testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Leggi il nostro regolamento!! Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Come distinguere i Theodoxus
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3088 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 12 settembre 2010 : 15:06:53 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia



messaggio originale di iperione


e i sempre graziosi Theodoxus


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
255,33 KB

Da questa foto ha preso origine una interessante discussione che ho scisso dal topic originale.

subpoto




Mi pare di notare , fra i Theodoxus, sia la presenza di fluviatilis che di danubialis

Ciao

Ale

Modificato da - Subpoto in Data 14 settembre 2010 17:06:15

iperione
Utente Senior

Città: Cremona


2208 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 12 settembre 2010 : 22:06:23 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Avevo notato anch'io il disegno, è sufficiente ad identificare danubialis? (come dicono Giusti e Pezzoli, dovrebbe avere anche forma più globosa e conchiglia biancastra... mah!)
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3088 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 12 settembre 2010 : 22:58:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Io direi che quello centrale grande, quello alla sua destra e l'ultimo in basso a destra, dovrebbero essere danubialis, il disegno è tipico ed anche la forma è un po' più globosa e tondeggiante, occorrerebbe anche verificare il sotto e anche l'opercolo, ma direi che non dovrebbero esservi dubbi.

Ciao

Ale
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 13 settembre 2010 : 00:05:55 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Il luogo di ritrovamento,se non ho capito male, è in comunicazione con il Lago di Iseo dove è accertata la presenza di T.danubialis.

La determinazione viene fatta sulla forma delle appendici degli opercoli,io non l'ho capita molto,qualcuno è in grado di illustrarla?



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3088 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 14 settembre 2010 : 10:29:17 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sandro ,come me fino a qualche giorno fa, si pone il problema di quali siano i caratteri distintivi negli opercoli delle specie di Theodoxus viventi in italia.
Io ho cercata risposta verificando le diversità riscontrate sugli esemplari in mio possesso.
Devo dire che, a mio parere le diversità sono tali da non lasciare molti dubbi, almeno negli esemplari che ho potuto esaminare ( una decina di esemplari di fluviatilis e di meridionalis e quattro di danubialis ) le diversità sono costanti per le tre specie, anche se provenienti da diverse località.
Nel fluviatilis, l'apofisi laterale ( quella specie di gancetto che è presente sulla parte interna dell'opercolo e che si riscontra in tutte le specie esaminate) ha una forma che mi ricorda l'orecchio di alcuni pipistrelli e termina quasi appuntito


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
76,18 KB

Nel meridionalis la forma dell'apofisi è diversa, non presenta una forma a lobo come nel fluviatilis ed ha l'apice più smussato e più tozzo


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
105,6 KB

Nel danubialis , infine,il lobo è ancora meno accentuato e l'apofisi è più dritta, di diametro maggior, tozza, quasi come un cordolo.

Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
87,72 KB

Ecco i tre tipi allineati per mostrare le diversità che , pur essendovi anche nella forma dell'opercolo stesso, sono di aiuto diagnostico in particolare nelle apofisi.


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
142,94 KB




Ecco anche tre insiemi che ritraggono, insieme all'opercolo relativo, l'esemplare da cui è tratto.


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
76,32 KB


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
89,77 KB


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
92,21 KB

Ciao

Ale

Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 settembre 2010 : 11:28:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Complimenti Ale un lavoro veramente eccezionale!!!!!!



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8902 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 14 settembre 2010 : 17:16:01 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho collegato il post in checklist sotto Fam. Neritidae con la dicitura:

Distinzione delle specie.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3088 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 14 settembre 2010 : 19:38:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Avevo dei dubbi relativi al Theodoxus trovato in Sardegna in un torrentello della zona di Fluminimaggiore.
Attualmente è ritenuto esservi in sardegna solo il fluviatilis anche se alcuni autori del passato consideravano il sardous Menke,1830, specie oggi in sinonimia di fluviatilis, essendo i miei esemplari tutti scuri e con un pattern particolare, diverso dai fluviatilis più diffusi ho voluto approfondire.
Ho pertanto , con un po' di difficoltà, prelevato un opercolo e, come si può notare dalle foto, in effetti somiglia molto a quello di fluviatilis, avallando il fatto che in Sardegna la specie che attualmente vive è il fluviatilis anche se in un morfo un po' particolare


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
144,51 KB

Un altra forma che rinvengo in acque termali dalla temperatura fra 31 e 44 gradi, vicino a Venturina, ho per tempo ritenuto essere qualcosa di particolare per il pattern costantemente diverso dai fluviatilis toscani, l'opercolo presente su un esemplare, distaccato con difficoltà e un po' sciupato nel farlo, ha evidenziato però la tipologia del fluviatilis, confermandone la notevole varietà sia di colorazione che di pattern.


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
114,45 KB

Ciao

Ale
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore


Città: Cerretti di Santa Maria A Monte
Prov.: Pisa

Regione: Toscana


3088 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 15 settembre 2010 : 18:50:04 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Secondo l'Alzona e il Cossignani, il Theodoxus fluviatilis è presente in Sicilia oltre che nell'Italia continentale ed in sardegna, secondo la Checklist invece non pare sia presente in Sicilia.
Credevo di aver trovati degli esemplari di T. fluviatilis alla foce dell'Anapo, a Siracusa, tutti morti e privi di opercolo, essendo esemplari non scuri come i T. meridionalis rinvenuti, bensì colorati e dal pattern simile a tanti T. fluviatilis, in realtà, controllando l'opercolo su esemplari raccolti viventi su fusti di papiro, nel Fiume Ciane che sfocia a fianco dell'Anapo, ho appurato che si tratta di esemplari , colorati più degli altri T. meridionalis, ma indiscutibilmente loro.
Questo potrebbe spiegare che le segnalazioni finora attribuite a T. fluviatilis per la Sicilia , potrebbero essere errori di classificazione e dunque sarebbe nel giusto la checklist nel considerare T. fluviatilis non facente parte della fauna malacologica siciliana.
Allego le foto di due esemplari e dell'opercolo.
Sui gusci degli esemplari, sono visibili i resti delle ovature che i Theodoxus sono soliti attaccare, oltre che sulle pietre sulle quali vivono, anche sulle conchiglie stesse.


Immagine:
Come distinguere i Theodoxus
134,01 KB

Sarei molto interessato a sapere se qualcuno ha rinvenuti esemplari certi di T. fluviatilis in località siciliane.

Ciao

Ale
Torna all'inizio della Pagina

Cmb
Moderatore


Città: Buers
Prov.: Estero

Regione: Austria


12844 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 20 marzo 2011 : 17:31:54 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Nella presentazione di oggi a Monaco in Bavaria Gerhard Falkner ha parlato di Theodoxus fluviatilis sardous Menke 1830 della Corsica. Penso le esemplare della Sardegna si puo anche chiamare cosi.



"La distinction des espèces de limaces est extrêmement difficile,
et aucun zoologiste n’est encore parvenu à quelque chose
d’un peu satisfaisant sous ce rapport."
H. M. DUCROTAY DE BLAINVILLE 1823

Vieni nel mondo degli Limax dell'Italia
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Natura Mediterraneo © 2003-2020 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,33 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Lynkos.net