testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


Nota! La determinazione degli insetti necessita quasi sempre di un'indicazione geografica e temporale precisa.
Invitiamo quindi gli utenti ad inserire questi dati ogni volta che viene richiesta una determinazione o viene postata una foto di un insetto. I dati forniti dagli utenti ci consentiranno anche di attribuire un valore scientifico alle segnalazioni, contribuendo a migliorare e integrare le attuali conoscenze sulla distribuzione delle specie postate.


 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
   INSETTI
 Coleoptera e Strepsiptera
 Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 00:06:27 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Hexapoda Ordine: Coleoptera Famiglia: Carabidae Genere: Calomera Specie:Calomera lugens lugens
Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens


Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

Tratto di costa rocciosa in provincia di Trapani






Un ambiente di questo tipo non richiama di solito alla mente gli insetti, conquistatori indiscussi della terraferma e delle acque interne, ma che, davanti a questo confine, si sono arrestati.

Al massimo qualcuno, sollecitato a pensare ad un insetto incontrato in questo ambiente, ricorderà le punture di qualche fastidiosa zanzara, capace di compiere il suo ciclo vitale anche nelle pozze d’acqua salmastra o salata.

Eppure, in Sicilia, in alcune aree talmente ridotte da mettere a rischio la sopravvivenza di questa specie, vive quella che, a mio avviso, è la più bella cicindela siciliana, che, nel suo stesso nome, ricorda, o meglio ricordava, la nostra isola.
Mi riferisco alla Lophyridia aphrodisia panormitana, pregevole endemismo che, purtroppo, non è rimasto immune dai continui rimaneggiamenti nomenclatoriali che tanto disordine portano fra i nostri Ordini e i nostri ordinamenti artificiosi.
Oggi e chi sa fino a quando, viene chiamata Calomera lugens, nome che non ha certo il fascino del precedente ma che nulla cambia nella bellezza di questo insetto.
Come recitava Calogero (carabus), qualche post fa: “Un nome, cos'è un nome? Quella che noi chiamiamo rosa, anche chiamata con un'altra parola avrebbe lo stesso odore soave…”
Nella barra tassonomica scriverò Calomera lugens, ma in questa discussione consentitemi di chiamarla, affettuosamente, ancora "panormitana".

Fu il grande entomologo siciliano Enrico Ragusa a nominarla, nel 1906, panormitana, per averla osservata e raccolta “ sulla sabbia a destra, vicino le roccie che lambiscono il mare, in una località assai ristretta di Mondello
Incredibile pensare che, nella più rinomata spiaggia di Palermo, regno oggi incontrastato di ombrelloni e cabine in legno, vivesse una specie così particolare!
Da acuto osservatore qual’era, aggiunge alle sue descrizioni morfologiche note sul comportamento e sulla postura in sosta di questa specie:






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

da lontano, e senza guardare il disegno delle elitre, era facile discernerla dalla littoralis [=Calomera littoralis nemoralis, specie con la quale a Mondello conviveva]:
e ciò dipendeva unicamente dal modo come i due insetti si posavano sulla sabbia. L’una, la littoralis, sembrava più schiacciata al suolo, mentre
l’aphrodisia era assai più sollevata dal suolo, ciò che le dava una posa molto più elegante
” (E. Ragusa, 1887)







La rarità e la localizzazione della specie erano tali che già qualche anno più tardi (1913), un altro entomologo siciliano, il messinese Francesco Vitale, scrisse su una rivista francese un articolo su questa cicindela dal titolo assai emlematico: “La Cicindela panormitana et sa prochaine disparition”.
Dopo una segnalazione, nel 1928, sempre lungo la costa del palermitano, per oltre quarant’anni non se ne seppe più nulla e la specie parve essersi realmente estinta in Sicilia.
Fortunatamente non era così e a partire dagli anni ’70 sono state identificate alcune stazioni nel trapanese, che, per ovvie ragioni, non sto qui a precisare.

Il grande specialista italiano di Cicindelidi, Fabio Cassola, ha dedicato a questa specie un importante lavoro , pubblicato sulle pagine de “Il Naturalista siciliano”, dove sono riportate numerose osservazioni biologiche ed etologiche.
Prenderò a prestito le sue stesse parole per illustrarvi alcune delle prossime immagini.






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

"La panormitana ha un habitat davvero singolare e alquanto insolito per una cicindela.
La specie è infatti infeudata all'ambiente della scogliera e della costa rocciosa nelle immediate vicinanze del mare
....






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...dove le acque delle mareggiate formano pozze evaporanti soprasalate...






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...e, qua e là, accumuli di Posidonia... il substrato sabbioso è ridotto a modesti riempimenti di fessure e crepacci o a sottili cumuli d'origine eolica a ridosso delle rocce...







Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...i pochi individui si vedono camminare sulle rocce, nei punti più erosi e fessurati, anche a pochi centimetri dall'acqua...







La Lophyridia aphrodisia (oggi Calomera lugens cypricola) è un'interessante cicindela, presente nel Mediterraneo orientale (Cipro, costa siriana e turca, Rodi, Israele), con una distribuzione frammentata a chiaro carattere relitto.
La presenza in Sicilia di una popolazione completamente isolata dal resto dell'areale (ssp. panormitana, oggi considerata Calomera lugens tipica) era talmente incredibile che un grande entomologo russo, sulla sola base di considerazioni biogeografiche, arrivò ad affermare: "...il est parfaitement invraisemblable que cette espèce se retrouve en Sicile, pays qui a évidemment bien plus de rapports fauniques avec la Tunisie, p. ex., qu'avec la Syrie..."
La distribuzione che osserviamo oggi è però probabilmente ciò che resta di una diffusione assai più ampia e uniforme. Si ipotizza che questa specie sia giunta fino in Sicilia nel Terziario, durante il disseccamento del Mediterraneo, trasformatosi in una serie di laghi soprasalati, il che rese possibili ampi collegamenti territoriali.

Un paio di scatti ravvicinati che mostrano, in tutto il suo splendore, questa cicndela:






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens



Probabilmente, come afferma Fabio Cassola, l'ambiente roccioso scelto dalla panormitana, non è ottimale nè di elezione, ma di rifugio, cui la specie si è adattata, almeno in Sicilia, anche per ragioni di competizione con la Calomera littoralis nemoralis, specie assai più abbondante, quasi invadente, presente in pratica in qualsiasi ambiente di costa sabbiosa della Sicilia.






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

Nella scogliera, le panormitana si muovono con i consueti movimenti a rapidi scatti in avanti tipici delle cicindele
e, se non molestate, non volano praticamente mai...







Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...preferendo aggirarsi sugli scogli...






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...o fra le alghe, alla ricerca di possibili prede...






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens

...soffermandosi di continuo per esplorare un anfratto...









...o talvolta per lisciarsi zampe e antenne







Le prede di panormitana sono varie: fra queste l'Isopode Ligia italica, presente numeroso sulle rocce...






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens







...o fra le alghe







Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens







Nel 2003 ho assistito ad alcuni accoppiamenti e sono riuscito a scattare qualche foto.






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens






Il maschio afferra saldamente la femmina con le mandibole e inizia ad accoppiarsi, restando in questa posizione per periodi lunghi anche più di tre quarti d'ora!
In questo lasso di tempo si alternano le copule vere e proprie...






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens






...a momenti di riposo più o meno lunghi, nei quali però il maschio continua a tenere sempre con forza la femmina con le mandibole.






Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens







L’estrema localizzazione delle popolazioni siciliane, la loro esiguità demografica, la singolarità della biologia, rendono estremamente fragile la sopravvivenza di questa straordinaria cicindela, attiva in piena estate e che si trova per questo a dover condividere il proprio habitat con folle, ogni anno più numerose, di pericolosi bipedi....
















Permettetemi di dedicare questo post al grande Fabio Cassola e all'amico Karl Werner, specialista mondiale di Cicindele, recentemente scomparso.

Ciao Karl



Marcello


Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens
 

Elbano
Utente Junior

Città: Marciana Marina
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


78 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 00:26:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Complimenti per le foto e tutto il resto, affascinante veramente.
Puoi darmi imformazioni sulle foto, macchina usata, lente,ecc
Grazie
Torna all'inizio della Pagina

Hospiton
Utente Senior

Città: Quartu S.E.
Prov.: Cagliari

Regione: Sardegna


966 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 07:46:40 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Marcello non ho parole, la "panormitana" vista attraverso i tuoi occhi è ancora più bella. Non pensavo vivesse sulla scogliera, davvero incredibile!


Daniele
Torna all'inizio della Pagina

Eopteryx
Utente Senior

Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


1201 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 08:45:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Bellissima...

"Verità irrazionalmente difese possono essere più dannose di errori ragionati"
Thomas Henry Huxley
Ciao, Pippo
Torna all'inizio della Pagina

skero74
Utente Senior


Città: Linarolo
Prov.: Pavia

Regione: Lombardia


554 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 12:31:03 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Belle!!! La Cicindela non è mai un soggetto facile da fotografare...

Roberto Scherini
Link
Torna all'inizio della Pagina

AleP
Utente V.I.P.


Città: Verona


431 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 14:23:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Complimenti per le foto, anche io sono un estimatore delle cicindele e so quanto veloci si muovano: fotografarle non e' certo un'impresa facile!
Ciao


AleP
Torna all'inizio della Pagina

Velvet ant
Moderatore


Città: Capaci
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


3767 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 20:24:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Elbano:

Puoi darmi imformazioni sulle foto, macchina usata, lente,ecc
Grazie



Ciao Elbano
Come ho già avuto modo di dire in altre occasioni, tutte le mie foto sono realizzate con fotocamere digitali compatte.
In particolare, quelle scattate nel 2003 alle coppie in copula, sono state fatte con una Nikon Coolpix 4300.
Quelle più recenti con una Olympus Camedia C-7070 e una Panasonic Lumix DMC-FZ50.


Marcello


Omaggio alla più bella cicindela di Sicilia: Calomera lugens
 
Torna all'inizio della Pagina

Marsal
Moderatore


Città: Bellano
Prov.: Lecco

Regione: Lombardia


1752 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 23:13:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Marcello sei un autentico poeta dell 'entomologia; qui non è l'attrezzatura a fare la differenza, bensì la mano e la sensibilità dell'artista...

ciao

Chi ha prescha perda seis temp ("Chi ha fretta perde il suo tempo", detto romancio)
Torna all'inizio della Pagina

vespa90ss
Utente Super


Città: Firenze

Regione: Toscana


6307 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 ottobre 2007 : 23:48:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Conosco quei luoghi molto bene: li ho riconosciuti e te ne ho parlato in pvt. Fai bene a non divulgarli.
Complimenti per la documentazione che è completa di tutti i dettagli necessari alla comprensione. Bellissime quelle foto in cui è evidente sul limitare degli scogli il "trottoir a vermeti", chiaro indice di luoghi assolutamente incontaminati. E' rimasto presente in pochissimi luoghi della costa siciliana, uno dei quali, molto famoso e ben conservato, all'interno della Riserva dello Zingaro. E'praticamente una formazione viva composta da una miriade di Vermetus. I gusci di questi molluschi si uniscono e si cementano tra di loro formando una specie di marciapiede.
Bellissime quindi tutte le tue foto.
Grazie Marcello per avermi regalato dei bellissimi ricordi. Davvero un bel lavoro.
Beppe



A volte Madre Natura decide di lanciare una palla ad effetto. (Charles Bronson)

cliccami:
codice di comportamento del Birdwatcher
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,75 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net