testata Forum Natura Mediterraneo
Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |NUOVA Tassonomia | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 


Nota! La determinazione degli insetti necessita quasi sempre di un'indicazione geografica e temporale precisa.
Invitiamo quindi gli utenti ad inserire questi dati ogni volta che viene richiesta una determinazione o viene postata una foto di un insetto. I dati forniti dagli utenti ci consentiranno anche di attribuire un valore scientifico alle segnalazioni, contribuendo a migliorare e integrare le attuali conoscenze sulla distribuzione delle specie postate.


 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
   INSETTI
 Hemiptera Heteroptera
 Thaumastocoris peregrinus (Italia) NUOVO PER L'EUROPA  Specie aliena Specie aliena
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Claude54
Utente Senior

Città: Roma

Regione: Lazio


2253 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 29 luglio 2011 : 08:37:15 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Hexapoda Ordine: Hemiptera Heteroptera Famiglia: Thaumastocoridae Genere: Thaumastocoris Specie:Thaumastocoris peregrinus
26.07.2011 - Guidonia Montecelio (RM) - Trovata sopra una maglietta messa ad asciugare in terrazza! Dimensioni 2 mm. Grazie ad eremicus di FEI, sono venuto a conoscenza del fatto che si tratta un genere che non dovrebbe essere presente in Italia.
Heteroptera - Thaumastocoridae - Thaumastocorinae - Thaumastocoris sp.
Da ulteriori indagini fatte sul web, ho letto che i paesi dove si trova sono: Australia, South Africa, Argentina e Brasile. Si tratta di una specie fitofaga che attacca la parte inferiore delle foglie di alcune specie di Eucalyptus portando la pianta alla morte. Come sia arrivata sulla mia maglietta non lo so, certo che è preoccupante. Il primo pensiero va alla fine che stanno facendo le palme nel nostro paese grazie al punteruolo rosso (Rhynchophorus ferrugineus). Non è che importiamo Eucalyptus da questi paesi?
Per inciso, tali famiglie di Heteroptera, non sono menzionate nella fauna europea.
Immagine:
Thaumastocoris  peregrinus (Italia) NUOVO  PER L''EUROPA
127,73 KB
Immagine:
Thaumastocoris  peregrinus (Italia) NUOVO  PER L''EUROPA
105,13 KB
Un saluto

Claudio

Modificato da - Paris in Data 18 marzo 2012 11:55:59

Marsal
Moderatore


Città: Bellano
Prov.: Lecco

Regione: Lombardia


1752 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 30 luglio 2011 : 16:37:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
è bellissimo (mi scusino gli Eucalipti)

Chi ha prescha perda seis temp ("Chi ha fretta perde il suo tempo", detto romancio)
Torna all'inizio della Pagina

Paris
Moderatore


Città: Sondrio
Prov.: Sondrio

Regione: Lombardia


5590 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 31 luglio 2011 : 00:21:22 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Si tratta di Thaumastocoris peregrinus Carpintero & Dellapé, 2006. Secondo questi autori, è la prima specie di Thaumastocorinae trovata in S-America, visto che, usualmente, essi sono presenti in Australia e in S-Africa. Io sono portato a credere che questa specie sia stata importata dall'Oceania con gli eucalipti e che nelle zone di origine sia presente ma non comune (e quindi sconosciuta)in quanto limitata dai suoi nemici naturali. In Argentina e Brasile, probabilmente, è arrivato per primo questo parassita dell'eucalipto rispetto alle altre specie note, e si è pertanto diffuso in maniera infestante.

QUESTA SPECIE E' NUOVA PER LA FAUNA EUROPEA

Esiste uno studio genetico su questa specie di cui è stato indagato il DNA: emergerebbero sostanzialmente delle mutazioni nel passaggio dall'Australia al S-Africa, al S-America. Probabilmente esse non sono avvenute negli ultimi anni, come potrebbe sembrare per il fatto che la descrizione è recente (2006), bensì da quando gli eucalipti sono stati esportati verso tutti i continenti. Quindi, la presenza di questa specie in Europa, potrebbe essere stata latente, sino al momento in cui si sono verificate particolari condizioni climatiche che ne stanno aumentando, probabilmente, la diffusione. Ma, su queste ipotesi, il condizionale è d'obbligo sino a quando non verranno trovati altri esemplari italiani e europei. Mi sembra interessante osservare che le latitudini (Argentina, S-Africa, Mediterraneo) sono più o meno identiche, nell'emisfero settentrionale che in quello meridionale.
L'aspetto esterno, che ricorda vagamente un Henestaris (per la forma del capo) e un Orsillus (per le emi-elitre appiattite) non deve trarre in inganno. Infatti quei generi appartengono ai Lygaeidae mentre i Thaumastocoridae sono filogeneticamente e morfologicamente vicini ai Tingidae , basti osservare e confrontare la forma dei i tarsi. Le esigenze edafiche di questa specie potrebbero inoltre essere molto simili a quelle delle Corythucha del platano o della quercia.
Le similitudini morfologiche sono determinate piuttosto da un adattamento all'ambiente e alle cosidette "convergenze evolutive" osservate in specie appartenenti a raggruppamenti tassonomici molto distanti fra loro (mantidi e mantispidi, ad es.). In questo caso, immagino, è fondamentale la necessità di trascorrere i periodi avversi dell'anno sotto le corteccie più attaccate al tronco degli eucalitpti (dove è presente un microclima e un quoziente di umidità diverso da quelle semi-sollevate) o nei frutti legnosi semi-aperti (come avviene negli Orsillus che svernano nei frutti dei cipressi). Non a caso O. depressus riesce a sopravvivere anche nelle Alpi pur essendo una specie a gravitazione meridionale.
Insomma, per dirla in maniera molto pedestre, i canguri sembrano grossi conigli, ma sono notoriamente un'altra cosa.

-----------
Link
Torna all'inizio della Pagina

Marsal
Moderatore


Città: Bellano
Prov.: Lecco

Regione: Lombardia


1752 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 03 agosto 2011 : 14:14:24 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Bellissima descrizione. La faccenda è molto intrigante

Chi ha prescha perda seis temp ("Chi ha fretta perde il suo tempo", detto romancio)
Torna all'inizio della Pagina

Claude54
Utente Senior

Città: Roma

Regione: Lazio


2253 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 13 ottobre 2011 : 14:37:09 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
12.10.2011 - Guidonia Montecelio - Trovato un secondo esemplare di Thaumastocoris peregrinus, dimensioni 2 mm. Il ritrovamento è avvenuto nelle medesime circostanze della volta precedente, ossia su un capo di biancheria messa ad asciugare. Anche il questo caso il colore dell'indumento è blu, probabilmente c'è qualche legame tra l'insetto e questo colore.
Immagine:
Thaumastocoris  peregrinus (Italia) NUOVO  PER L''EUROPA
94,66 KB
Immagine:
Thaumastocoris  peregrinus (Italia) NUOVO  PER L''EUROPA
65,18 KB
Un saluto a tutti

Claudio
Torna all'inizio della Pagina

Claude54
Utente Senior

Città: Roma

Regione: Lazio


2253 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 ottobre 2011 : 23:58:56 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ho visto poco fa che è uscito un opuscolo del Servizio Fitosanitario della Regione Lazio sul Thaumastocoris peregrinus, chi fosse interessato può scaricarlo QUI, un saluto

Claudio
Torna all'inizio della Pagina

Claude54
Utente Senior

Città: Roma

Regione: Lazio


2253 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 13 gennaio 2012 : 13:15:58 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Forse questo post dovrebbe essere contrassegnato come specie aliena

Claudio
Torna all'inizio della Pagina

Bale
Utente Junior

Città: Trento


51 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 20 settembre 2016 : 17:52:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao a tutti, ritorno su questo interessante post perché mi è capitato, in un campeggio in Sardegna pochi giorni fa, che la tenda fosse letteralmente infestata da centinaia per non dire migliaia, di questi Thaumastocoris peregrinus (o almeno credo) allego comunque una foto. Nel campeggio in questione, come in molte parti della Sardegna, sono diffusi gli Eucalyptus. Sapete se un tal numero di esemplari è normale? perché per gli ospiti (ed anche per noi) del campeggio sono stati sicuramente una presenza sgradita.

Saluti,
Alessandro


Immagine:
Thaumastocoris  peregrinus (Italia) NUOVO  PER L''EUROPA
175,38 KB

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2018 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,46 secondi. TargatoNA.it | Movie BackStage | Snitz Forums 2000

Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net