testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Lo sapevi che puoi aggiungere le informazioni di Google Map nel Forum? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


Nota! La determinazione degli insetti necessita quasi sempre di un'indicazione geografica e temporale precisa.
Invitiamo quindi gli utenti ad inserire questi dati ogni volta che viene richiesta una determinazione o viene postata una foto di un insetto. I dati forniti dagli utenti ci consentiranno anche di attribuire un valore scientifico alle segnalazioni, contribuendo a migliorare e integrare le attuali conoscenze sulla distribuzione delle specie postate.


 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
   INSETTI
 Coleoptera e Strepsiptera
 Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 aprile 2008 : 22:15:55 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Hexapoda Ordine: Coleoptera Famiglia: Carabidae Genere: Eurynebria Specie:Eurynebria complanata
Erano anni che non ne incontravo più una!
E dire che fino alla fine degli anni '70 era una specie abbondante lungo tutte le coste sabbiose siciliane.
Sto parlando dell' Eurynebria complanata, uno splendido coleottero Carabidae tipico dell'ambiente dunale, che in Sicilia, come altrove, corre un reale e serio pericolo di estinzione.
Non indicherò perciò, come mio solito, la località dove ieri ho nuovamente incontrato questa specie che cerco di fotografare, senza successo, da alcuni anni.

Credo non esista un altro coleottero più abile e veloce nella corsa sulla sabbia (e non solo).
Quando si solleva un detrito spiaggiato e il sole la colpisce, E. complanata fugge via con una velocità incredibile!
I detriti sotto cui si rifugiava in passato erano soprattutto tronchi di legno spiaggiati: oggi deve accontentarsi dei bidoncini di plastica, che invadono e ricoprono ormai le nostre coste.
E da uno di questi "moderni" rifugi ho vista scappar via l'esemplare che ora vi mostro e che, dopo essersi fatto inseguire sulla sabbia per una mezz'ora buona, finalmente si è concesso un momento di riposo e mi ha concesso di fotografarlo, malgrado il fiatone (il mio, s'intende).
Accompagno le tre immagini che vi mostro con il testo riportato sul quaderno habitat "Dune e spiagge sabbiose" del Ministero dell'Ambiente.






Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)
Sicilia meridionale, 18 aprile 2008






Eurynebria complanata è da considerare
forse il più significativo “marcatore” della
qualità biotica degli ecosistemi italiani di
spiaggia sabbiosa. Questo coleottero,
distribuito lungo le coste sabbiose del
Mediterraneo occidentale e di quelle
atlantiche dell’Europa occidentale, vive
perlopiù a livello dei settori più
stabilmente emersi e arretrati delle
spiagge emerse (talvolta anche a ridosso
delle dune mobili), ed è un attivo
predatore di talitridi (in particolare di
Talitrus saltator). Durante il giorno si
rinviene quasi esclusivamente sotto
tronchi e materiale ligneo spiaggiato,
mentre al calare delle tenebre inizia una
forsennata attività prevalentemente notturna,
in prossimità della battigia, a caccia di talitridi
.







Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)






Abbastanza comune in Italia fino a pochi
decenni or sono lungo buona parte delle
coste tirreniche e pugliesi, così come in
Sicilia e Sardegna, questa specie è
andata incontro ad una progressiva ma
rapida rarefazione, legata in parte
all’inquinamento marino, che influenza
negativamente il ciclo biologico delle sue
prede, ma principalmente al disturbo
delle spiagge apportato dalle attività di
balneazione, con il continuo calpestio dei
substrati sabbiosi e la rimozione dei
grossi residui lignei (tronchi e ceppi
trasportati dalle alluvioni fluviali e
depositati nei settori più prossimi al mare
delle spiagge emerse) da parte di
operatori di spiaggia o di turisti.
La specie è così divenuta molto rara e
localizzata nel nostro Paese, e limita
ormai la sua presenza con popolazioni
significative quasi solo alle poche località almeno
parzialmente protette dalle attività di
balneazione e di “manutenzione” delle
spiagge da parte dell’uomo
.







Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)




Marcello


Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)
 

efi
Utente V.I.P.

Città: quartu sant'elena
Prov.: Cagliari

Regione: Sardegna


280 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 aprile 2008 : 22:32:41 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
marcello è veramente bello, le foto poi lo valorizzano ulteriormente,
se poi penso alla fatica per poter fare le foto, mi sarebbe piaciuto vederti in spiaggia per mezzora che lo inseguivi e lo tiravi fuori dai suoi nascondigli.
mi ricorda un pò la scena di quando esco con andrea, mio fiflio, e solleviamo tutte le pietre che troviamo nelle campagne vicino a casa, con la differenza che tu sai cosa fai ed io vado a tentoni
ciao efisio
Torna all'inizio della Pagina

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 aprile 2008 : 22:39:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Efisio e grazie
Mi raccomando, quando sollevate le pietre in campagna, cercate poi di rimetterle in una posizione il più possibile simile a quella originale


Marcello


Un incontro insperato : Eurynebria complanata (Carabidae)
 
Torna all'inizio della Pagina

Hemerobius
Moderatore


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


4877 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 aprile 2008 : 22:42:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Velvet ant:
Non indicherò perciò, come mio solito, la località dove ieri ho nuovamente incontrato questa specie che cerco di fotografare, senza successo, da alcuni anni.


Io potrei invece indicare una spiaggia del nord Sardegna dove era forse presente la più consistente popolazione dell'isola sino a pochi anni fa (una decina); se non che la spiaggia è stata data in gestione ad una cooperativa di LSU (lavoratori socialmente utili), e questo non sarebbe stato di per sé un male; però i nostri LSU hanno cominciato a "pulire" la spiaggia e questa è diventata di moda negli ambienti "freak" della zona.
Dopo la scomparsa dell'Eurinebria dobbiamo ora temere per le dune , come si sa i "freak" usano SUV e fuoristrada e non amano camminare!

Altro che inquinamento ...

Ciao Roberto

verum stabile cetera fumus
Torna all'inizio della Pagina

orni
Utente Senior

Città: Portoferraio
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


3547 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 aprile 2008 : 23:20:25 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Caro Marcello, hai ragione a tacere sui luoghi dei ritrovamenti. E' triste pensare che per salvare un essere prezioso si debba nascondere il luogo dove vive e la stessa cosa vale per le piante rare. Ma purtroppo è vero.
Anche da noi è così e ogni giorno si deve lottare con chi percorre i sentieri con moto, suv e ogni altro mezo motorizzato e si dice "amante della natura".
Ornella
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,66 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net