Natura Mediterraneo

 

Ditisco

Cerca
 
     

 Copyright Natura Mediterraneo 2003 - 2014

Home / Fauna / Insetti / Ditisco

Ditisco Dytiscus circumflexus

 
 
Ditisco

Ditisco

 

Il ditisco

La numerosa famiglia dei ditiscidi conta centinaia di specie tutte caratterizzate dall'essere ottime nuotatrici grazie ad una serie di speciali adattamenti alla vita acquatica: il corpo è di forma lenticolare, cioè ovale e appiattito, ricoperto di un tegumento molto duro e lucido, che lo rende perfettamente idrodinamico; il capo, largo e incassato nella prima porzione del torace, porta grandi occhi composti e minute antenne filiformi; il terzo paio di zampe sono particolarmente robuste e frangiate di fitti peli natatori idrofughi che conferiscono loro un aspetto remiforme e sono appunto usate come due potenti remi per spostarsi nell'acqua.
Pur passando la maggior parte del tempo sott'acqua, questi coleotteri sono costretti a riemergere periodicamente per respirare, incamerando l'ossigeno sotto forma di bolle d'aria con l'estremità posteriore dell'addome, all'interno della quale è presente una cavità ove si aprono gli stigmi respiratori (questo particolare accorgimento permette loro di resistere anche 10-15 minuti in "apnea", ed ha dato il nome all'intera famiglia: "Dytes" infatti in greco significa "palombaro").
Durante l'accoppiamento, che si svolge completamente sott'acqua, il maschio si aggrappa alla femmina, trattenendola per mezzo di due singolari espansioni adesivi presenti sui tarsi anteriori (caratteristica, quest'ultima, che sommata alle elitre, che nelle femmine sono scanalate permette di distinguere facilmente i due sessi).
Le uova vengono deposte in primavera all'interno di tessuti di vegetali acquatici vivi, utilizzando un particolare ovopositore lungo circa 10mm. Poiché si tratta di un'operazione piuttosto delicata che richiede molto tempo e precisione, la femmina riesce a deporre solo 10-15 uova al giorno, e producendone un numero variabile da 500 a 1000, l'intero processo di deposizione si protrae per circa dieci settimane.
La forma larvale è profondamente diversa da quella adulta (cosa usuale tra gli insetti), avendo un corso slanciato e fusiforme lungo fino a 60mm. Le larve dei ditiscidi, assieme a quelle delle libellule, sono di gran lunga fra i più voraci invertebrati d'acqua dolce, tanto da essersi meritate, presso gli inglesi, il soprannome di "tigri delle acque".
Abilissime nuotatrici, sono dotate di mascelle robuste, trasformate in tenaglie in grado di catturare prede notevolmente più grosse di loro (altri insetti e larve, vermi, girini e anche piccoli pesci). Le mandibole sono cave, percorse internamente da canalicoli comunicanti col tubo digerente, e attraverso di esse la larva riversa nei tessuti della sua preda i propri succhi gastrici succhiando la poltiglia fluida che ne deriva (classico esempio di digestione esterna).
Pare che, così facendo, sia in grado di "succhiare" fino a 50 girini al giorno!
Al momento della metamorfosi finale, le ninfe si seppelliscono nella fanghiglia umida ai bordi dello stagno.
La specie rappresenta in questa scheda è Dytiscus circumflexus, dalla livrea marrone a riflessi verdastri orlata da una linea gialla.

Lo sapevate che...

Oltre ad essere degli ottimi nuotatori, i ditiscidi sono anche dei buoni volatori; infatti sotto le dure elitre che ricoprono completamente l'addome, sono presenti ali ben sviluppate e atte al volo, che consentono loro di spostarsi, solitamente durante la notte, da uno stagno all'altro.

 

 

Valid HTML 4.01 Transitional