testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Lo sapevi che puoi aggiungere le informazioni di Google Map nel Forum? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 25 ottobre 2012 : 22:50:37 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia


Marmorana nel Frusinate


Districarsi tra le innumerevoli forme di Marmorana signata è un vero problema ma credo che sia interessante farle conoscere.
Sul Monte Faggeto nei Monti Aurunci ho trovato una nuova forma di Marmorana signata, ha una forma simile ad una T.pyramidata ed è completamente bianca se si esclude la macchia nocciola del callo che chiude completamente l'ombelico, è talmente caratteristica che se ne potrebbe descrivere una nuova specie.
L'ho messa a confronto con un esemplare delle Gole del Melfa trovata sul lato opposto della Valle del Liri alle pendici del gruppo del Monte Cairo sul cui versante opposto si trova il locus tipico di M.signata.
Sin. M. Faggeto dx Gole del Melfa
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci


Le differenze sono notevoli sia di forma che di colore ed anche l'ombelico è costantemente chiuso in una mentre rimane aperto nell'altra.
Ho voluto fare un confronto con due esemplari topotipici di Cassino che sembrano quasi delle forme di passaggio tra i due estremi.

Topotipi di Cassino(Abazia)
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro

fern
Utente Senior

Città: Vicenza


2098 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 26 ottobre 2012 : 18:57:04 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Quel che mi colpisce di più è la callosità rossiccia che congiunge i bordi dell'apertura, nonostante il colore candido. E' presente in tutti gli esemplari?

fern



Il n'y a de petit dans la Nature que les petits esprits.
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 26 ottobre 2012 : 21:16:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Il particolare del callo rosato l'ho notato solamente quando ho postato la foto, è presente solo in due esemplari su una decina osservati, i più globosi e pesanti.
Quello che è costante in tutta la popolazione è l'assenza della banda basale ed oltre la macchia sul callo è presente anche una macchia sul bordo del labbro.
L'estensione del callo rosato che unisce le due macchie potrebbe comparire in esemplari gerontici.
Una popolazione molto simile è presente anche sul Monte Petrella sempre nel gruppo degli Aurunci.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 26 ottobre 2012 : 22:15:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Da una vechia discussione in cui si mostrava la variabilità dei topotipi di Cassino ho ripescato queste foto, il nostro archivio comincia ad essere notevole.


Topotipi di Marmorana signata
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci


L'esemplare centrale somiglia moltissimo a quelli degli Aurunci, l'assenza della banda basale, le macchie sul callo e sul labbro e solo un piccolissimo accenno di bande sul colore bianco della conchiglia, nentre nel terzo esemplare si vede il callo rosato notato da fern anche se in un esemplare con bande nette.
Probabilmente l'effetto del fondatore ha avuto una notevole influenza sulle popolazioni bianche degli Aurunci, ma non si può escludere che su Cassino siano confluite popolazioni provenienti da diverse aree rifugio con caratteri esteriori abbastanza differenti ma non incompatibili geneticamente.




La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Ezallot
Utente Senior

Città: Monster

Regione: Netherlands


785 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 27 ottobre 2012 : 23:56:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
......il bello e' che eravamo andati in cerca di Cochlostoma!
Cochlostoma niente.... Invece una nuova forma di queste cose tonde!

Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 ottobre 2012 : 02:50:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Niente di strano, volendole trovare si trova una forma diversa di Marmorana su ogni falesia, il vero problema è riuscire a capire quali mutazioni siano importanti a livello sistematico.

A Terracina, che vedevamo sotto i nostri piedi dal Monte Faggeto la forma è simile ma ricompaiono le bande e torna ad essere praticamente indistinguibile dai topotipi di Cassino.

M. signata Terracina (LT)
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci


Più interessante è la forma della Val Canneto, località più a monte ma sempre lungo il Fiume Melfa.


M.signata Val Canneto(FR)
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci


Qui si torna alle forme appenniniche ma è difficile dire che non abbia una forte somiglianza con gli esemplari delle Gole del Melfa presentate in apertura della discussione, queste ultime sembrano un anello di passaggio tra le forme di M.signata appenniniche e quelle delle catene costiere.
Questo sarebbe un ottimo punto per studiare geneticamente queste popolazioni così diverse morfologicamente.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

luigi g
Utente Senior

Città: Terracina
Prov.: Latina

Regione: Lazio


1665 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 28 ottobre 2012 : 10:17:20 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Anche questo esemplare proveniente da Lenola(LT) assomiglia ai topotipici di Cassino.
luigi g

Immagine:
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci
252,35 KB

Immagine:
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci
244,35 KB

Immagine:
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci
229,91 KB

Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 28 ottobre 2012 : 10:27:49 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

L'esemplare di Lenola ha una forma piramidata che ricorda molto da vicino gli esemplari di Monte Faggeto ma ricompare la banda basale.
Geograficamente si pone tra gli Aurunci e la popolazioni di Terracina.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 01 novembre 2012 : 01:45:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho parlato di forma intermedia degli esemplari delle Gole del Melfa tra quelli fasciati di Val Canneto e quelli di Cassino ma rivedendo la discussione mi sono accorto di aver fotografato solo la forma con fascie.
La colorazione di questa popolazione è molto variabile e ricorda proprio le colorazioni di Cassino mentre la forma generale è più depressa e mantiene l'ombelico sempre aperto.

Marmorana signata Gole del Melfa
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 13 novembre 2012 : 17:17:06 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Una popolazione un po' più settentrionale dai Monti Simbruini che si affacciano sulla Valle dell'Aniene.
La colorazione molto variabile ricorda quelle della Valle del Melfa ma ha una forma più depressa ed un ombelico quasi completamente aperto.
Questa è una delle numerose popolazioni che dovrebbero rientrare in Marmorana tiburtina (Von Martens, 1899) secondo l'opinione espressa da H.Nordsieck ma difficilmente si può nascondere la somiglianza con gli esemplari di Val Canneto pubblicati più in alto in questa discussione.
La differenza principale è anatomica, tutte le popolazioni dei dintorni dai Colli di Montebove sopra Carsoli al Monte Autore ed a Subiaco hanno un flagello peniale molto ridotto (2/3 mm) contro i 35/45 mm delle popolazioni della Val Canneto.
I dati genetici non hanno rilevato grandi differenze rispetto alle popolazioni più meridionali e non sappiamo se questa diversità possa causare un blocco riproduttivo.
Altro problema per l'uso del nome di Von Martens è che gli esemplari dovrebbero provenire da Tivoli ma gli esemplari nei dintorno di quella città non hanno le stesse caratteristiche anatomiche delle popolazioni dell'alta Valle dell'Aniene ma rientrano nello schema generale di questa specie.
Anche se quelle caratteristiche anatomiche portassero alla separazione di una specie in quel gruppo non potrebbe essere utilizzato il none di Von Martens perché sinonimo jr. di Marmorana uniarmata (Paulucci,1881) dei dintorni di Carsoli che possiede la stessa mutazione anatomica.

M.signata Cervara di Roma
Nuova forma di Marmorana signata dagli Aurunci



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,34 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net