testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Piante - Natura Mediterraneo
 INFORMAZIONI BOTANICHE
 Proposta di dizionario: Prefissi, suffissi, simboli...
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
<< Pagina Precedente | Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 3

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 27 agosto 2008 : 15:23:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Aggiungo qualcosa al glossario, e spero in correzioni, commenti e aggiunte.
Grazie
Voel

1) spp. --->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. --->"sensu latu". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3)Ssp. --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4)Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum

5) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
----------------------------
------Chiedo: "C'è differenza tra sp. e spp ?" ---------------------
---------------------------

Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 ottobre 2008 : 10:54:40 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Aggiungo ancora qualche simbolo. Spero sempre in altre aggiunte e in correzioni. Grazie
Saluti
Voel

1) spp. --->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. --->"sensu latu". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3) Ssp. --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
5) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym ---> Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ---> varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10)gen. ---> genere --->gen. Nepenthes

Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2190 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 ottobre 2008 : 16:33:23 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Fa piacere che la discussione sia ripresa, dopo un periodo di estivazione. Non vorrei apparire troppo pignolo, ma ci tengo a sottolineare che e' "sensu lato" e non "sensu latu". E' probabilmente un errore di battitura, ma l'ho visto tante volte anche nei libri che mi par giusto puntualizzare. Per una curiosita', con Google trovo:
"sensu lato" 208000 pagine
"sensu latu" 5450 pagine
una minoranza esigua, ma tenace.

fern
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 ottobre 2008 : 22:14:26 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie ferm, per la correzione. Mi auguro sempre aggiunte e correzioni sia di forma che di merito
Saluti
Voel

1) spp. --->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. --->"sensu lato". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3) Ssp. --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
5) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym ---> Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ---> varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10)gen. ---> genere --->gen. Nepenthes
Torna all'inizio della Pagina

limbarae
Moderatore


Città: Berchidda
Prov.: Olbia - Tempio

Regione: Sardegna


12842 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 ottobre 2008 : 22:49:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sensu lato è la più giusta, qualcuno scrive sensu latu e c'è chi, senza errare, scrive latu senso. Qualcun'altro ancora utilizza pure Strictu senso.

"strada diritta e core in fronte"
Michel Fabrikant (1912-1989)
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 novembre 2008 : 11:59:27 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Aggiungo qualcosa con l'ausilio di eliozoo e ametista
Voel

1) spp. --->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. --->"sensu lato". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3) Ssp. --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
5) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym ---> Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ---> varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10) gen. ---> genere --->gen. Nepenthes
11) s.s. -> sensu stricto -> Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
12) p.p. -> pro parte -> Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 21 novembre 2008 : 21:42:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Altre aggiunte al glossario, ricavate da alcuni interventi a questa discussione.
Chiedo sempre correzioni e aggiunte

Abbreviazioni o simboli che possono accompagnare la nomenclatura binomia, genere e specie, delle piante

1) spp. (o sp.)--->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. (o s.lat) --->"sensu lato". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3) Ssp. (o subsp) --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
5) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym ---> Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ---> varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10) gen. ---> genere --->gen. Nepenthes
11) s.s. (o s.str.) ----> sensu stricto ----> Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
12) p.p. ----> pro parte ----> Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Limnaeus) ----> nome dell’autore che ha identificato la pianta ---->A
14) Ex ----> si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura ----> Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult
15) Em. ----> emendavit ---->si trova tra 2 autori e indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em.

Cosa significano?
Ho trovato questi simboli di cui non conosco il significato. Qualcuno può darmi un aiuto. Grazie

Aggr.
Auct.
In
Ten. ----> Cirsium cfr. vulgare (Savi) Ten (Pignatti,1982,3: 155)
Avv. ----> Avventizia

Un saluto
Voel
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 02 dicembre 2008 : 22:47:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Altre aggiunte al glossario, ricavate da alcuni interventi nelle discussioni.
Chiedo sempre correzioni e aggiunte

Abbreviazioni o simboli che possono accompagnare la nomenclatura binomia, genere e specie, delle piante
1) spp. (o sp.)--->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. (o s.lat) --->"sensu lato". Non si conosce ciò che segue -->Lilium bulbiferum sl.
3) Ssp. (o subsp) --->"sottospecie":non si conosce la sottospecie --->Potrebbe essere: ssp.croceum
4) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
5) s.pl. ---> "species multiplae": campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
6) x ---> ibrido tra due specie --->Mentha x piperita
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym ---> Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ----> varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10) gen. ---> genere --->gen. Nepenthes
11) s.s. (o s.str.) ----> sensu stricto ----> Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
12) p.p. ----> pro parte ----> Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Limnaeus) ----> nome dell’autore che ha identificato la pianta ---->
14) Ex ----> si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura -à Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult
15) Em. ----> emendavit -àsi trova tra 2 autori e indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em.
16) subgen. ----> subgenere, sottogenere ----> subgen. Amaranthus
17) sect. ----> section, sezione ----> sect. amaranthus.
18) hybridus ----> ibrido. Posto dopo un genere indica un gruppo di ibridi ----> Amaranthus hybridus.
19)Avv. ----> Avventizia ----> ???

Cosa significano? Qualcuno può darmi un aiuto. Grazie
Aggr.
Auct.
In
Ten. ----> Cirsium cfr. vulgare (Savi) Ten (Pignatti,1982,3: 155)
Avv. ----> Avventizia

Un saluto
Voel
Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2190 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 03 dicembre 2008 : 00:04:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Provo a dire la mia.

s.l. => "sensu lato", vuol dire che non si sta a sottilizzare sulla sottospecie o varieta', ci si accontenta del nome specifico.
Aggr. = aggregato di specie. Per quel che ne capisco un insieme di specie molto difficili da separare, di cui si da' genericamente il nome della specie tipo.
Auct. = auctorum: si intende che vari autori, non nominati, hanno usato quel nome.

fern

Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 dicembre 2008 : 18:28:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie fern per le aggiunte al glossario.
Sono sempre gradite correzioni e aggiunte.

Abbreviazioni o simboli che possono accompagnare la nomenclatura binomia, genere e specie, delle piante

1) spp. (o sp.)--->specie da determinare --->Veronica spp.
2) sl. (o s.l. o s.lat) --->"sensu lato". nel significato più ampio -->Lilium bulbiferum sl.
3) s.s. (o s.str.) --->sensu stricto --->Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
4) Ssp. (o subsp) --->"sottospecie" --->Pinus nigra subsp. laricio
5) Cfr. --->"Confronta". E' incerto ciò che segue --->Lilium Cfr. bulbiferum
6) s.pl. ---> "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ---> Globigerina s.pl.
7) cv. oppure c. --->"CultiVar" --->Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. --->synonym --->Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. --->varietà --->Rosa chinensis v. viridiflora
10) x ---> ibrido tra due specie ---> Graptosedum syn. Graptopetalum paraguayense X Sedum stahlii
11) gen. ---> genere --->gen. Nepenthes
12) p.p. --->pro parte --->Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Linnaeus) --->abbreviazione del nome dell’autore che ha identificato la pianta --->Pinus cembra L. (I nomi degli autori botanici risultano abbreviati in un indice standardizzato della Royal Botanic Gardens di Kew)
14) Ex --->si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura -à Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult
15) Em. --->emendavit -àsi trova tra 2 autori e indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em.
16) subgen. --->subgenere, sottogenere --->subgen. Amaranthus
17) sect. --->section, sezione --->sect. amaranthus.
18) hybridus --->ibrido. Posto dopo un genere indica un gruppo di ibridi --->Amaranthus hybridus.
19) Avv. --->Avventizia --->???
20) Aggr. --->aggregato di specie --->un insieme di specie molto difficili da separare, di cui si da' genericamente il nome della specie tipo.
21) Auct. --->auctorum --->si intende che vari autori, non nominati, hanno usato quel nome.

Cosa significano? Qualcuno può darmi un aiuto. Grazie
In
Ten. --->Cirsium cfr. vulgare (Savi) Ten (Pignatti,1982,3: 155)
Avv --->Avventizia = aliena?

Grazie da Voel
Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2190 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 dicembre 2008 : 11:16:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Qui si e' perso un pezzo! Ricordo che alla domanda di Voel era seguita una prima risposta seguita da una seconda da parte mia. Che fine hanno fatto?

fern
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 dicembre 2008 : 23:34:46 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
fern, ho letto il tuo primo intervento e da esso ho ricavato delle voci che ho aggiunto al glossario, ma non mi pare di aver letto il tuo secondo intervento.
Penso che qualcuno dei moderatori potrebbe spiegare la cosa.
Grazie ancora per gli aiuti e un saluto

Voel
Torna all'inizio della Pagina

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2190 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 dicembre 2008 : 14:00:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per quanto riguarda "avventizio", una ricerca sul vocabolario fornisce due significati:

1) che viene di fuori, da altro luogo
2) instabile, provvisorio

Per come la capisco, in botanica li ha entrambi allo stesso tempo. Una specie avventizia e' alloctona ed anche instabile, come avviene di una specie sfuggita alle coltivazioni, che si trova qua e la' ma senza formare una popolazione stabile. Ciao,

fern
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 gennaio 2009 : 11:46:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ancora qualche aggiunta al glossario sulla nomenclatura binomia delle piante.

Per tutto quello che segue sono stati usati le risposte o i testi di: Accipiter gentilis, Alessandro, Ametista, Angelo p, elioforo, fern, limbarae, nimisil.

Il nome "scientifico” di un organismo è composto da almeno due nomi, quello del genere e quello della specie. Assieme, formano il binomio latino, il “Vero Nome”, quello che lega univocamente un organismo ad un’espressione verbale o scritta, e che ha valore in qualsiasi parte del mondo. A volte si aggiungono i nomi di sottospecie, varietà e forme. I concetti di genere e specie - per non parlare di quelli di sottospecie, varietà e forma - poggiano su basi scientificamente deboli: non sono definibili operazionalmente e quindi seguono i mutevoli venti che spirano nelle menti dei botanici.
 
 
1) sp. (o spp.) ====specie da determinare ====Veronica spp. Si può interpretare spp. come plurale di sp.
2) sl. (o s.l. o s.lat) ==== "sensu lato". nel significato più ampio ==== Lilium bulbiferum sl.
3) s.s. (o s.str.) ==== sensu stricto==== Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
4) Ssp. (o subsp) ==== "sottospecie" ==== Pinus nigra subsp. laricio
5) Cfr. ==== "Confronta". E' incerto ciò che segue ==== Lilium Cfr. bulbiferum
6) s.pl. ==== "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ==== Globigerina s.pl.
7) cv. oppure c. ==== "CultiVar" ====Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. ==== synonym ==== Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ==== varietà ==== Rosa chinensis v. viridiflora
10) x ==== ibrido tra due specie ==== Graptosedum syn. Graptopetalum paraguayense X Sedum stahlii
11) gen. ==== genere ==== gen. Nepenthes
12) p.p. ==== pro parte ==== Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Linnaeus) ==== abbreviazione del nome dell’autore che ha identificato la pianta ==== Pinus cembra L. (I nomi degli autori botanici risultano abbreviati in un indice standardizzato della Royal Botanic Gardens di Kew)
14) ex: si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura (per ulteriori dettagli v. Nimis & Martellos 2003). Un esempio è proprio il nome di Cephalaria leucantha discusso in precedenza: Heinrich Adolph Schrader (1767-1836), professore a Göttingen, nel Catalogus Seminum Horti Goettingensis (1814) aveva già chiamato questa specie Cephalaria, ma la combinazione non era valida. Per questo motivo la pianta viene spesso citata anche come Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult., anche se i "veri" autori della combinazione sono quelli che vengono dopo il suffisso ex.
15) em. ==== emendavit: per fortuna utilizzato più di rado, il suffisso em. (emendavit), indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em., anche se la descrizione originale era completamente sbagliata.
16)in: anche in si trova sempre tra due autori (X in Y). Significa che l’autore X ha validamente pubblicato il nome, ma in un’opera pubblicata dall’autore
17) subgen. ==== subgenere, sottogenere ==== Rhododendron subgen. Tsutsusi sect. Tsutsusi amoenum (Rhododendron amoenum o Azalea armena)
18) sect. ==== section, sezione ==== sect. Amaranthus.
19) hybridus ==== ibrido. Posto dopo un genere indica un gruppo di ibridi ==== Amaranthus hybridus.
20) Avv. ==== Avventizia ==== equivalente ad Autoctona
21) L. bulbiferum: Se un genere è stato nominato in un testo, nel seguito del testo può essere rappresentato con la sua iniziale ==== Lilium bulbiferum = L. bulbiferum
22) Aggr. ==== aggregato di specie ==== un insieme di specie molto difficili da separare, di cui si da' genericamente il nome della specie tipo.
23) Auct. ==== auctorum ==== si intende che vari autori, non nominati, hanno usato quel nome.

Sicuramente saranno necessarie correzioni e aggiunte che risulteranno molto gradite
Un saluto

Voel
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 gennaio 2009 : 22:21:54 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho aggiunto alcune spiegazioni per il segno di ibrido ×
Faccio notare che la formattazione, che faccio al testo con Word, non si conserva quando incollo nelle pagine del Form. Rifarla ogni volta sul form sarebbe un po' lungo.
Voel

Abbreviazioni o simboli
che possono accompagnare la nomenclatura binomia delle piante

Per tutto quello che segue sono stati usati le risposte o i testi di: Accipiter gentilis, Alessandro, Ametista, Angelo p, elioforo, fern, limbarae, nimisil.

Il nome "scientifico” di un organismo è composto da almeno due nomi, quello del genere e quello della specie. Assieme, formano il binomio latino, il “Vero Nome”, quello che lega univocamente un organismo ad un’espressione verbale o scritta, e che ha valore in qualsiasi parte del mondo. A volte si aggiungono i nomi di sottospecie, varietà e forme. I concetti di genere e specie - per non parlare di quelli di sottospecie, varietà e forma - poggiano su basi scientificamente deboli: non sono definibili operazionalmente e quindi seguono i mutevoli venti che spirano nelle menti dei botanici.


1) sp. (o spp.) ====specie da determinare ====Veronica spp. Si può interpretare spp. come plurale di sp.
2) sl. (o s.l. o s.lat) ==== "sensu lato". nel significato più ampio ==== Lilium bulbiferum sl.
3) s.s. (o s.str.) ==== sensu stricto==== Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
4) Ssp. (o subsp) ===="sottospecie" ==== Pinus nigra subsp. laricio
5) Cfr. ===="Confronta". E' incerto ciò che segue ==== Lilium Cfr. bulbiferum
6) s.pl. ==== "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ==== Globigerina s.pl.
7) cv. oppure c. ==== "CultiVar" ====Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. ==== synonym ==== Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ==== varietà ==== Rosa chinensis v. viridiflora
10) × ==== ibrido tra due piante
Un ibrido fra due piante può essere ibrido intergenerico (tra due generi diversi) o ibrido interspecifico (tra due specie diverse).
La nomenclatura degli ibridi è regolata dal “Codice internazionale di nomenclatura botanica” (ICBN Tokyo Code).
Gli ibridi vengono indicati utilizzando il segno di moltiplicazione × (non la lettera x) oppure aggiungendo il prefisso notho-
Un ibrido intergenerico si indica ponendo × prima del genere del nuovo nome e senza spazio.
es ×Fatshedera lizei è il nome dell’ibrido ottenuto dall’incrocio tra Fatsia japonica e Hedera helix
Un ibrido interspecifico si indica ponendo × prima della specie del nuovo nome e senza spazio.
Es. Lavandula ×intermedia è il nome dell’ibrido ottenuto dall’incrocio tra L.angustifolia e L.latifolia
NB ponendo ×, equidistante, tra i nomi delle due piante incrociate si ha la formula ibrida
Es. Fatsia japonica “Moseri” × Hedera helix “Hibernica”. che è indicata con ×Fatshedera lizei
Es. Lavandula angustifolia × Lavandula latifolia che è indicata con Lavandula ×intermedi
Es. di formula ibrida più complessa: (Prunus cerasifera × Prunus salicina) × (Prunus cerasifera x Prunus persica)
11) gen. ==== genere ====gen. Nepenthes
12) p.p. ==== pro parte ==== Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Linnaeus) ==== abbreviazione del nome dell’autore che ha identificato la pianta -==== Pinus cembra L. (I nomi degli autori botanici risultano abbreviati in un indice standardizzato della Royal Botanic Gardens di Kew)
14) ex: si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura (per ulteriori dettagli v. Nimis & Martellos 2003). Un esempio è proprio il nome di Cephalaria leucantha discusso in precedenza: Heinrich Adolph Schrader (1767-1836), professore a Göttingen, nel Catalogus Seminum Horti Goettingensis (1814) aveva già chiamato questa specie Cephalaria, ma la combinazione non era valida. Per questo motivo la pianta viene spesso citata anche come Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult., anche se i "veri" autori della combinazione sono quelli che vengono dopo il suffisso ex.
15) em. ==== emendavit: per fortuna utilizzato più di rado, il suffisso em. (emendavit), indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em., anche se la descrizione originale era completamente sbagliata.
16)in: anche in si trova sempre tra due autori (X in Y). Significa che l’autore X ha validamente pubblicato il nome, ma in un’opera pubblicata dall’autore
17) subgen. ==== subgenere, sottogenere ==== Rhododendron subgen. Tsutsusi sect. Tsutsusi amoenum (Rhododendron amoenum o Azalea armena)
18) sect. ==== section, sezione ==== sect. Amaranthus.
19) hybridus ==== ibrido. Posto dopo un genere indica un gruppo di ibridi ==== Amaranthus hybridus.
20) Avv. ==== Avventizia ==== equivalente ad Autoctona
21) L. bulbiferum: Se un genere è stato nominato in un testo, nel seguito del testo può essere rappresentato con la sua iniziale ==== Lilium bulbiferum = L. bulbiferum
22) Aggr. ==== aggregato di specie ==== un insieme di specie molto difficili da separare, di cui si da' genericamente il nome della specie tipo.
23) Auct. ====auctorum ==== si intende che vari autori, non nominati, hanno usato quel nome.
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6098 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 marzo 2010 : 22:49:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di nimispl:
le opinioni del primo Autore si possono leggere altrove (Nimis 1998, 2001, Nimis & Martellos 2003, 2004).


Se possibile, Nimis, mi indichi le indicazioni bibliografiche complete di questi testi e se si tratta di testi disponibili online? Grazie.

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

mariu
Utente Senior

Città: Turri
Prov.: Medio Campidano

Regione: Sardegna


689 Messaggi
Micologia

Inserito il - 30 aprile 2011 : 23:58:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Voel:

Ho aggiunto alcune spiegazioni per il segno di ibrido ×
Faccio notare che la formattazione, che faccio al testo con Word, non si conserva quando incollo nelle pagine del Form. Rifarla ogni volta sul form sarebbe un po' lungo.
Voel

Abbreviazioni o simboli
che possono accompagnare la nomenclatura binomia delle piante

Per tutto quello che segue sono stati usati le risposte o i testi di: Accipiter gentilis, Alessandro, Ametista, Angelo p, elioforo, fern, limbarae, nimisil.

Il nome "scientifico” di un organismo è composto da almeno due nomi, quello del genere e quello della specie. Assieme, formano il binomio latino, il “Vero Nome”, quello che lega univocamente un organismo ad un’espressione verbale o scritta, e che ha valore in qualsiasi parte del mondo. A volte si aggiungono i nomi di sottospecie, varietà e forme. I concetti di genere e specie - per non parlare di quelli di sottospecie, varietà e forma - poggiano su basi scientificamente deboli: non sono definibili operazionalmente e quindi seguono i mutevoli venti che spirano nelle menti dei botanici.


1) sp. (o spp.) ====specie da determinare ====Veronica spp. Si può interpretare spp. come plurale di sp.
2) sl. (o s.l. o s.lat) ==== "sensu lato". nel significato più ampio ==== Lilium bulbiferum sl.
3) s.s. (o s.str.) ==== sensu stricto==== Amaranthaceae s.s. sensu Pignatti
4) Ssp. (o subsp) ===="sottospecie" ==== Pinus nigra subsp. laricio
5) Cfr. ===="Confronta". E' incerto ciò che segue ==== Lilium Cfr. bulbiferum
6) s.pl. ==== "species multiplae":campione con individui di genere uguale e specie diverse ==== Globigerina s.pl.
7) cv. oppure c. ==== "CultiVar" ====Tradescantia pallida cv. purpurea
8) syn. ==== synonym ==== Tradescantia pallida syn. Setcreasea pallida
9) var. oppure v. ==== varietà ==== Rosa chinensis v. viridiflora
10) × ==== ibrido tra due piante
Un ibrido fra due piante può essere ibrido intergenerico (tra due generi diversi) o ibrido interspecifico (tra due specie diverse).
La nomenclatura degli ibridi è regolata dal “Codice internazionale di nomenclatura botanica” (ICBN Tokyo Code).
Gli ibridi vengono indicati utilizzando il segno di moltiplicazione × (non la lettera x) oppure aggiungendo il prefisso notho-
Un ibrido intergenerico si indica ponendo × prima del genere del nuovo nome e senza spazio.
es ×Fatshedera lizei è il nome dell’ibrido ottenuto dall’incrocio tra Fatsia japonica e Hedera helix
Un ibrido interspecifico si indica ponendo × prima della specie del nuovo nome e senza spazio.
Es. Lavandula ×intermedia è il nome dell’ibrido ottenuto dall’incrocio tra L.angustifolia e L.latifolia
NB ponendo ×, equidistante, tra i nomi delle due piante incrociate si ha la formula ibrida
Es. Fatsia japonica “Moseri” × Hedera helix “Hibernica”. che è indicata con ×Fatshedera lizei
Es. Lavandula angustifolia × Lavandula latifolia che è indicata con Lavandula ×intermedi
Es. di formula ibrida più complessa: (Prunus cerasifera × Prunus salicina) × (Prunus cerasifera x Prunus persica)
11) gen. ==== genere ====gen. Nepenthes
12) p.p. ==== pro parte ==== Chenopodiaceae p.p sensu Pignatti
13) L. (o Linnaeus) ==== abbreviazione del nome dell’autore che ha identificato la pianta -==== Pinus cembra L. (I nomi degli autori botanici risultano abbreviati in un indice standardizzato della Royal Botanic Gardens di Kew)
14) ex: si trova sempre fra due autori (X ex Y). Significa che l’autore Y (quello che ha validamente descritto il taxon) ha ricavato il nome della pianta dall’opera dell’autore X, che però non l’aveva validamente pubblicato. Il termine “validamente” si riferisce alle regole del Codice di Nomenclatura (per ulteriori dettagli v. Nimis & Martellos 2003). Un esempio è proprio il nome di Cephalaria leucantha discusso in precedenza: Heinrich Adolph Schrader (1767-1836), professore a Göttingen, nel Catalogus Seminum Horti Goettingensis (1814) aveva già chiamato questa specie Cephalaria, ma la combinazione non era valida. Per questo motivo la pianta viene spesso citata anche come Cephalaria leucantha (L.) Schrad. ex Roem. & Schult., anche se i "veri" autori della combinazione sono quelli che vengono dopo il suffisso ex.
15) em. ==== emendavit: per fortuna utilizzato più di rado, il suffisso em. (emendavit), indica un autore che ha emendato la descrizione originale. Il "vero" autore, è comunque quello che precede em., anche se la descrizione originale era completamente sbagliata.
16)in: anche in si trova sempre tra due autori (X in Y). Significa che l’autore X ha validamente pubblicato il nome, ma in un’opera pubblicata dall’autore
17) subgen. ==== subgenere, sottogenere ==== Rhododendron subgen. Tsutsusi sect. Tsutsusi amoenum (Rhododendron amoenum o Azalea armena)
18) sect. ==== section, sezione ==== sect. Amaranthus.
19) hybridus ==== ibrido. Posto dopo un genere indica un gruppo di ibridi ==== Amaranthus hybridus.
20) Avv. ==== Avventizia ==== equivalente ad Autoctona
21) L. bulbiferum: Se un genere è stato nominato in un testo, nel seguito del testo può essere rappresentato con la sua iniziale ==== Lilium bulbiferum = L. bulbiferum
22) Aggr. ==== aggregato di specie ==== un insieme di specie molto difficili da separare, di cui si da' genericamente il nome della specie tipo.
23) Auct. ====auctorum ==== si intende che vari autori, non nominati, hanno usato quel nome.


Prova di tabella


N. SIMBOLO SPIEGAZIONE ESEMPIO
1 sp. specie non determinata, vale a dire si identifica con certezza solo il genere Veronica sp.
2 sl. sensu lato cioé inteso nell'interpretazione ampia della specie Lilium bulbiferum sl.
Torna all'inizio della Pagina

Voel
Utente Senior

Città: Catania
Prov.: Catania

Regione: Sicilia


2051 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 02 maggio 2011 : 22:27:21 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao mariu
vedo che hai realizzato una tabella che metterebbe un po' di ordine nel glossario. Veramente avevo provato a realizzare anch'io questa tabella, usando il codice HTML nello spazio delle risposte, ma non ci sono riuscito.
Qui accanto c'è scritto "Il codice HTML è OFF". Ti sarei molto grato se mi dicessi cosa devo fare per attivarlo.
Un saluto

Voel
Torna all'inizio della Pagina

Albisn
Utente Senior


Città: Seregno
Prov.: Milano

Regione: Lombardia


3990 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 02 maggio 2011 : 23:14:15 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Voel:

Ciao mariu
vedo che hai realizzato una tabella che metterebbe un po' di ordine nel glossario. Veramente avevo provato a realizzare anch'io questa tabella, usando il codice HTML nello spazio delle risposte, ma non ci sono riuscito.
Qui accanto c'è scritto "Il codice HTML è OFF". Ti sarei molto grato se mi dicessi cosa devo fare per attivarlo.
Un saluto

Voel

Sarei curioso anch'io di capire come funziona la faccenda.

Vedo che quando si scrive, in alto a destra, c'è una icona per fare le tabelle. Mi pare che crei del codice HTML. Si tratta forse di manipolarlo un po'.

Io, altre volte, ho creato delle pagine con un editor HTML (per esempio Kompozer) e poi le ho incollate in questo spazio. In parte la formattazione è stata mantenuta in parte no. Vale a dire alcuni tag sono stati annullati o ignorati.

Saluti
Alberto

"Ogni nostra cognizione prencipia da sentimenti".
"Come è più difficile a 'ntendere l'opere di natura che un libro d'un poeta"
"La natura è piena d'infinite ragioni, che non furon mai in isperienzia." (L.d.V.)
Torna all'inizio della Pagina

mariu
Utente Senior

Città: Turri
Prov.: Medio Campidano

Regione: Sardegna


689 Messaggi
Micologia

Inserito il - 03 maggio 2011 : 20:06:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao!
Io veramente ho fatto tutto a mano (ho inserito i tag a mano)!
Comunque, nella pagina di risposta, cliccando sull'icona della tabella in alto si ottiene il seguente risultato:
riga0colonna0 riga0colonna1 riga0colonna2 riga0colonna3 riga0colonna4
riga1colonna0 riga1colonna1 riga1colonna2 riga1colonna3 riga1colonna4
riga2colonna0 riga2colonna1 riga2colonna2 riga2colonna3 riga2colonna4

Se conoscete il significato dei tag basta manipolarli un po' e si ottiene il risultato voluto. Ad esempio:
NUMERO TERMINE SPIEGAZIONE ESEMPIO questa se non serve va eliminata
riga1colonna0 riga1colonna1 riga1colonna2 riga1colonna3 riga1colonna4
riga2colonna0 riga2colonna1 riga2colonna2 riga2colonna3 riga2colonna4
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 3 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

<< Pagina Precedente

|
Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,57 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net