testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Chilostoma padanum (Stabile, 1864)
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1615 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 16 aprile 2009 : 21:52:59 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Gastropoda Famiglia: Helicidae Genere: Chilostoma Specie:Chilostoma padanum
Ciao a tutti,
per aggiungere alla serie di Chilostoma vi mostro alcuni esemplari di un Chilostoma che per ora ho determinato come padanum in attesa di ulteriori approfondimenti. La checklist italiana la mette in dubbia validità e la inserisce nel sottogenere Faustina come Chilostoma illyricum e Chilostoma lefeburianum. La somiglianza a questo gruppo infatti mi ha portato ha inserire i miei esemplari in questa specie con l'unica perplessità sul luogo del mio ritrovamento che è parecchio lontano dalle Alpi Cozie, l'areale segnalato nelle note della checklist. Per il momento preferisco rimanere sul vago indicando le Alpi Pennine come zona del mio ritrovamento in attesa di ulteriori studi. Ho trovato solo rarissimi nicchi vuoti e spero di tornare per trovare qualche esemplare con l'animale da poterlo fare analizzare. Forse qualcuno di voi è aggiornato più di me sull'areale di questa specie e può confermare la sua distribuzione sulle Alpi Pennine. Nella foto non si nota bene ma ha il labbro molto spesso e rovesciato all'indietro e possiede delle bande che lo fanno assomigliare molto a Chilostoma illyricum.
Immagine:
Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)
265,12 KB

Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2160 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 novembre 2009 : 22:52:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
E' passato tanto tempo, ma questa discussione merita di essere ripresa, perche' penso che il ritrovamento cosi' fuori zona sia molto interessante e perche' puo' essere un'occasione per capire un po' meglio questa/e specie. Non conoscendola, mi limito a riportare la descrizione di Stabile:

Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)
9,42 KB

Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)
77,77 KB
Illustrazione
Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)
146,76 KB

inserito da subpoto
A seguire per facilitare il confronto aggiungo gli esemplari dell'alta valle del Po inviati da snailbrianza, mi sembra che corrispondano esattamente alle immagini di Stabile.

Immagine:
Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)
261,81 KB


In linea di massima gli es. di Vittorio mi sembrano compatibili con la descrizione, salvo che sono piu' piatti e di conseguenza hanno l'ombelico ben aperto mentre per Stabile un carattere importante e' l'ombelico parzialmente coperto (da 1/3 a 1/2) dal risvolto columellare del labbro. Forse l'aspetto piu' interessante della descrizione originale e' l'accenno alle "strie spirali" (in latino) che diventano "punti allugnati o piccole linee sporgenti disposte trasversalmente" (in francese). Nell'illustrazione sembrano proprio linee e forse costituiscono un buon carattere diagnostico.
Per il resto, osservo che Stabile e Kobelt la consideravano conspecifica con illyricum e planospira, al rango di semplice "varieta'" e sarei curioso di sapere com'e' poi diventata specie a se'. Tanto piu' che lo stesso Stabile trovava padanum non solo in Piemonte ma anche sui Colli Euganei! Ciao,

fern

Modificato da - Subpoto in data 25 novembre 2009 00:45:01
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8977 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 novembre 2009 : 01:20:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Molto interessante questo ritrovamento,si pone come punto intermedio tra le segnalazioni di C.illyricum di C.Frank per le valli bergamasche e quella di Stabile su C.padana sulle Alpi Cozie.
L'areale di C.planospira termina nell'appennino ligure secondo Boato et al,1982 perciò lascia un ampio territorio vuoto prima di arrivare a C.padanum.
La somiglianza tra gli esemplari delle alpi Pennine ed i disegni postati da fern è notevole anche se la costolatura non è così evidente.
La variabilità di questo gruppo di specie non ci sorprende insieme a la capacità di generare morfotipi identici in popolazioni molto distanti, lavorando solo sulla conchiglia è comprensibile che Stabile potesse aver trovato una popolazione morfologicamente simile sui Colli Euganei.





La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2160 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 novembre 2009 : 13:19:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Chilostoma illyricum sulle alpi bergamasche? Nell'articolo collegato leggo solo:
La razza C.planospira illyrica STABILE 1964, [presente] nelle Alpi orientali (all'incirca dalla Val d'Adige verso est), nella parte settentrionale della penisola balcanica ...
lo stesso che scrive Falkner nel 1990 e gia' sostenevano Stabile e Kobelt nell'800, almeno per quanto riguarda l'Italia. Forse lo dice da un'altra parte.
L'articolo collegato e' interessante perche' mostra che nel 1989 si riteneva ancora che planospira, illyricum e padanum fossero varieta' di un'unica specie. Questa era anche l'opinione di Kerney & Cameron (ediz. tedesca, 1983) mentre nel 1990 (Weichtiere) Falkner tratta illyricum e planospira come specie distinte. Nel 1995 (Checklist) abbiamo chiaramente 3 specie, tanto per mettere dei paletti.
Ammesso che l'andamento sia stato lineare e che non vi siano invece diverse scuole di pensiero, sembra che la separazione sia da collocare fra 1989 e 1990, o tutt'al piu' fra il 1989 e il 1995 per padanum. Qualcuno ha notizie piu' precise? Sappiamo da Willy che illyricum e planospira presentano importanti (?) differenze anatomiche, ma il dubbio espresso nella checklist per padanum
Entità di dubbia validità, con distribuzione limitata alle Alpi Cozie. (Chckl. 2000)
fa pensare che qui la separazione non sia cosi' ovvia (oltre a sottolineare l'importanza del ritrovamento qui riportato).

Le strie segnalate da Stabile non sono costolatura ma linee spirali che si dovrebbero osservare solo con una lente. Sono curioso di sapere da Vittorio se sono presenti nei suoi esemplari. Ciao,

fern
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8977 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 novembre 2009 : 14:01:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Forse a una certa ora è meglio che vado a dormire,ho sbagliato a collegare il lavoro della Franck che cita queste località per Campylaea illyrica:"Bergamasker Alpen (S. Giovanni Bianco-Avolasio/Val Tallegio/Val Seriana".

Dobbiamo aspettare le notizie sulla microscultora degli esemplari di Vittorio e poi è aperta la ricerca per trovare esemplati topotipici per confrontarli.

Sicuramente sono popolazioni relitte,probabilmente di C.illyrica ma dire se sono specie sottospecie o altro è tutto da capire.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2160 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 novembre 2009 : 20:25:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Bergamasker Alpen (S. Giovanni Bianco-Avolasio/Val Tallegio/Val Seriana

Per me e' un errore e la prova e' che, in pieno territorio di Chilostoma zonatum (o adelozona? ) si troverebbe stranamente illyricum ma nessuno di quelli, che infatti non sono elencati. Non e' assolutamente credibile.
Torna all'inizio della Pagina

SnailBrianza
Moderatore


Città: Besana in Brianza
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


1615 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 novembre 2009 : 22:16:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Grazie fern per aver portato alla luce questo mio vecchio post e per averlo completato con la descrizione originale di Stabile, la tua fama di bibliotecario non si smentisce mai .

Messaggio originario di fern:

Bergamasker Alpen (S. Giovanni Bianco-Avolasio/Val Tallegio/Val Seriana

Per me e' un errore e la prova e' che, in pieno territorio di Chilostoma zonatum (o adelozona? ) si troverebbe stranamente illyricum ma nessuno di quelli, che infatti non sono elencati. Non e' assolutamente credibile.

Sicuramente è un errore, queste due valli le conosco molto bene e non ho mai trovato Chilostoma illyricum e non riesco a spiegarmi il motivo di questo errore in quanto in questa zona non vi sono nemmeno C. zonatum e C. adelozona ma soltanto C. cingulatum tigrinum.

Tornando alla Chilostoma padanum posso dire che il ritrovamento sulle Alpi Pennine l'avevo fatto per puro caso poi, consultando l'elenco della fauna e flora di quest'area, ho potuto aver conferma della presenza di questa specie in questo territorio. L'area in questione è molto ristretta e di facile accesso e pertanto preferisco non essere troppo preciso sul luogo del ritrovamento per non rischiare di mettere a repentaglio la sopravvivenza di questa popolazione.
Dalla descrizione di Stabile e dalla bella tavola che illustra la specie si nota una spira molto più elevata molto simile agli esemplari che avevo postato nella discussione su Chilostoma zonatum flavovirens che avevo trovato nell'alta valle del Po e che ora penso possano essere attribuiti a Chilostoma padanum e anche la località è molto compatibile con questa specie a differenza del ritrovamento molto isolato delle Alpi Pennine.
Gli esemplari di C.padanum nelle Alpi Pennine meriterebbero un approfondimento a livello anatomico e molecolare per verificare se potrebbero trattarsi di un'altra specie o di una sottospecie di C. padanum.
Ho preparato una foto che spero metta in luce la scultura delle linee di accrescimento che sembrano essere una buona chiave di lettura per determinare questa specie.

1-esemplare dell'alta valle del Po:
2-esemplare delle Alpi Pennine

Chilostoma  padanum (Stabile, 1864)


Vittorio


"La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca." (M.Heidegger)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,32 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net