testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: L'iscrizione al nostro Forum è gratuita e permette di accedere a tutte le discussioni.
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Piante - Natura Mediterraneo
 ORCHIDEE
 Una domanda sul genere Epipactis
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

bosconero71
Utente V.I.P.

Città: Iseo
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


217 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 08 gennaio 2019 : 19:41:36 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Mi potreste aiutare a "mettere in fila" i vari periodi di fioritura delle specie di questo complesso, ma intrigante genere?
Grazie

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


2143 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 08 gennaio 2019 : 22:26:50 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Accidenti Alessandro, proponi un tema che merita un trattato e non una semplice risposta! Comunque meriti un riscontro, poiché ho la sensazione che tu sia uno dei pochi appassionati di botanica che trova intrigante questo genere, anziché liquidarlo come odioso . La difficoltà della risposta deriva dal fatto che le Epipactis crescono ad altitudini e latitudini molto diverse e colonizzano anche ambienti talora contrastanti, quindi una stessa specie può essere presente in epoche molto diverse. Due esempi classici: E. microphylla è in genere la prima Epipactis ad andare in fiore, nei boschi collinari termofili la puoi incontrare già a fine maggio anche qui al Nord. Però questa stessa specie è classicamente anche una delle ultime a fiorire in quota nelle faggete esposte a Nord, dove la puoi incontrare in antesi ancora nella seconda decade di agosto. Altro esempio E. helleborine: in quota e ambiente di faggeta ombrosa è medio-tardiva, dal 10 luglio al 10 agosto. Però si tratta di specie molto adattabile e riesce a colonizzare anche ambienti aridi ed esposti al sole. E in questo caso fiorisce molto presto, a giugno qui al Nord e anche a inizio maggio al Sud e in Sardegna. Insomma, per fare una classifica cronologica efficace, dovremmo avere tutte le specie a livello altitudinale costante e in ambiente altrettanto costante come tipologia, ma non è affatto così. Comunque, se la tua domanda mira ad avere un'dea di cosa e dove cercare le varie Epipactis nelle varie epoche, posso vedere di darti un'idea. Abbiamo detto che a stagione ancora tardo-primaverile dobbiamo cercare in ambienti non troppo elevati e caldi E. microphylla, E. helleborine dei luoghi aridi e assolati ed E. muelleri degli stessi ambienti. Subito dopo vengono le due specie affini fluviali, E. bugacensis ed E. rhodanensis. Dopo possiamo salire di quota, ma restare in ambienti esposti e caldi per trovare E. atrorubens ed E. distans. Siamo ormai a luglio il mese d'oro per le Epipactis. Abbastanza presto per l'altitudine incontriamo E. fageticola ed E. thesaurensis, poi di fila E. neglecta, E. helleborine ed E. muelleri in faggeta, quindi E. leptochila, E. purpurata, E. exilis e un po' prima E. palustris in torbiera. Tra le ultime partono in antesi le cosiddette Epipactis tardive, che in alcuni anni protraggono la fioritura fino ai mesi autunnali: E. zaupolensis ed E. autumnalis. Visto che sei di Brescia ti ho nominato specie presenti qui al Nord, tralasciando le specie meridionali, che sono parecchie e non sempre precoci, poichè specie di altitudine, presenti in aree montuose di Majella, Pollino, Sila, Serre e Aspromonte hanno anche fioriture piuttosto tardive, fino a metà agosto. Se hai qualche dubbio su alcune specie in luoghi precisi, nei limiti di quello che so, ti rispondo volentieri. Ciao Riccardo

Torna all'inizio della Pagina

bosconero71
Utente V.I.P.

Città: Iseo
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


217 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 gennaio 2019 : 10:24:57 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Mille grazie, Riccardo.
A Novembre ero andato in Lessinia alla ricerca di Epipactis autumnalis. Avevo trovato alcune piantine, già in frutto però (anche se sembravano sfiorite da poco tempo... ma non saprei dire di più).
Grazie ancora.
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


2143 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 09 gennaio 2019 : 15:56:06 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sì, al momento E. autumnalis è, tra le specie Europee di questo genere, quella con fioritura più protratta in autunno. Però ovviamente le situazioni variano molto di anno in anno, in relazione a molti fattori climatici. So che un anno fu trovato ancora un fiore quasi a Natale. Altre volte la fioritura arriva a malapena a fine ottobre. Ovviamente in epoca così tardiva non si tratta mai di fioriture estese, ma giusto di qualche esemplare, che va cercato con costanza e stima dei luoghi. Comunque il grosso della fioritura, che permette un più facile rinvenimento, avviene sicuramente in agosto. Riccardo

Torna all'inizio della Pagina

bosconero71
Utente V.I.P.

Città: Iseo
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


217 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 gennaio 2019 : 14:46:44 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ne approfitto per chiedervi se sia anomala o meno la crescita di Epipactis palustris in ambiente non acquitrinoso.
Grazie.
Torna all'inizio della Pagina

ricki51
Utente Senior

Città: Fidenza
Prov.: Parma

Regione: Emilia Romagna


2143 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 gennaio 2019 : 20:37:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
No, non è anomalo. Per certo E. palustris necessita di molta umidità sulle radici, quindi spesso il suo habitat presenta acqua superficiale. Vi sono però situazioni, greti di torrenti, aree di frana consolidata, in cui la superficie appare decisamente arida, tanto da essere rara persino la presenza di altre erbe. Quindi ci si stupisce di vedere crescere bene in tali aree E. palustris. In realtà l'apparente aridità riguarda solo lo strato di superficie: più in profondità le radici attingono sempre a buone risorse idriche. Ti metto una foto in ambiente di frana consolidata, in cui molte E. palustris vivono su un terreno sassoso e asciutto in superficie: è il mio posto prediletto per documentare questa Epipactis, che si mostra nella sua completezza fino a terra, senza essere sommersa da altre erbe, come di norma avviene in habitat di torbiera. Riccardo
Immagine:
Una domanda sul genere Epipactis
173,28 KB


Modificato da - ricki51 in data 10 gennaio 2019 20:38:30
Torna all'inizio della Pagina

bosconero71
Utente V.I.P.

Città: Iseo
Prov.: Brescia

Regione: Lombardia


217 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 gennaio 2019 : 21:12:29 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie Riccardo. Anch'io avevo trovato una stazione all'"asciutto" sull'Appennino Piacentino ed ero rimasto molto sorpreso.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,36 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net