Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Geologia e Paleontologia - Natura Mediterraneo
 GEOLOGIA DEL MEDITERRANEO
 Strutture colonnari
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

math59
Utente Senior

Città: Termoli
Prov.: Campobasso

Regione: Molise


2633 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 10 aprile 2014 : 10:29:12 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Potete aiutatemi a rispondere a questa domanda?
Perché il raffreddamento del magma femico, talvolta, dà origine a strutture colonnari (es. Selciato del gigante in Irlanda) e, soprattutto, perché proprio di forma esagonale?
Grazie.

Math59

mauriziocaprarigeologo
Moderatore

Città: marina di montemarciano
Prov.: Ancona

Regione: Marche


3039 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 aprile 2014 : 20:55:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao math,
interessante la questione;

vedi al link: si può matematicamente dimostrare che la fessurazione colonnare prismatica a sezione esagonale è quella che garantisce la più alta liberazione dello sforzo di tensione (dovuto alla diminuzione di volume per raffreddamento della roccia) in rapporto al numero di fratture prodotte; Link

lo stesso fenomeno è rintracciabile nella fessurazione per disseccamento del fango (mud cracks);

buona serata

maurizio
____________________

“Un géologue est essentiellement un lithoclaste, ou rompeur de pierre…” - D. Dolomieu

“Non crederai a tutte queste sciocchezze, vero Teddy?” - M. Ewing (geofisico e oceanografo) a E. Bullard (geofisico), a proposito della tettonica delle placche (NY, 1966)
Torna all'inizio della Pagina

math59
Utente Senior

Città: Termoli
Prov.: Campobasso

Regione: Molise


2633 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 10 aprile 2014 : 23:10:07 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
grazie mille

Math59
Torna all'inizio della Pagina

mauriziocaprarigeologo
Moderatore

Città: marina di montemarciano
Prov.: Ancona

Regione: Marche


3039 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 13 aprile 2014 : 22:03:43 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
non sapevo comunque che la questione fosse stata chiarita solo molto recentemente;

curioso, tra l’altro, che sia stato prodotto un modello analogico utilizzando una soluzione acquosa di amido di mais! Link

il lavoro originale, del 2008, è la tesi di Ph.D. di Lucas Goehring, Università di Toronto, ("On the scaling and ordering of columnar joints"), qui liberamente scaricabile Link

come prevedibile, l’analisi è stata successivamente estesa alle strutture da disseccamento in fango (mud cracks) e ai suoli poligonali periglaciali (Lucas Goehring, 2013 - “Evolving fracture patterns: columnar joints, mud cracks, and polygonal terrain”), anche questo scaricabile liberamente
Link

buona serata

maurizio
____________________

“Un géologue est essentiellement un lithoclaste, ou rompeur de pierre…” - D. Dolomieu

“Non crederai a tutte queste sciocchezze, vero Teddy?” - M. Ewing (geofisico e oceanografo) a E. Bullard (geofisico), a proposito della tettonica delle placche (NY, 1966)
Torna all'inizio della Pagina

mauriziocaprarigeologo
Moderatore

Città: marina di montemarciano
Prov.: Ancona

Regione: Marche


3039 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 aprile 2014 : 08:25:38 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non è certo geologia del mediterraneo, ma sapere che almeno in questo “non siamo soli” è confortante;
Link

si tratta di colate basaltiche con fessurazione colonnare esposte al margine di un cratere meteoritico nell’area nota come Marte Vallis (“Amazonis quadrangle”).

Per analoga con le forme terrestri, pare sia possibile risalire alla velocità di raffreddamento del magma, e quindi alla velocità di formazione delle strutture colonnari, misurando la distanza tra le fratture orizzontali (“strie”) che separano gli orizzonti colonnari; in altre parole lo spessore (l’altezza) delle colonne sarebbe in qualche modo relazionata alla velocità del raffreddamento.

Inserendo nella scatola nera di un modello “terrestre” i dati ricavati dalle immagini marziane, è stato ricavato un tempo di raffreddamento che va dai 2 agli 8 anni; la questione principale da risolvere è il ruolo che l’acqua può aver avuto nel processo;

Come spesso succede, decifrare la storia di un episodio tutto sommato locale (la messa in posto di una colata marziana) aiuterà a spiegare qualcosa a scala molto più grande di cui il fenomeno è parte (la storia planetaria).

Ne approffitto per augurare a tutti buone festività e buona gornata.

maurizio
____________________

“Un géologue est essentiellement un lithoclaste, ou rompeur de pierre…” - D. Dolomieu

“Non crederai a tutte queste sciocchezze, vero Teddy?” - M. Ewing (geofisico e oceanografo) a E. Bullard (geofisico), a proposito della tettonica delle placche (NY, 1966)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,26 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

Cooperativa Darwin | Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net