testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Lo sapevi che puoi aggiungere le informazioni di Google Map nel Forum? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Città, Montagne, Laghi, Itinerari, Immagini del Mediterraneo
 CITTA' E PAESI DEL MEDITERRANEO    Regione Emilia Romagna
 Ravenna ed i suoi mosaici
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
<< Pagina Precedente | Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 7

theco
Utente Super




6096 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 gennaio 2012 : 14:54:25 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Dovremmo cercare di storicizzare: Procopio è una fonte contemporanea ai fatti e portatrice di interessi, i suoi scritti possono solo suggerirci domande, non certo fornirci risposte.

Dovremmo anche cercare di emendare il ragionamento da considerazioni etiche che si rifanno ad epoche successive ai fatti: non abbiamo fonti storiche che ci raccontino delle abitudini sessuali di Odoacre, Teodorico, ecc., ma se trovassimo testimonianza di un loro atteggiamento disinvolto probabilmente a nessuno verrebbe in mente di interpretare il personaggio storico alla luce di quei fatti... per una donna non è bene, per un uomo non significa nulla o addirittuta aggiunge fascino al personaggio.

Tornando a Teodora potremmo cercare di farci un'idea di lei a prescindere dal pesante giudizio che esprime Procopio, ma basandoci su quelli che immaginiamo possano essere fatti compatibili con l'epoca in cui visse.

Teodora era di modesta estrazione sociale, questo è un fatto, tanto è vero che Giustiniano per poterla sposare dovette modificare leggi e costumi, come accade in ogni bel feuilleton che si rispetti, tra il principe e la cenerentola di turno.

Teodora aveva un'atteggiamento disinvolto nei confronti della morale cattolica ortodossa (tra l'altro lei ortodossa non era). Al di là dei particolari 'leggendari', che ritengo inquadrabili nello stile iperbolico che contraddistingue la narrazione di tutti i documenti storici dell'epoca, direi che possiamo essere ragionevolmente certi del suo atteggiamento disinvolto per il solo fatto che sia arrivata a frequentare la corte ai massimi livelli, partendo da una posizione sociale molto lontana.
Allora, come forse anche oggi, in assenza di quattrini o di lignaggio sociale una donna poteva senz'altro arrivare al talamo imperiale, ma restava comunque un'invisibile, una comparsa inconsistente, destinata ad esaurire il proprio copione nell'arco di una notte.
Teodora, come probabilmente tante altre, fu sicuramente abbastanza disinvolta per procurarsi un'occasione a corte ma, a differenza di tutte le altre, ebbe la capacità di trarre il meglio dall'occasione.

Cosa poteva mai avere Teodora in più rispetto a tutto quanto Giustiniano poteva comunque possedere? e su cui molto probabilmente sentiva di avere diritto?

Non saprei, ma sono portato a pensare che per un imperatore tanto la bellezza, quanto le arti amatorie fossero merce non troppo rara da incontrare e che per giunta si trattasse di merce che perdeva vieppiù valore al prolungarsi della relazione, di fronte alle nuove offerte del mercato. Cosa rimane allora?... le cronache raccontano che Giustiniano fosse innamorato di Teodora e credo proprio che questo sia un terzo dato di fatto innegabile, non aveva alcun possibile interesse in quella relazione, solo grane... molto probailmente era davvero innamorato.

L'ultimo punto su cui vorrei riflettere è il seguente: la storia di Giustiniano non è quella del principe povero di spirito, la cui moglie, in forza di un maggior carattere o di una migliore capacità, dirige di fatto la cosa pubblica dietro le quinte, in nome del marito. La storia è piena dei principi e delle loro donne in tale condizione, ma non è proprio il caso di Giustiniano... lui era davvero un grandissimo uomo. Una persona, probabilmente l'ultima della storia, in grado di avere una visione universale dell'impero, la capacità politica per realizzarla e la capacità amministrativa per darle respiro e continuità.
Giustiniano era un uomo molto colto, capace di essere tanto diplomatico quanto implacabile all'occorrenza, che ha lasciato il proprio segno in molteplici campi della cultura oltre che della politica. Cosa poteva mai fare innamorare un uomo simile? la sola bellezza? la sola raffinatezza erotica? personalmente credo poco credibili queste risposte.
Penso che per un uomo come Giustiniano sia doveroso ipotizzare un coinvolgimento morale e intellettuale con la persona che ha condiviso la sua vita... quindi ritorno alla domanda iniziale su Teodora, cosa aggiunse alla disinvoltura per diventare imperatrice? penso che abbia aggiunto la capacità di sedurre intellettualmente un uomo che non avevi pari nel suo tempo.

Qui concludo il mio ragionamento, naturalmente privo di qualsiasi riscontro documentale, che vi invito quindi a considerare solo come una possibilità o forse ancor meno, come una bella storia di fantasia a lieto fine.

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

lucyb
Utente Senior

Città: Schio
Prov.: Vicenza

Regione: Veneto


3362 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 gennaio 2012 : 18:35:04 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
La tua interpretazione, per quanto "romantica", sembra anche a me la più verosimile.Non credo che Teodora possa essere stata solo una licenziosa profittatrice.E, sminuendo troppo lei, si nega credito e valore anche a Giustiniano che ne ha fatto un'imperatrice.

Lucy
Torna all'inizio della Pagina

nonnaivana
Utente V.I.P.

Città: bologna
Prov.: Bologna

Regione: Emilia Romagna


109 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 15 gennaio 2012 : 19:00:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Senz'altro è facile dar ascolto al "gossip", ma bisogna andare più in là di questo!
Le persone evolvono, col tempo sanno anche prendere altre vie, riscattarsi!
Erano due personaggi intelligenti, e avranno avuto fiducia l'uno nell'altra.
Gli impegni imperiali non sono cosa da poco, lei ha imparato presto, era in fondo ancora una ragazza, lui era più vecchio, e la sua intelligenza, come dice anche Andrea, è un dato di fatto, e avrà visto in lei delle qualità certe, per collocarla al suo livello!
Sono stati anche provati da gravi malattie, la sofferenza li avrà uniti maggiormente! Studiosi hanno avuto materia per le ricerche sul cancro e le malattie veneree, ammesso e non concesso, che Giustiniano ne abbia sofferto!

Buona serata!!!


CuriosaMente
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 16 gennaio 2012 : 18:46:07 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Vedo che su Teodora sono stato messo in minoranza . Potenza della sua seduzione !

Io non condivido le interpretazioni di Teodora in chiave proto-femminista. La mia opinione è che Teodora, dotata di indubbia intelligenza, era più che altro una scaltra arrampicatrice sociale, che aveva fatto perdere la testa a Giustiniano (così come in precedenza aveva fatto con altri uomini). Certamente era una donna dotata di molto fascino e conosceva bene le debolezze degli uomini.

Detto questo, credo che la verità storica sulla sua figura non si raggiungerà mai e che perciò ognuno può legittimamente rimanere delle proprie opinioni.

Giuseppe

Modificato da - marz in data 16 gennaio 2012 19:09:05
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 19:37:31 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ero indeciso se proseguire con l' analisi storica di Giustiniano. Tutto sommato, se era opportuno accennarne, come ha giustamente fatto Theco, un' analisi approfondita del suo operato è forse fuori dallo scopo di questa discussione. Mi limito a dire che il mio giudizio storico nei suoi confronti è diverso da quello di Theco. Ma la cosa non deve stupire, perchè Giustiniano, come Teodora, è destinato a dividere gli appassionati di storia in sostenitori e detrattori.

Proseguo con Ravenna. Diamo un' occhiata al campanile della Basilica di San Vitale e dirigiamoci verso il Battistero Neoniano o degli Ortodossi (che vedremo in serata).

Il campanile della Basilica di San Vitale.

Ravenna ed i suoi mosaici
113,09 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 22:31:19 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Il Battistero Neoniano (chiamato così dal vescovo Neone che lo fece costruire) è situato di lato al Duomo. E' anche chiamato Battistero degli Ortodossi per distinguerlo da quello degli Ariani, fatto erigere da Teodorico.

E' il più antico dei monumenti ravennati, almeno come inizio di costruzione, risale alla fine del IV secolo o inizio del V secolo. E' una costruzione in laterizi di forma ottagonale, con le porte interrate (il livello originario è circa 3 metri sotto l' attuale piano).

Questa è la struttura esterna.

Ravenna ed i suoi mosaici
125,75 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 22:33:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Il mosaico della cupola del Battistero Neoniano.

Ravenna ed i suoi mosaici
284,93 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 22:36:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Particolare della cupola (San Giovanni che battezza il Cristo).

Ravenna ed i suoi mosaici
231,66 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 22:42:30 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Particolare della cupola (sono riconoscibili 5 Apostoli).

Ravenna ed i suoi mosaici
238,53 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 17 gennaio 2012 : 22:44:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Particolare degli interni.

Ravenna ed i suoi mosaici
192,48 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6096 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 gennaio 2012 : 23:34:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di marz:

Ero indeciso se proseguire con l' analisi storica di Giustiniano. Tutto sommato, se era opportuno accennarne, come ha giustamente fatto Theco, un' analisi approfondita del suo operato è forse fuori dallo scopo di questa discussione. Mi limito a dire che il mio giudizio storico nei suoi confronti è diverso da quello di Theco.


Marz il Goto contro theco il Bizantino
... a proposito dei bizantini non posso non ricordare le parole del grande Teofilatto dei Leonzi (Gianmaria Volontè ne L'Armata Brancaleone) che, riferendosi alla propria gente di origini bizantina, li apostrofa più o meno così: "membra febbrili, fiacchi alla spada, ma ratti al pugnale; gente meglio da perdere che da trovare".

Torniamo a noi con l'ultimo capitolo...

Dopo la morte di Teodorico i Goti ebbero alcuni altri re di poco conto... il solo Totila si distinse riuscendo a riconquistare Roma per ben due volte alle armate imperiali, ma il regno dei Goti in Italia volgeva ormai al termine, i tempi di Teodorico il Grande (che aveva fatto tremare la stessa Bisanzio) erano lontani e le truppe di Giustiniano guidate da Belisario e Narsete riuscirono a riportare l'intera Italia sotto l'impero.
Gli anni del regno dei Goti in Italia (476-554), a parte la sua parabola finale, furono un periodo di pace, per quel poco che poteva significare questa parola nell'alto medioevo.

Ravenna diventò sede della Prefettura d'Italia e fu la città italiana per la quale Giustiniano ebbe le maggiori attenzioni, favorendone lo sfarzo con la grandiosità delle opere... Massimiano (quello il cui trono in avorio ha colpito marz al museo arcivescovile) fu l'uomo che Giustiniano inviò a fare di nuovo grande Ravenna e Massimiano lo fece davvero... in meno di dieci anni costruì un numero impressionante di chiese di cui oggi ci resta solo il nome, ma qualcosa è sopravvissuto al tempo: le basiliche di San Vitale e Sant'Apollinare Nuovo, la cui costruzione fu avviata dai Goti e completata dai bizantini che le rivestirono anche dei complessi musivi che marz ci ha mostrato.

Dunque Ravenna ritornava capitale per la terza volta, della Prefettura d'Italia poi, dal 584, dell'Esarcato d'Italia voluto da Bisanzio.

Però Bisanzio era destinata a godersela poco l'Italia, nel 568, pochi anni dopo la sua riconquista un nuovo formidabile popolo arrivò dal nord a rivendicarne il dominio, erano i Longobardi, guidati da re Alboino. Progressivamente conquistarono tutta la penisola, lasciando ai bizantini solo la striscia di territorio che unisce Roma alla Romagna e stabilendo la loro capitale a Pavia.

I due regni e le due capitali avrebbero convissuto in Italia ancora per molto tempo, buona parte del quale in forma di una non disprezzabile tregua armata. Nel VI e VII secolo Ravenna fu la più popolosa città italiana, centro di rapporti politici ed economici, con le più alte gerarchie militari, politiche e religiose (grazie ad un editto bizantino di autocefalia, l'arcivescovo ravennate non era più sottoposto al primate romano).

Tutto ciò sarebbe durato fino al 751 quando Ravenna capitolò ai Longobardi e Bisanzio scomparve definitivamente dall'Italia. I longobardi avrebbero poi ceduto al Pontefice romano i territori dell'Esarcato: Roma ritornava capitale e Ravenna ritornava palude.

Dal 402 (fuga di Onofrio a Ravenna) al 751 (conquista da parte del Longobardi) ci sono 350 anni nei quali Ravenna é stata la città italiana più importante e per tre volte capitale... le belle immagini di marz ci mostrano i segni di questa epoca d'oro, sono una delle principali testimonianze dell'arte paleocristiana, tutelata con l'istituzione di 8 siti Unesco: Galla Placidia, battistero Neoniano, Sant'Apollinare Nuovo, battistero degli Ariani, mausoleo di Teodorico, San Vitale, Sant'Apollinare in Classe, Cappella Arcivescovile.

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 18 gennaio 2012 : 23:48:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di theco:

Marz il Goto contro theco il Bizantino
Ciao, Andrea


Hai ragione Andrea, sembra di essere tornati ai vecchi tempi .
Ma rinuncio alla sfida, un pò perchè gli anni passano anche per i Goti, un pò perchè Ravenna è troppo bella e vicina ai miei gusti per aver voglia di litigare.
Se solo avesse un pò di montagne !

Giuseppe

Modificato da - marz in data 19 gennaio 2012 00:11:28
Torna all'inizio della Pagina

lucyb
Utente Senior

Città: Schio
Prov.: Vicenza

Regione: Veneto


3362 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 gennaio 2012 : 11:31:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Molto bello, piacevole e interessante per me (anzi, penso, per noi) se continuate in questa che, più che una sfida, mi sembra un'ottima collaborazione!


Lucy
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 gennaio 2012 : 19:05:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Non farti ingannare dalle apparenze, Lucy. Io e Theco saremmo capaci di litigare ferocemente su Giustiniano !
E' che abbiamo concordato un gentlemen's agreement !

A dire il vero, avrei voglia di fare alcune battute su Giustiniano, ma lo farò solo dopo che Theco me ne avrà dato il consenso.

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6096 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 gennaio 2012 : 20:53:03 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di marz:

Non farti ingannare dalle apparenze, Lucy. Io e Theco saremmo capaci di litigare ferocemente su Giustiniano !
E' che abbiamo concordato un gentlemen's agreement !

A dire il vero, avrei voglia di fare alcune battute su Giustiniano, ma lo farò solo dopo che Theco me ne avrà dato il consenso.

Giuseppe



Ma no, marz, non siamo così astiosi come ci dipingi... Qualche volta ci siamo un poco punzecchiati, ma solo per amore di verità

Questa chiacchierata mi e piaciuta, andiamo senz'altro avanti con le tue immagini e le tue opinioni su giustiniano, ne io ne lui ci offenderemo

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 gennaio 2012 : 21:16:19 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Come immagini mi sono rimaste solo quelle della Basilica di Sant' Apollinare (che devo rimandare a domani) e qualche foto spicciola. Il mio programma prevedeva di vedere anche altro di Ravenna, ma i mosaici mi sono piaciuti troppo ed ho preferito concentrare su di essi il tempo che avevo a disposizione.

Sulle battute su Giustiniano preferisco toglierle ed autocensurarmi, non per Theco che sarebbe stato allo scherzo ed avrebbe replicato nel modo giusto, ma perchè contenevano riferimenti alla situazione politica recente e preferisco evitare che qualcuno possa sentirsene disturbato.


Giuseppe

Modificato da - marz in data 19 gennaio 2012 22:01:06
Torna all'inizio della Pagina

theco
Utente Super




6096 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 gennaio 2012 : 22:43:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di marz:
Sulle battute su Giustiniano preferisco toglierle ed autocensurarmi, non per Theco che sarebbe stato allo scherzo ed avrebbe replicato nel modo giusto, ma perchè contenevano riferimenti alla situazione politica recente e preferisco evitare che qualcuno possa sentirsene disturbato.


Giuseppe


marz, avevo inserito una risposta spero altrettanto divertente della tua, ma poi l'ho cancellata subito perchè non c'era più la tua base a sostenerla...

Comunque eri stato grande...

Ciao, Andrea
Torna all'inizio della Pagina

lucyb
Utente Senior

Città: Schio
Prov.: Vicenza

Regione: Veneto


3362 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 gennaio 2012 : 00:12:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Cosa mi sono persa?!

Lucy
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 gennaio 2012 : 21:16:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Eh, Lucy, ti sei persa un parallelismo storico fra la vita e le opere di Giustiniano e quelle di un politico dei nostri tempi !

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 gennaio 2012 : 22:38:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ed entriamo adesso nella Basilica di Sant' Apollinare Nuovo (da non confondere con l' altrettanto bella Basilica di Sant' Apollinare in Classe, che si trova a 5 Km da Ravenna).

La chiesa fu fatta edificare da Teodorico per il rito ariano, ma riconsacrata nel 561 al culto cattolico.

Dell'antica costruzione sopravvivono i meravigliosi mosaici della navata centrale, che probabilmente sono la più vasta superficie musiva che sia giunta a noi dall'antichità. L' interno, molto semplice, esalta ulteriormente la bellezza dei mosaici.

Veduta generale della parete sinistra

Ravenna ed i suoi mosaici
245,01 KB

Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 7 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

<< Pagina Precedente

|
Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 1,05 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net