testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Biologia Marina - Mare Mediterraneo
   MOLLUSCHI
 Cephalopoda
 Linee guida generali per foto cefalopodi
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

domenico capua
Utente V.I.P.

Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


198 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 24 gennaio 2013 : 14:56:07 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Ciao a tutti,
per chi si vuole avvicinare alla teutologia o ha curiosità in quest’ambito, vorrei dare alcuni consigli guida riguardanti le foto dei cefalopodi da postare per poter arrivare quanto più possibile vicini alla corretta determinazione della specie.
Come sono fondamentali per le conchiglie la forma e scultura della protoconca, dei giri, rapporti dimensionali dei giri, i caratteri dello stoma, della columella, ecc. per la corretta determinazione, anche per i cefalopodi sono importanti da rilevare alcuni caratteri somatici esterni che possono guidare alla determinazione specifica.
Anche per i cefalopodi, quindi, è necessario attenersi a delle piccole regole generali di immagine, questo anche perché, come da regolamento di questo ottimo forum dalle caratteristiche divulgative anche se rigorose, non è possibile postare foto di componenti somatiche un po’ più interne che per certe specie sarebbero estremamente utili a fine di determinazione specifica. Ma per questi ultimi caratteri si può accedere in seguito ad altro forum più specifico.
Allora, pur benvenute le foto che hanno il carattere della estemporaneità ( foto di amici, pescatori, turisti e altro) di cui ci si deve accontentare per forza, consiglio:
Innanzitutto si deve sciacquare l’esemplare in acqua marina o acqua e sale a concentrazione simile per togliere eventuali residui e immergere almeno uno o più braccia e clave tentacolari in alcool bianco per pochi minuti (serve a togliere un po’ d’acqua tissutale col risultato di mettere in risalto piccoli particolari per foto di ingrandimento), quindi,

se reperite un ESEMPLARE INTEGRO NON VIVENTE:
Fotografare l’esemplare su fondo colore possibilmente uniforme NON bianco (meglio avana, ma NON nero, NON SONO conchiglie) evitando soprattutto fondi di barca, reti da pesca, retini, secchi, cassette , ecc. utilizzando possibilmente luce solare (per la mia esperienza si esaltano i colori naturali e la disposizione dei cromatofori e si evidenziano i fotofori superficiali se ci sono;
Evidenziare l’esemplare nella sua totalità perché nei cefalopodi i rapporti lunghezza mantello/estensione pinne /dimensione cefalopodio(testa) è importante;
Evidenziare sia la parte ventrale che la dorsale e allargare bene la membrana interbrachiale;
Evidenziare i tentacoli dei decapodiformi possibilmente estesi (prendono un po’ di spazio nella foto ma il rapporto lunghezza tentacoli/mantello/braccia può essere importante) se è necessario ripiegarli in modo che si possa calcolarne bene la lunghezza;
Evidenziare braccia e tentacoli allargati e separati (evitare grovigli di braccia e tentacoli !!);
Evidenziare le ventose brachiali e della clava tentacolare con ingrandimento se possibile (per vedere se ci sono i dentelli, quanti e forma, se ci sono gli uncini, o nessuno di questi), cercare di rilevare qualche eventuale cambiamento di forma dell’apice di un braccio rispetto agli altri (potrebbe essere l’ectocotile del maschio) e ingrandirlo, è utilissimo per la determinazione;
Se reperite l’ESEMPLARE DANNEGGIATO o parti di esso:
Trattare come per il precedente ed evidenziare come per l’esemplare integro tutti i caratteri che residuano con particolare risalto all’ingrandimento;

Per l’ESEMPLARE VIVENTE LIBERO:
Per le caratteristiche dello scatto in ambiente non si possono dare consigli veramente utili per foto da determinazione, conviene documentare più particolari possibile e si può ipotizzare la possibilità di fotografare nel buio i fotofori eccitati e l’eventuale loro disposizione (ad esempio nei sepiolidi potrebbe aiutare nell’attribuzione di genere), ma credo sia fantafotografia e comunque, per provare, rimando per questo ad esperti in fotografia naturalistica che in questo forum non mancano.
Comunque le immagini dei cefalopodi “in action” spesso rappresentano documenti di tale bellezza e armonia che, indipendentemente dal valore determinativo, è sempre importante e graditissimo poter vedere.

Per l’ b]ESEMPLARE CATTURATO VIVENTE, se non si ha intenzione di mangiarlo, altrimenti vale quanto detto per l’esemplare integro non vivente, conviene per non danneggiarlo fare un piccolo filmato da molto vicino in vasca a fondo celeste con acqua di mare per poter osservare qualche particolare utile.
Ma al di la della documentazione a volte anche spettacolare, da questa non ci possiamo aspettare molto di più.

Adesso alcuni esempi di inquadrature quasi inutili ed alcune più utili:


Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
192,25 KB

foto1: al di là che questa è una riconoscibilissima S.officinalis, da questo ”mezzo busto”sarebbe stato difficile determinare se S.orbignyana o S.elegans ( colori e disegno simili e non è visibile la presenza o meno del rostro) (foto di amici)


Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
131,36 KB

foto2: povero polpo!!


Immagine:[/b]
Linee guida generali per foto cefalopodi
203,13 KB

Foto3: evitare grovigli di braccia (O.macropus, in caso di altro octopodi sarebbe difficilissimo tentare la determinazione)(foto di amici)

A seguire esempi di foto più utili

domenico

domenico capua
Utente V.I.P.

Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


198 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 24 gennaio 2013 : 15:05:11 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Adesso alcuni esempi di foto più utili:


Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
279,92 KB


Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
153,92 KB

Foto4: foto corrette dorsale e ventrale e i tentacoli sono ripiegati correttamente ma il fondo è un po’ troppo chiaro (per altra specie ci sarebbero difficoltà) (Loligo vulgaris)



Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
154,24 KB

Foto5: meglio questa anche se il fondo troppo azzurro traspare nelle pinne e falsa un po’ il colore (Todaropsis eblanae)


Immagine:
Linee guida generali per foto cefalopodi
83,11 KB
Foto6: corretta, clava tentacolare di T.eblanae


Spero di essere stato utile
Ciao a tutti

Domenico

Torna all'inizio della Pagina

ninocasola43
Utente Super

Città: s.agnello
Prov.: Napoli

Regione: Campania


6360 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 gennaio 2013 : 20:50:12 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
molto interessanti

nin
Torna all'inizio della Pagina

luigi g
Utente Senior

Città: Terracina
Prov.: Latina

Regione: Lazio


1665 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 25 gennaio 2013 : 00:46:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ottimo lavoro Domenico.

luigi g

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,21 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net