testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Helix mileti (Kobelt, 1906 )
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1609 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 08 maggio 2009 : 21:08:13 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Gastropoda Famiglia: Helicidae Genere: Helix Specie:Helix mileti
Ciao a tutti,
ho trovato qualche anno fa questi esemplari di Helix cf.mileti molto simile a H. ligata in una gola nei pressi del lago del Matese proprio sotto le pendici del monte Mileto ad un'altitudine di circa 1000 m s.l.m. mentre la forma tipica dovrebbe vivere a quote più elevate. In un vecchio post mi ricordo un caso analogo con Helix delpretiana che vive a quote molto elevate ma che in alcune gole, come ad esempio la gola di Celano, questa si trova ad altitudini anche sotto i mille metri facendomi pensare che gli esemplari da me trovati nei pressi del lago fossero una popolazione che ha trovato le condizioni favorevoli per poter vivere ad altitudini molto inferiori rispetto alle loro conspecifiche. La zona del Matese l'ho girata molto superficialmente e non conoscendo la distribuzione delle Helix in questa zona volevo chiedere a chi meglio di me conosce le specie del Sud se gli esemplari da me trovati possono riferirsi a Helix mileti (a prescindere se sia una specie valida) o se è una delle numerose forme di Helix ligata.
Immagine:
Helix mileti (Kobelt, 1906 )
161,48 KB

Ringrazio in anticipo chi mi saprà dare dei chiarimenti,

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8897 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 08 maggio 2009 : 23:29:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La forma che hai postato si può riferire ad Helix mileti.
Anche nella sua variabilità esteriormente questa forma è caratterizzata dalle bande di colore larghe che si vedono nei tuoi esemplari.
La separazione è comunque esclusivamente anatomica,questa specie è caratterizzata dall'assenza del diverticolo sul canale della borsa copulatrice e non so come si presentano anatomicamente queste forme del Lago del Matese.
Attualmente è in corso uno studio sul DNA di questa specie,quando saranno resi noti i risultati forse avremo qualche dubbio in meno.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

andrea93
Utente Senior


Città: Milazzo
Prov.: Messina

Regione: Sicilia


2210 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 09 maggio 2009 : 14:22:53 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
bellissimi esemplari

Andrea
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1609 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 09 maggio 2009 : 18:38:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie Sandro,
se ho ben capito la Helix mileti è una specie di dubbia validità e se non ricordo male questo diverticolo sul canale della borsa copulatrice è assente anche in alcune popolazioni di Helix ligata e non è dunque un carattere distintivo per separare due specie. I gusci che ho trovato erano tutti vuoti e anche se non lo fossero stati non era certo nelle mie capacità poter fare un osservazione anatomica. Quello che per il momento più mi interessa è sapere se la forma mileti è esclusiva di altitudini elevate (come appunto il monte Mileto) o se è stata descritta in ambienti diversi come nel mio ritrovamento e se nella zona del Matese vi è anche la segnalazione di Helix ligata. Per stabilire la validità o meno di questa specie non è certo compito nostro, a noi non resta che aspettare che qualche luminare della malacologia italiana renda noto il loro lavoro sul DNA e per il momento abbiamo solo il compito di tenere separate con un nome (anche se non valido) tutte le forme in attesa di nuovi risultati.

Vittorio



"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8897 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 maggio 2009 : 19:03:47 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Hai capito perfettamente,probabilmente tutto il ciclo di razze attribuibili ad Helix ligata è composto da diverse specie.
Non essendo un addetto ai lavori in questa revisione non so come verranno divise,per ora sarà prudente rimanere sui nomi classici.
La sola differenza anatomica riscontrata non è sufficente per definire una specie,in Abruzzo anni fa trovai una popolazione in cui convivevano tranquillamente esemplari con e senza diverticolo,questo fatto fa presupporre anche una possibilità di ibridizzazione tra razze confinanti che rende ancora più complesso il problema.
Più semplice è la definizione di H.delpretiana,la specie non si trova sempre in altura ma è stata segnalata anche intorno ai 1000 metri convivente con la H.ligata senza dar luogo a forme intermedie.
In H.delpretiana c'è un diverticolo molto grande in cui viene ricevuta la spermatofora,questa funzione nelle specie con piccolo diverticolo o che ne sono prive prive viene assolta dal canale della borsa copulatrice.
Questa differenza funzionale potrebbe costituire un impedimento insuperabile per incroci tra H.ligata e H.delpretiana mentre l'assenza di diverticolo di H.mileti potrebbe non essere un ostacolo insormontabile per una ibridizzazione.
Non ci resta che aspettare per saperne qualcosa in più.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,24 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net