Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |Tassonomia Natura Mediterraneo | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Animali - Natura Mediterraneo
 MOLLUSCHI TERRESTRI E DULCIACQUICOLI
 Abida secale secale (Draparnaud, 1801)
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

oliv
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


607 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 05 settembre 2007 : 19:50:40 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Gastropoda Famiglia: Chondrinidae Genere: Abida Specie:Abida secale secale
Albida secale ( Draparnaud , 1801 ) misura 7 x 3 mm .
Di un bel colore marroncino, slanciata , simile a C. avenacea
sono molto evidenti sul dorso in trasparenza L'impronta delle pliche paletali
Anche questa specie ha la stessa provenienza di chondrina oligodonta
fatto curioso che sulla stessa lastra di calcare vivono assieme
l'una vicino al'altra
Chondrina oligodonta , Chondrina avenacea , Albida secale ,
Pyramidula rupestris , Solatopupa juliana.
Oliv .

Immagine:
Abida secale secale (Draparnaud, 1801)
128,18 KB

Modificato da - Subpoto in Data 05 settembre 2007 21:07:22

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8325 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 settembre 2007 : 00:06:51 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Molto interessante questa specie,la forma delle Alpi Apuane fu attribuita da De Stefani(1883) alla forma boileausiana Charpentier essendo più piccola della specie tipo e con la presenza di una plica sopraparietale duplice ed una quinta plica(lamella sopracolumellare) molto evidente. Giusti(1970) rifiuta quest'attribuzione, anche accertando che la media delle dimensioni di questa popolazione è inferiore a quella della specie tipo, constata che gli altri caratteri evidenziati dal De Stefani sono variabili anche all'interno delle singole popolazioni e che compaiono anche in individui della specie tipo.
Pertanto continueremo a chiamarla Abida secale secale (Draparnaud, 1801).



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

ang
Moderatore


Città: roma

Regione: Lazio


9109 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 settembre 2007 : 10:23:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
la variabilità nella denticolatura in questa specie ha dato luogo all'istituzione di un'infinità di sottospecie e razze locali, distribuite specialmente in Italia, Francia e Spagna
variazioni analoghe si incontrano anche in altri Chondrinidae; ad es. nella Granaria illyrica è frequente il morfo con le pliche angolari fuse o con pliche palatali sovrannumerarie; Giusti nel lavoro sui Monti Reatini discute anche della var. apennina che si differenzia tal tipo per la presenza di un nodulo parietale, è facile però verificare come esemplari con o senza nodulo vivano mescolati

ciao

ang

C'è sempre un baco nella mela. E il baco siamo noi (Alan Burdick)
Torna all'inizio della Pagina

oliv
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


607 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 06 settembre 2007 : 14:54:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie subpoto e ang
per le informazioni bibliografiche che fornite.
Oliv
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8325 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 10 settembre 2007 : 21:31:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Mi serve una conferma dell'habitat di questa specie nelle Alpi Apuane,tutti i ritrovamenti da me effettuati di questa specie sono stati effettuati a quote elevate sotto pietre sparse nel pascolo magro del piano cacuminale.
Non l'ho mai trovata nello stesso habitat di Chondrina avenacea, dalle mie esperienze direi che sostituisce nell'habitat Granaria illyrica a quote più elevate.
L'esemplare fotografato di 6 mm. proviene dalla cima del Monte Autore nei Simbruini a quota 1850 m.

Albida secale
Abida secale secale (Draparnaud, 1801)



Abida secale secale (Draparnaud, 1801)




La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina

Subpoto
Moderatore


Città: Roma
Prov.: Roma

Regione: Lazio


8325 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 04 giugno 2013 : 00:07:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Per correggere le informazioni date nel precedente post inserisco un nuovo ritrovamento di Abida secale nella località "Montagna spaccata" a 1250 m presso l'altipiano delle cinque miglia tra Rocca Pia e Roccaraso.
A conferma dell'habitat fornito da Oliv la specie era su parete verticale in una fitta faggeta simpatrica con Condrina avenacea.


Abida secale Montagna Spaccata 1250 m
Abida secale secale (Draparnaud, 1801)


Dunque anche nel'appennino centrale l'habitat di questa specie è più vario di quello che avevo ipotizzato.



La natura è un libro aperto, siamo noi che non sappiamo leggerlo

Sandro
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2014 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,36 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

Cooperativa Darwin | Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net