testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Piante - Natura Mediterraneo
   PIANTE
 PTERIDOPHYTA
 Adiantum capillus-veneris / Capelvenere comune
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Phobos
Utente Super


Città: Cellatica
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


7290 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 dicembre 2006 : 09:29:12 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Pteridopsida Ordine: Polypodiales Famiglia: Pteridaceae Genere: Adiantum Specie:Adiantum capillus-veneris
Adiantum capillus veneris / Capelvenere comune

Ecco alcune immagini di questa leggiadra ed inconfondibile felcetta caratteristicamente presente negli ambienti stillicidiosi di tutto il territorio nazionale.

Adiantum capillus veneris - Vello (BS) - 27/06/05
Adiantum capillus-veneris / Capelvenere comune
80,11 KB

Un ciao da phobos.

Modificato da - Centaurea in Data 28 luglio 2019 17:34:55

Phobos
Utente Super


Città: Cellatica
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


7290 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 dicembre 2006 : 09:33:40 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Adiantum capillus veneris - Villa Carcina (BS) - 25/09/05
Adiantum capillus-veneris / Capelvenere comune
87,92 KB

Un ciao da phobos.

Modificato da - Phobos in data 11 dicembre 2006 10:13:10
Torna all'inizio della Pagina

Phobos
Utente Super


Città: Cellatica
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


7290 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 dicembre 2006 : 09:35:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Adiantum capillus veneris - Gussago (BS) - 30/04/06
Adiantum capillus-veneris / Capelvenere comune
95,95 KB

Un ciao da phobos.

Modificato da - Phobos in data 11 dicembre 2006 10:13:34
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6096 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 dicembre 2006 : 12:16:37 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Fino ad una settantina di anni fa era una specie presente anche nei boschi litoranei ravennati, in particolare era segnalata all'interno dei pozzi delle case sparse nel bosco.

Il progressivo aumento della salinità del primo acquifero freatico ha portato alla scomparsa di parecchie specie e Adiantum tra queste.

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

Phobos
Utente Super


Città: Cellatica
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


7290 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 dicembre 2006 : 16:05:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Queste tue parole sembrano confermare come la Padania sia, insieme ai rilievi prealpini, la zona dove questa piccola Pteridofita risulta meno presente rispetto la resto del nostro territorio ...

P.S. Le sue pinnule mi ricordano da sempre le foglie di Ginko biloba, ovviamente in miniatura ... non sembra così anche a voi?

Un ciao da phobos.

Modificato da - Phobos in data 11 dicembre 2006 16:06:40
Torna all'inizio della Pagina

eduegino
Utente Junior


Città: Marone
Prov.: Brescia

Regione: Italy


64 Messaggi
Micologia

Inserito il - 12 dicembre 2006 : 01:29:46 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
E' vero, una somiglianza stupefacente che sa tanto di preistoria; mi par di vedere Dinosauri erbivori che brucano, alternandoli, l'uno e l'altro.
Nella mia preistoria culturale, invece, il Capelvenere è mentalmente associato alla Felce femmina (Athyrium filix-foemina) e alla Felce maschio (Dryopteris Filix-mas), perchè era il classico trio di felci citate in botanica farmaceutica: la prima per sciroppi contro la tosse, le altre due per distinguere quella terapeuticamente attiva (30 anni fa si utilizzava l’estratto etereo di rizoma della Felce maschio come tenifugo, quasi esclusivamente per uso veterinario) dall’altra.
Poichè in quel tempo lontano sui testi universitari erano riportati solo disegni incolori, se dalla tua fornitissima raccolta fotografica spuntassero un paio di immagini per formare il trio...Grazie. Ciao. Eugenio.

Modificato da - eduegino in data 12 dicembre 2006 01:37:33
Torna all'inizio della Pagina

Phobos
Utente Super


Città: Cellatica
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


7290 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 12 dicembre 2006 : 06:07:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Per ora sono sprovvisto di immagini riguardanti le specie che hai citato ... ma rimedierò appena possibile.

Un ciao da phobos.

Modificato da - Phobos in data 12 dicembre 2006 06:08:27
Torna all'inizio della Pagina

Barbadoro
Utente Senior

Città: Casalecchio di Reno
Prov.: Bologna

Regione: Emilia Romagna


2494 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 14 dicembre 2006 : 03:19:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Il Capelvenere mi offre lo spunto per contribuire con qualche dato biogeografico e una riflessione.
Nei circa 10.000 ettari di montagne e valli con al centro il M. Catria, nel tratto di Appennino tra Gubbio e Urbino, trovare questa felce non è facile. Anche se le quote sono elevate (da 300 a 1700 m) e le precipitazioni medie annuali arrivano a 1800 mm, la gran parte del territorio è sostanzialmente povera di ambienti stillicidiosi. Per la loro natura calcare, questi monti, molto simili alle prealpi di Renato, sono una specie di spugna che assorbe l’acqua nelle viscere della terra. Le sorgenti in effetti ci sarebbero, ma quelle permanenti, potenzialmente stillicidiose, sono ingabbiate nel cemento delle captazioni. Insomma Adiantum capillus-veneris L. è qui una specie sporadica, che cresce spesso in pochi metri quadrati, con piante che temono una stagione troppo secca o un “idraulico” assetato… Non è più rara di altre specie, anzi, ma la sua sorte è emblematica: la congiuntura di un clima con andamento sfavorevole e di uno sfruttamento incontrollato del territorio la stanno conducendo sull’orlo dell’estinzione.
Certo se fosse un Panda o un Batrace dell’Amazzonia, ma è solo una falcetta e della sua storia non se ne accorge nessuno.
Torna all'inizio della Pagina

Vilmer77
Utente Senior


Città: Matera
Prov.: Matera

Regione: Basilicata


1412 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 14 dicembre 2006 : 16:09:54 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Anche a me piace molto questa specie, dalle mie parti non credo che si possa ancora definire rara, ma forse un tempo era molto più comune.
Riguardo alla somiglianza con Gingko biloba ricordo che il mio professore di botanica all'università ad una delle prime lezioni ci portò un campione di questa pianta chiedendoci di riconoscerla: molti di noi risposero proprio Gingko (forse anche perchè era una delle poche che avevamo già visto/studiato)
Vilmer

_____________________
Camminando si conosce
Torna all'inizio della Pagina

lynkos
Con altri occhi


Città: Sant'Eufemia a Maiella
Prov.: Pescara

Regione: Abruzzo


17647 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 dicembre 2006 : 16:24:27 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Barbadoro:

Le sorgenti in effetti ci sarebbero, ma quelle permanenti, potenzialmente stillicidiose, sono ingabbiate nel cemento delle captazioni.

Leggo solo adesso, causa periodo pesante di lavoro. Meglio non farmi cominciare . Sono sempre più ossessionata da questo problema e vorrei tanto fare qualche cosa per sensibilizzare la gente su una situazione purtroppo sempre più comune. Almeno parlandone qui è un piccolo passo nella direzione giusta.

Sarah


"... mi rendo conto anche che non possiamo vincere questa battaglia per salvare specie e ambienti senza creare un legame emozionale tra noi e la natura, poiché non lotteremo per salvare ciò che non amiamo (ma che apprezziamo solo in qualche senso astratto) ... dobbiamo fare spazio alla natura nel nostro cuore." (S. J. Gould)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,33 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net