Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
  INSETTI
   Mecoptera Megaloptera Neuroptera Raphidioptera Siphonaptera
 Neuroptera
 Libelloides coccajus
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Ale67
Utente Senior

Città: Vignanello
Prov.: Viterbo

Regione: Lazio


2662 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 maggio 2009 : 23:11:36 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Chiedo conferma dell'identificazione (Libelloides coccajus).
Ho notato che alcuni esemplari presentavano una colorazione delle ali gialla, altri quasi bianca, è una normale variabilità o è indice di sessi differenti?

Libelloides coccajus
225,8 KB

Alessandro

Modificato da - elleelle in Data 11 dicembre 2011 00:12:46

neurottero
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1087 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 maggio 2009 : 23:18:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non che sia cosa difficile da confermare, ma siccome che siamo dispettosi noi neurotterologi, ci fornisci qualche dato sulla foto (località e data, almeno) che noi poi ti riempiamo di notiziole e curiosità sulla specie?

Buone cose

Agostino Letardi
Torna all'inizio della Pagina

Ale67
Utente Senior

Città: Vignanello
Prov.: Viterbo

Regione: Lazio


2662 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 maggio 2009 : 23:32:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Giustissimo.
Siamo in provincia di Viterbo, quota circa 200 metri. Terreno sassoso cespuglioso (molto cisto). La foto risale al 17/05/09.
Grazie.

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina

neurottero
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1087 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 22 maggio 2009 : 09:56:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Beh! Alessandro, sei un po' un provocatore : provincia di Viterbo detto ai giorni nostri è un po' come quelle indicazioni geografiche tipo "Regno delle Due Sicilie" dei naturalisti del 1800

Comunque apprezzo la buona volontà e nel frattempo ti confermo essere una femmina di Libelloides coccajus.

Ora però se vuoi avere qualche gossip in più sulla specie e la sua variabilità cromatica, non dico la località ma almeno fornisci almeno il nome del comune

Buone cose

Agostino Letardi
Torna all'inizio della Pagina

Ale67
Utente Senior

Città: Vignanello
Prov.: Viterbo

Regione: Lazio


2662 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 22 maggio 2009 : 22:45:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
A quanto pare non ne indovino una…. Vediamo di porre rimedio.
La località in questione è a un paio di chilometri da Bomarzo, come già detto in provincia di Viterbo.
Gli steli d’erba ormai rinsecchiti erano praticamente invasi da questo insetto.
Spero questa volta di essere stato esauriente, grazie della pazienza.
Dimenticavo, da dove si riconosce che è femmina?

Ciao Alessandro.

Modificato da - Ale67 in data 22 maggio 2009 22:50:28
Torna all'inizio della Pagina

hutia
Utente Senior

Città: piazze
Prov.: Siena

Regione: Toscana


796 Messaggi

Inserito il - 23 maggio 2009 : 09:03:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
si ma due chilometri da Bomarzo è sempre troppo vago
i nostri super neurotterologi vogliono il punto preciso e anche che si possa riconoscere il filo d'erba dove era posata( è una battuta )
comunque il maschio ha due piccoli cerci
Torna all'inizio della Pagina

Ale67
Utente Senior

Città: Vignanello
Prov.: Viterbo

Regione: Lazio


2662 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 23 maggio 2009 : 16:59:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La prossima volta metto le coordinate GPS dello stelo.
Grazie a tutti per l'aiuto.

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina

Hemerobius
Moderatore


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


4771 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 maggio 2009 : 22:04:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Mi fa piacere che l'abbiate presa a ridere la richiesta di Agostino/Neurottero: cuor contento il ciel l'aiuta (adesso, tra l'altro è un detto che va di moda anche se non è citato nella forma originale ma come un "bisogna essere ottimisti" ).
Spero che altrettanto allegramente si comprendano i motivi per cui nella sezione Neurotteri si è tanto rompi..glioni da richiedere le località e date esatte di avvistamento (quelle del filo d'erba vanno bene !).
I motivi sono di due tipi: il primo è nell'aiuto "ad identificare" che fornisce una precisa località di ritrovamento; il secondo è nell'interesse in chi determina a "collezionare" il dato (per i motivi più vari). L'interesse nell'ottenere il dato in chi determina fa il paio con l'interesse di chi vuol far determinare le proprie immagini: uno scambio alla pari. Anzi qualcosa di più, una condivisione di diverse competenze con un effetto sinergico benefico per entrambi (questo è il bello del Forum).

Se sali un po' in montagna trovi anche il L. longicornis, se ti sposti un po' ad est il L. lacteus, tra un po' nello stesso posto il L. latinus.

Roberto


verum stabile cetera fumus
Torna all'inizio della Pagina

Ale67
Utente Senior

Città: Vignanello
Prov.: Viterbo

Regione: Lazio


2662 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 maggio 2009 : 00:25:43 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ora grazie a questa simpatica discussione, oltre all’identificazione del neurottero, ho capito l'importanza della localizzazione esatta, cosa non scontata per uno non competente in materia come me. Me ne ricorderò nei prossimi post.

Saluti a tutti

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina

neurottero
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1087 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 25 maggio 2009 : 09:59:01 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
ironie o meno (hutia, bada al megacoridalide maschio che da sempre punisce chi sbeffeggia i neurotterologi ) ogni promessa è debito e sebbene si sia gia' parlato di queste cose nel forum, un breve riassuntino per il nostro buon Alessandro:

la dominanza biancastra o giallastra nelle ali dei Libelloides (e spesso anche una maggiore o minore intensità e estensione delle aree scure) fanno parte di normale variabilità di esemplari presenti nelle stesse località e, plausibilmente, senza barriera di flusso genico. Men che mai sono indice di dimorfismo sessuale che nel genere Libelloides non risulta mai essere collegato a questioni di colorazione alare.
Nonostante ciò, la tua curiosità è più che pertinente considerando che in passato diversi naturalisti hanno descritto sottospecie basandosi su tali caratteri, descrizioni però che non hanno "retto" alla prova dei fatti. Di particolare interesse la presenza in natura (sebbene in modo non molto frequente) di ibridi naturali ad esempio tra L. coccajus e L. longicornis (con pattern alari intermedi tra le due specie), suggerendo così un meccanismo di speciazione all'interno del genere Libelloides ancora piuttosto recente...

Buone cose


Agostino Letardi
Torna all'inizio della Pagina

hutia
Utente Senior

Città: piazze
Prov.: Siena

Regione: Toscana


796 Messaggi

Inserito il - 26 maggio 2009 : 09:10:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
per hemerobius e neurottero:
credo che mi abbiate interpretato male, io non volevo sbeffeggiare nessuno e mai mi permetterei con dei superdeterminatori, voleva solo essere un modo un po soft per dire che non era sufficiente 2 km da Bomarzo e quindi volevo far intendere che era importante e utile la massima precisione(insomma volevo esservi di aiuto)
Mi scuso se non ho dato questa impressione
Saluti
Fabrizio
Torna all'inizio della Pagina

neurottero
Utente Senior


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1087 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 26 maggio 2009 : 09:33:27 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Troppo tardi, hutia, ormai il corydalus vendicator è partito (cfr. Link)... attento al suo forcipe!!!!!!!!

Ma daiiiii, figurati se a due giocherelloni come noi può essere sfuggita l'ironia del tuo messaggio! Altro che scuse, è stata l'ennesima occasione per motivare la nostra richiesta di informazini dettagliate che aiutino la determinazione...

Buone cose

Agostino Letardi
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2017 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,32 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

Cooperativa Darwin | Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net