.

Attenti che con queste cose non si scherza, mai più ombrelli, mi raccomando!
Torna all'inizio della Pagina
Torna all'inizio della Pagina

Fabio F
Utente Senior

Città: -

Regione: Marche


1079 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 10 luglio 2009 : 14:47:23 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Riporto una mia esperienza..
Era il mese di maggio, quota 2000 metri. Eravamo sulla via del rientro, così per risparmiare strada invece di scendere in una vallata e proseguire ho deciso di tagliare lungo il fianco di una montagna. La neve era ancora abbondante, ma avevo ai piedi semplici scarponcini da trekking e un alpenstock su cui appoggiarmi. Dopo una ventina di minuti che camminavo per una ragione o per un'altra sono scivolato prendendo subito velocità. La cosa che ti fa capire quando la situazione ti è sfuggita di mano è quella sensazione che avverti quando sei in pericolo, quando il cuore comincia a batterti forte. L'ho avvertita appena ho capito che non sarei riuscito a fermarmi semplicemente cercando di fare attrito con la neve, continuavo a prendere velocità verso un gruppo di rocce affioranti a valle.
Mi sono girato verso monte e ho piantato forte l'alpenstock nella neve, riuscendo a fermarmi.
Non è una situazione al limite (come quella del fulmine ) però mi ha insegnato a non abbassare mai la guardia durante un'escursione e soprattutto a non fare scelte guidati dalla stanchezza (scorciatoie ecc.)

Modificato da - Fabio F in data 10 luglio 2009 14:48:42
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 luglio 2009 : 21:02:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
A me è capitato diverse volte, andando in montagna, di commettere quelli che, col senno di poi, è possibile definire errori e di qualcuno ne parlerò in seguito (comunque soltanto chi non fa nulla, non sbaglia mai).

Ma una sola volta mi sono trovato in una situazione di reale pericolo, causato peraltro da quello che, più che un errore, è definibile una vera e propria stupidaggine.
A mia (parziale) giustificazione posso solo dire che ero molto giovane.

E' successo diversi anni sulle Dolomiti, in un' escursione intorno al Monte Civetta. Ero arrivato ad un rifugio di cui non ricordo il nome (che doveva essere la meta finale) con ai piedi un paio di scarpe da tennis, perchè gli scarponcini da montagna che avevo appena acquistato mi facevano male ai piedi.

Arrivato al rifugio c' era un percorso bellissimo da fare quasi in piano e che sembrava (ed in effetti lo era) abbastanza facile e mi ci sono incamminato.
Senonchè era inizio di stagione e ad un certo punto mi sono trovato sul percorso un nevaio abbastanza esteso, da percorrere quasi in piano, ma a mezza costa.
Dopo alcuni tentennamenti, ho deciso di percorrerlo, ma arrivato a metà nevaio ho perso l' aderenza della scarpa (come, col senno di poi, era abbastanza facile da prevedersi) e sono scivolato lungo il pendio per quasi un centinaio di metri di dislivello.
Ho cercato disperatamente di fare attrito lungo il nevaio con le mani, i piedi, le ginocchia e quant' altro potevo, riuscendo a diminuire la velocità della caduta, finchè ad un certo punto (non so nench' io come) sono riuscito a fermarmi.

Me la sono cavata con qualche escoriazione e tanta paura.


marz
Torna all'inizio della Pagina

biancolisa
Utente nuovo


Città: mantova
Prov.: Mantova

Regione: Lombardia


1 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 luglio 2009 : 11:59:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia  Controlla la Mappa di Google dal Satellite
Nazione: Italia Regione: Lombardia Provincia: MN Comune: mn Localitŕ:
La prima volta che affrontai un'escursione organizzata a metà del mese di luglio mi accorsi di essere stata decisamente incosciente e disorganizzata.
Visto che il percorso appariva semplice sulla cresta del Monte Baldo,decisi di partire con bermuda, scarpe da tennis, canottiera ed ombrellino portatile.
Nulla sapevo delle sorprese dei duemila metri.
E fu così che sopravvenne una bufera di vento e neve che perdurò per più di un'ora proprio nella nostra zona di percorrenza.
La cosa molto curiosa fu che io fisicamente mi adattai alla perfezione al repentino cambio di temperatura mentre nel nostro gruppo, gente equipaggiata alla perfezione sfiorò l'assideramento e fu portata semisvenuta e assiderata in rifugio.
Quando si dice "La fortuna dei principianti"...certo dall'eperienza s'impara!!
Torna all'inizio della Pagina

macromicro
Utente Super


Città: Piovene Rocchette
Prov.: Vicenza

Regione: Veneto


7113 Messaggi
Macrofotografia

Inserito il - 05 agosto 2009 : 18:26:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Un benvenuto a Biancolisa


Gianfranco
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,3 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net