Forum | Registrati | Msg attivi | Msg Recenti | Msg Pvt | Utenti | Galleria | Map | Gadgets | Cerca | | FAQ | Regole |Tassonomia Natura Mediterraneo | Pagina Facebook di Natura Mediterraneo | Google+
Suggerimento: Hai provato la nostra ricerca tassonomica da Browser? Clicca qui per info!
Cerca
Salva
Password dimenticata

 Galleria Tassonomica
 di Natura Mediterraneo
 



 Tutti i Forum
 Forum Biologia Marina - Mare Mediterraneo
   MOLLUSCHI
 Gastropoda
 Coralliophila brevis da La Maddalena
 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva >>
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pag.di 2

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 18 agosto 2006 : 19:59:06 Mostra Profilo  Apri la Finestra di Tassonomia

Classe: Gastropoda Ordine: Famiglia: Coralliophilidae Genere: Coralliophila Specie:Coralliophila brevis
Posto queste C brevis provenienti da La Maddalena che l'amico Tonino ha trovato alla profondità di 300 m vive e attaccate al bisso della Pteria hirundo. Un pezzetto di bisso si vede ancora.
Avete mai sentito di ritrovamenti simili?



Immagine:
Coralliophila brevis da La Maddalena
120,08 KB

Spanter

Modificato da - Ermanno in Data 24 ottobre 2009 23:34:39

argonauta
Utente Super


Città: Guidonia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


6451 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 18 agosto 2006 : 20:48:34 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Maria Teresa negli anni scorsi ho ricevuto dai corallari di Fertilia sia Pteria hirundo che Coralliophila brevis ma mai in associazione fra di loro. Da notare solo una costante che tutte le Coralliophile, non solo la brevis, sono tutte di taglia inferiore alla media.

Mario

Volgi gli occhi allo sguardo del tuo cane: puoi affermare che non ha un'anima?
(Victor Hugo)
Torna all'inizio della Pagina

albert2006
Utente V.I.P.


Città: Cagliari
Prov.: Cagliari

Regione: Sardegna


301 Messaggi
Tutti i Forum

Inserito il - 19 agosto 2006 : 11:29:59 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Classe: Gastropoda Ordine: Famiglia: Coralliophilidae Genere: Coralliophila Specie:Coralliophila brevis
saluti
Alcune C. brevis da Villasimius su gorgonie prof. -25 mt.
la più grande mm. 26
ciao
Alberto



Immagine:
Coralliophila brevis da La Maddalena
89,82 KB

Modificato da - Ermanno in data 24 ottobre 2009 23:35:23
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


1979 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 19 agosto 2006 : 22:03:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Spanter

Molto interessanti le tue foto.

Sia le Coralliophila brevis sia le Pteria hirundo vivono in associazione con le gorgonie.
Le giovani C. brevis in genere si muovono tra i rami, ma una volta diventate adulte si posizionano stabilmente alla base delle gorgonie o alla biforcazione dei rami principali. In queste condizioni può avvenire che una Pteria hirundo nell'attaccare il proprio bisso alla gorgonia, inglobi accidentalmente anche una C. brevis.



Ciao Fabio
Torna all'inizio della Pagina

myzar
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


3886 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 19 agosto 2006 : 22:12:49 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Fabiomax:

Ciao Spanter
Molto interessanti le tue foto.
Sia le Coralliophila brevis sia le Pteria hirundo vivono in associazione con le gorgonie.
Le giovani C. brevis in genere si muovono tra i rami, ma una volta diventate adulte si posizionano stabilmente alla base delle gorgonie o alla biforcazione dei rami principali. In queste condizioni può avvenire che una Pteria hirundo nell'attaccare il proprio bisso alla gorgonia, inglobi accidentalmente anche una C. brevis.
Ciao Fabio

L'ipotesi di Fabio mi sembra molto sensata e mi rimuove alcune sensazioni di difficoltà in cui la nota di spanter mi aveva lasciato.
Vorrei approfittare anche dell'occasione per far sapere a tutti che Fabiomax mi è stato tempo addietro di grande aiuto procurandomi un raro lavoro con grandissima disponibilità e cortesia, cosa della quale lo ringrazio qui ed ovviamente nel lavoro che potrà leggere sul prossimo Bollettino malacologico.
myzar
Torna all'inizio della Pagina

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 19 agosto 2006 : 22:20:35 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Fabiomax:

Ciao Spanter

Molto interessanti le tue foto.

Sia le Coralliophila brevis sia le Pteria hirundo vivono in associazione con le gorgonie.
Le giovani C. brevis in genere si muovono tra i rami, ma una volta diventate adulte si posizionano stabilmente alla base delle gorgonie o alla biforcazione dei rami principali. In queste condizioni può avvenire che una Pteria hirundo nell'attaccare il proprio bisso alla gorgonia, inglobi accidentalmente anche una C. brevis.



Ciao Fabio



Caro Fabio grazie. Ho letto con tanto piacere la tua risposta,che mi da informazioni sul comportamento della C. brevis. Tutto ciò che riguarda la vita dei molluschi a me interessa moltissimo. Non è che sapresti dirmi, ad esempio, perchè le brevis che stanno sul corallo rosso sono in genere piccole?
Spanter

Modificato da - spanter in data 19 agosto 2006 22:34:31
Torna all'inizio della Pagina

argonauta
Utente Super


Città: Guidonia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


6451 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 20 agosto 2006 : 07:19:13 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di spanter:


.........

/quote]

Caro Fabio grazie. Ho letto con tanto piacere la tua risposta,che mi da informazioni sul comportamento della C. brevis. Tutto ciò che riguarda la vita dei molluschi a me interessa moltissimo. Non è che sapresti dirmi, ad esempio, perchè le brevis che stanno sul corallo rosso sono in genere piccole?Spanter


Mi piacerebbe saperrlo anche a me perchè non solo le brevis ma tutte le Coralliophile che vivono sul corallo roso sono sempre di misura piccola.

Mario

Volgi gli occhi allo sguardo del tuo cane: puoi affermare che non ha un'anima?
(Victor Hugo)
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


1979 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 agosto 2006 : 14:46:28 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Vorrei approfittare anche dell'occasione per far sapere a tutti che Fabiomax mi è stato tempo addietro di grande aiuto procurandomi un raro lavoro con grandissima disponibilità e cortesia, cosa della quale lo ringrazio qui ed ovviamente nel lavoro che potrà leggere sul prossimo Bollettino malacologico.
myzar


Ciao Myzar
Per la prima volta il mio nome comparirà sul Bollettino Malacologico! Ne sono contentissimo!

Considero la bibliografia importantissima. In tutti i miei scambi io offro le mie conchiglie in cambio di pubblicazioni malacologiche, in questo modo la mia biblioteca è andata crescendo sempre di più, mentre la mia collezione di conchiglie continua a rimanere piccina.

Ciao Fabio

Modificato da - Fabiomax in data 21 agosto 2006 14:56:15
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


1979 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 21 agosto 2006 : 15:07:45 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Caro Fabio grazie. Ho letto con tanto piacere la tua risposta,che mi da informazioni sul comportamento della C. brevis. Tutto ciò che riguarda la vita dei molluschi a me interessa moltissimo. Non è che sapresti dirmi, ad esempio, perchè le brevis che stanno sul corallo rosso sono in genere piccole?
Spanter


Ciao Spanter

Ho fatto una breve ricerca ma io non ho trovato un granché.
L'unica cosa che mi viene in testa è che: in genere tutti gli organismi che si ritrovano a vivere in condizioni ecologiche sfavorevoli presentano spesso dimensioni inferiori alla media. Forse il corallo rosso offre meno nutrienti (rispetto alle gorgonie) o forse la maggiore profondità gioca a sfavore delle Coralliophile.

Questa però è una regola generale.

Ciao Fabio.



Modificato da - Fabiomax in data 21 agosto 2006 15:09:34
Torna all'inizio della Pagina

argonauta
Utente Super


Città: Guidonia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


6451 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 15:32:42 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Fabiomax:


Caro Fabio grazie. Ho letto con tanto piacere la tua risposta,che mi da informazioni sul comportamento della C. brevis. Tutto ciò che riguarda la vita dei molluschi a me interessa moltissimo. Non è che sapresti dirmi, ad esempio, perchè le brevis che stanno sul corallo rosso sono in genere piccole?
Spanter


Ciao Spanter

Ho fatto una breve ricerca ma io non ho trovato un granché.
L'unica cosa che mi viene in testa è che: in genere tutti gli organismi che si ritrovano a vivere in condizioni ecologiche sfavorevoli presentano spesso dimensioni inferiori alla media. Forse il corallo rosso offre meno nutrienti (rispetto alle gorgonie) o forse la maggiore profondità gioca a sfavore delle Coralliophile.

Questa però è una regola generale.

Ciao Fabio.





Ciao Fabio più che plausibile la tua spiegazione a cui va aggiunto che la temperatura dell'acqua nella zona di Alghero è generalmente bassa a causa di correnti fredde che credo influisca molto sull'ecosistema.

Mario

Volgi gli occhi allo sguardo del tuo cane: puoi affermare che non ha un'anima?
(Victor Hugo)
Torna all'inizio della Pagina

myzar
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


3886 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 15:52:18 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di argonauta:
..............
Ciao Fabio più che plausibile la tua spiegazione a cui va aggiunto che la temperatura dell'acqua nella zona di Alghero è generalmente bassa a causa di correnti fredde che credo influisca molto sull'ecosistema.
Mario
..............

Visto che ci siamo, Mario, si può sapere di piu di questa corrente fredda che giunge ad Alghero?
myzar

Modificato da - myzar in data 21 agosto 2006 15:53:32
Torna all'inizio della Pagina

argonauta
Utente Super


Città: Guidonia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


6451 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 16:08:07 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Ciao Enzo non so dirti da dove provengano le correnti fredde che lambiscono Alghero. Ma ti assicuro che in piena estate nella zona che va da Porto Conte a Fertilia la temperatura dell'acqua è molto fredda e sovente capita di essere investiti da correnti davvero gelide. Davanti a Capo Caccia in partricolare nei pressi dell'isolotto della Foradada è impossibile anche semplicemente bagnarsi senza muta. Credo che anche Spanter dovrebbe confermarlo senza problemi.

Mario

Volgi gli occhi allo sguardo del tuo cane: puoi affermare che non ha un'anima?
(Victor Hugo)
Torna all'inizio della Pagina

myzar
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


3886 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 18:14:52 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di argonauta:

Ciao Enzo non so dirti da dove provengano le correnti fredde che lambiscono Alghero. Ma ti assicuro che in piena estate nella zona che va da Porto Conte a Fertilia la temperatura dell'acqua è molto fredda e sovente capita di essere investiti da correnti davvero gelide. Davanti a Capo Caccia in partricolare nei pressi dell'isolotto della Foradada è impossibile anche semplicemente bagnarsi senza muta. Credo che anche Spanter dovrebbe confermarlo senza problemi.
Mario

Da quel che dici è allora una corrente superficiale; siamo sicuri che abbia qualcosa a che vedere con il corallo ad oltre 100 metri di profondità?
myzar
Torna all'inizio della Pagina

argonauta
Utente Super


Città: Guidonia
Prov.: Roma

Regione: Lazio


6451 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 18:53:32 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Sinceramente non lo so. Bisognerebbe che Spanter ci dicesse la sua.

Mario

Volgi gli occhi allo sguardo del tuo cane: puoi affermare che non ha un'anima?
(Victor Hugo)
Torna all'inizio della Pagina

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 21 agosto 2006 : 23:57:51 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Cari amici ciao a tutti.Anzitutto grazie a Fabiomax per la sua spiegazione sulle dimensioni della Coralliophila brevis e devo dire che ha ragione anche Argonauta a dire che un po' tutte le Coralliophile del corallo sono piccine, eccetto la squamosa. In effetti anch'io ho pensato che le condizioni ambientali siano per molti versi difficili e questo comporti per le Coralliophile una crescita inferiore alla media.
Riguardo alla corrente mi è stato spiegato che proviene dall'Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra, si muove da ovest ad est nella direzione delle coste africane ma ad un certo punto si suddivide in due rami:un ramo va verso il Tirreno centrale ed un altro risale lungo la costa occidentale della Sardegna.
Non credo che la corrente sia solo superficiale,perchè Tonino Paddeu, un corallaro di Alghero che conosco bene ,mi ha spesso parlato delle difficoltà che incontra nel suo lavoro per la presenza di forti correnti. Altro non so dirvi. Credo comunque che queste correnti siano state oggetto di studio e sicuramente qualche bravo biologo potrebbe dare spiegazioni più dettagliate e precise.
Spanter
Torna all'inizio della Pagina

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 22 agosto 2006 : 00:20:16 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di Fabiomax:

Ciao Spanter

Molto interessanti le tue foto.

Sia le Coralliophila brevis sia le Pteria hirundo vivono in associazione con le gorgonie.
Le giovani C. brevis in genere si muovono tra i rami, ma una volta diventate adulte si posizionano stabilmente alla base delle gorgonie o alla biforcazione dei rami principali. In queste condizioni può avvenire che una Pteria hirundo nell'attaccare il proprio bisso alla gorgonia, inglobi accidentalmente anche una C. brevis.



Ciao Fabio



Caro Fabiomax rileggendo il post mi sono ricordata che il mio amico Tonino mi ha detto che a 300 metri di profondità non ci sono Gorgonie perchè le Pteria hirundo risalgono, impigliate nelle reti, senza Gorgonie e unite fra di loro con il bisso.
Che cosa ne pensi tu in proposito? Grazie
Spanter
Torna all'inizio della Pagina

myzar
Utente Senior


Città: Livorno
Prov.: Livorno

Regione: Toscana


3886 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 22 agosto 2006 : 09:17:17 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Grazie della spiegazione riguardante le correnti: conosco bene questa corrente che circola nel Mediterraneo in profondità, con effetti anche sulle acque superficiali. I suoi effetti sono presenti in vari punti italiani, a comincire dalla parte occidentale della Sicilia dove appunto questa corrente comincia arisalire con un ramo a nord verso la Sardegna ed uno ad ovest verso Ustica; e conosco anche l'effetto citato da Mario sin da quando nel lontano 71 ebbi l'idea di andare a fare un bagnoa Marinella di Selinunte: letteralmente rimbalzai sull'acqua.
myzar
Torna all'inizio della Pagina

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 22 agosto 2006 : 09:53:05 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Caro Myzar ,vieni ad Alghero e proverai di nuovo "l'ebbrezza" provata a Marinella di Selinunte
A parte gli scherzi,penso che la presenza di questa corrente,oltre a permettere bagni molto tonificanti , sia favorevole per la crescita e lo sviluppo del Corallo rosso.

Spanter
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


1979 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 22 agosto 2006 : 15:09:10 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia

Caro Fabiomax rileggendo il post mi sono ricordata che il mio amico Tonino mi ha detto che a 300 metri di profondità non ci sono Gorgonie perchè le Pteria hirundo risalgono, impigliate nelle reti, senza Gorgonie e unite fra di loro con il bisso.
Che cosa ne pensi tu in proposito? Grazie
Spanter


Ciao Spanter
Il discorso che ho fatto per le gorgonie vale anche per il corallo rosso.
Le P. hirundo si attaccano a qualsiasi corpo solido ed esposto alle correnti marine, quindi anche una semplice protuberanza rocciosa.
Le Coralliophile invece sono parassiti di gorgonacei e madreporari. Pertanto io penso che le due specie di molluschi si possano incontrare insieme quasi esclusivamente su gorgonacei o madreporari.

A conferma del fatto che le Coralliophila brevis adulte si posizionano stabilmente alla base (o alla biforcazione dei rami principali) dei gorgonacei, ti posto le foto di due esemplari della mia piccola collezione. Come puoi osservare l'Eunicella cavolinii ha avuto tutto il tempo per ricoprire una buona parte di una Coralliophila con il proprio cenosarco. Così Il "povero" mollusco è rimasto immobilizzato per sempre. Sono state trovate Coralliophile saldamente cementate al substrato anche da alghe calcaree (Lithophyllum) o da Vermetus.
Tutto ciò spiega l'estrema variabilità della conformazione dell'apertura della Coralliophila brevis

Ciao Fabio

Immagine:
Coralliophila brevis da La Maddalena
146,42 KB

Immagine:
Coralliophila brevis da La Maddalena
149,04 KB




Torna all'inizio della Pagina

spanter
Utente Senior


Città: Alghero
Prov.: Sassari

Regione: Sardegna


3358 Messaggi
Biologia Marina

Inserito il - 22 agosto 2006 : 19:34:17 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia


Grazie Fabiomax per le tue foto e per l'ulteriore chiarimento.
Da ciò che tu dici devo pensare quindi che le brevis di Tonino, prese vive alla profondità di 300 m, se non predavano le Gorgonie, visto che non sono rimaste impigliate alle reti, predavano sicuramente qualche Madrepora.
Ed ora ,scusa la mia totale ignoranza, ma non riesco a capire come facciano le brevis adulte, dopo che si posizionano e quindi non si muovono più, a continuare a nutrirsi.
Per spiegarmi meglio: come fa il cibo di cui hanno bisogno ad arrivare sino a loro?
Grazie
Spanter
Torna all'inizio della Pagina

Fabiomax
Moderatore


Città: Cefalù
Prov.: Palermo

Regione: Sicilia


1979 Messaggi
Flora e Fauna

Inserito il - 22 agosto 2006 : 21:23:23 Mostra Profilo Apri la Finestra di Tassonomia
Messaggio originario di spanter:



Grazie Fabiomax per le tue foto e per l'ulteriore chiarimento.
Da ciò che tu dici devo pensare quindi che le brevis di Tonino, prese vive alla profondità di 300 m, se non predavano le Gorgonie, visto che non sono rimaste impigliate alle reti, predavano sicuramente qualche Madrepora.
Ed ora ,scusa la mia totale ignoranza, ma non riesco a capire come facciano le brevis adulte, dopo che si posizionano e quindi non si muovono più, a continuare a nutrirsi.
Per spiegarmi meglio: come fa il cibo di cui hanno bisogno ad arrivare sino a loro?
Grazie
Spanter


Ciao Spanter

Sui gorogonacei (Gorogonie, Corallium rubrum) le Coralliophila brevis inseriscono la loro proboscide nel cenosarco e succhiano da li le sostanze nutritive.

Se a 300 metri di profondità avviene qualcos'altro, io te lo saprò dire quando Babbo Natale si deciderà a farmi trovare sotto l'albero il minisommergibile dei miei sogni!

A parte gli scherzi, Se Tonino continuerà a fornirti delle Pteria hirundo con coralliophile attaccate al bisso tu avrai le tue risposte e magari scoprirai qualcosa che ancora s'ignora. Io provo solo a dare una risposta in base alle mie semplici conoscenze e osservazioni sul campo.

In un certo senso t'invidio, perché piacerebbe anche me avere un Tonino per amico. Beata tu!
Torna all'inizio della Pagina
Pag.di 2 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Pagina Successiva >>

 Nuova Discussione
 Versione Stampabile my nm Leggi più tardi
Scorciatoia






Forum Natura Mediterraneo © 2003-2014 Natura Mediterraneo Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,59 secondi. TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

Cooperativa Darwin | Leps.it | Herp.it | Ecotrekking.it | Lynkos.net