testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Conosci la funzione scorciatoia? Clicca qui!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Biodiversità
 FORUM BIODIVERSITA'
 Abbattimento selettivo delle specie reputate dannose
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

fscarri
Utente V.I.P.

Città: Rivolta d'Adda
Prov.: Cremona

Regione: Lombardia


466 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 23 giugno 2014 : 23:07:23 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Volevo aprire questa discussione (spero di averla posta nella sezione giusta; non mi pare di aver trovato qualcosa di simile, ma se ci dovesse già essere vi prego di reindirizzarmici): quanto è lecito e naturalisticamente giustificabile l'eliminazione di specie alloctone o semplicemente in sovrannumero al fine di mantenere intatta la fauna (e la flora) di un ambiente? Secondo voi viene prima l'integrità e l'equilibrio biologico di un habitat o le vite di specie che vengono abbattute per riparare ad errori dell'uomo? Con "specie considerate dannose" indico per esempio nutrie, piccioni, ratti o cornacchie (si pensi ai loro stermini degli anni settanta nella bassa pianura padana).
Dato che lo reputo un argomento piuttosto complesso, mi piacerebbe sentire anche i pareri di naturalisti "varati".
Grazie,
ciao

Francesco

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 24 giugno 2014 : 00:11:14 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
In realtà, l' argomento è stato trattato in svariate discussioni. Nel forum non c'è una posizione univoca. Molti pensano che sia giusto preservare gli habitat locali e liberarsi delle specie invasive, altri la pensano diversamente.

Purtroppo, come succede in Italia per molte altre cose, nel nostro Paese tendono a prevalere gli atteggiamenti ideologici e non quelli razionali.

L' importante è parlarne rispettando chi la pensa diversamente, senza lanciarsi in crociate che lasciano il tempo che trovano.

Personalmente, ritengo che in natura il valore più importante sia quello di preservare la biodiversità, cosa comunque estremamente difficile in un pianeta che ha superato i 7 miliardi di Homo sapiens.

Per un approccio iniziale "soft" della problematica, consiglierei di leggere questo
Link


Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

fscarri
Utente V.I.P.

Città: Rivolta d'Adda
Prov.: Cremona

Regione: Lombardia


466 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 24 giugno 2014 : 12:08:36 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie per la sintesi e chiedo scusa per la ripetizione.
Ciao

Francesco
Torna all'inizio della Pagina

enrica g
Utente nuovo

Città: torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


6 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 08 luglio 2014 : 17:19:39 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
credo che lo stesso problema si ponga con i vegetali.Molte piante da vaso(cosa già innaturale in sè)fanno parte dell'arredo urbano pur provenendo da chissà dove.Funzionano come tutti i vegetali e si incrociano con le speci native.personalmente ho deciso di coltivare solo speci autoctone:ortica,malva,rose...Ma la commistione di essenze vegetali, è così immediatamente rilevabile e pericolosa quanto quella animale?

enrica gino
Torna all'inizio della Pagina

marz
Utente Super

Città: Bergamo

Regione: Lombardia


8788 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 11 luglio 2014 : 01:10:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Io credo che per le specie vegetali possano essere fatte, in linea di massima, considerazioni analoghe a quelle fatte per le specie animali.

Come la penso credo si sia intuito dalla risposta data in precedenza. La mia opinione è che sia indispensabile preservare gli habitat locali ed impedire la proliferazione di specie aliene.

Bisogna però essere realistici e purtroppo in Italia (e non solo in Italia) non viene percepita la gravità della problematica (che, per giunta, sono pochissimi a conoscere). E questo rende difficile, per non dire impossibile, attuare qualsiasi misura di contenimento.

Senza contare che il tutto andrebbe accompagnato da una robusta dose di buon senso, perché in alcune situazioni penso che, anche volendo, non ci sia la possibilità concreta di intervenire efficacemente o, comunque, che non valga la pena di farlo.

Dove ritengo si possa trovare un punto d' accordo comune è sulla prevenzione, sulla quale farei fatica a comprendere atteggiamenti di contrapposizione.



Giuseppe
Torna all'inizio della Pagina

enrica g
Utente nuovo

Città: torino
Prov.: Torino

Regione: Piemonte


6 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 11 luglio 2014 : 10:43:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
GRAZIE. DA PARTE MIA CONTINUERò LA MIA BATTAGLIA CONTRO I MULINI A VENTO...

enrica gino
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,23 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net